Libreria Editrice OssidianeLibreria Editrice Ossidiane

Libri dalla categoria Esistenza

Insegnamenti di Yoga Tibetano – Un’Introduzione agli Esercizi Mentali e Fisici del Misticismo Tibetano

Insegnamenti di Yoga Tibetano – Un’Introduzione agli Esercizi Mentali e Fisici del Misticismo Tibetano

Titolo originale: Teachings of Tibetan Yoga

Autore/i: Garma C. C. Chang

Editore: Ubaldini Editore

introduzione di John C. Wilson, prefazione dell’autore, traduzione di .

pp. 120, Roma

Alcuni brevi testi usati dai tibetani come un manuale semplice e preciso per la teoria e per la pratica dei due tipi fondamentali di yoga del tantrismo tibetano.

«Sebbene la letteratura tibetana sia molto vasta, l’insegnamento più alto è sempre semplice e preciso». Sulla base di questa convinzione G. C. C.
Chang, un maestro di Buddhismo tibetano ma cinese di nascita, ha selezionato pochi, brevi testi per illustrare in modo «semplice e preciso» i due tipi fondamentali di yoga del Buddhismo tibetano. Sebbene siano testi esoterici, che fanno parte del patrimonio tramandato oralmente da Guru a discepolo e che la tradizione vieta di divulgare, Chang ha ritenuto legittimo rompere la tradizione stessa, in considerazione delle difficoltà in cui versava lo studio del tantrismo tibetano all’epoca in cui il volume è stato scritto (1962), mettendo però in guardia il lettore dallo sperimentare incautamente e senza controllo i 6 yoga la cui pratica è dettagliatamente descritta nei testi in questione.
Tre testi sulla Mahamudra introducono, con una chiarezza e immediatezza senza pari, nel cuore stesso dello Yoga della Mente. Mentre lo Yoga dell’Energia è illustrato da un testo altrettanto breve e preciso, che descrive la pratica dei Sei Yoga di Naropa (gli yoga del Calore, del Corpo Illusorio, del Sogno, della Luce, del Bardo e della Trasformazione).
In sostanza questo libro è un’introduzione estremamente concentrata agli esercizi mentali, fisici e spirituali del Buddhismo tibetano, con particolare rilievo alla pratica degli esercizi yoga, la chiave della cui comprensione è l’apprendimento del Dumo: la generazione di calore interno nel proprio corpo.

Garma C. C. Chang, autore-traduttore di questo libro, è nato in Cina circa sessantanni fa da una famiglia d’alto rango. Nella prima giovinezza abbandonò il suo ambiente per diventare discepolo di un Guru buddhista, in una zona della Cina vicina al Tibet. Il suo Guru lo mandò in Tibet a perfezionare la sua istruzione. Dopo otto anni nei monasteri tibetani, sei dei quali con un Guru, venne in Occidente a studiare tecniche di allevamento, con l’intento di riportare le sue conoscenze al Tibet. La vittoria comunista in Cina e l’invasione del Tibet gli preclusero la via del ritorno. La sua dedizione al Buddhismo tibetano si può esprimere adesso nel modo migliore con la traduzione degli insegnamenti sconosciuti del Buddhismo tibetano. Ha pubblicato in inglese una traduzione della principale opera religiosa del Tibet, I centomila canti di Milarepa, e ha scritto un volume già tradotto e pubblicato nella presente collana: La dottrina buddhista della totalità.

Dossier Scientifico su Medjugorje – Su Medjugorje Parlano Medici e Teologi

Dossier Scientifico su Medjugorje – Su Medjugorje Parlano Medici e Teologi

Autore/i: Frigerio Luigi; Bianchi Luigi; Mattalia Giacomo

Editore: Grafica Marelli

unica edizione, presentazione di Flaminio Piccoli, premessa e introduzione degli autori.

pp. 192, numerose fotografie a colori f.t., numerose fotografie e illustrazioni b/n, Como

Dal 24 giugno 1981 in un piccolo paese della Bosnia-Erzegovina, Medjugorje, si ripetono quotidianamente le «apparizioni» della Madre di Dio, la Beata Vergine Regina della Pace.
Numerose e controverse sono le reazioni riguardanti questo fenomeno eccezionale che si verifica in una nazione dell’Est-europeo.
Per dare una risposta qualificata e oggettiva a questi interrogativi, una équipe di medici italiani, affiancata da un gruppo internazionale di teologi, da 3 anni sta studiando a fondo questi avvenimenti.
Questo libro costituisce una raccolta inedita di    documenti, testimonianze e studi scientifici
realizzati con rapporto di strumentazioni medico-diagnostiche d’avanguardia.
La posizione della Chiesa di fronte a questi fenomeni viene descritta attraverso la trattazione di autorevoli studiosi ed esperti di teologia mistico-spirituale.

Magnetismo Animale e Magia

Magnetismo Animale e Magia

Titolo originale: Animalischer Magnetismus und Magie

Autore/i: Schopenhauer Arthur

Editore: Edizioni EST

a cura di Elena Tavani, prefazione di Alessandro Arbo, in copertina: Victor Brauner, La nascita della materia (1940).

pp. XII-84, Pordenone

«Ottenere un’espansione dell’immediata sfera della volontà oltre il singolo corpo di colui che vuole: questo era il compito della magia.»

Le Virtù Terapeutiche della Natura – Manuale a Uso Domestico

Le Virtù Terapeutiche della Natura – Manuale a Uso Domestico

Titolo originale: Die Heilkräfte der Natur, Ein Handbuch für den Hausgebrauch

Autore/i: Sponsel Heinz

Editore: Club degli Editori

premessa dell’autore, traduzione di Maria Agrati e Silvia Stefani.

pp. 300, Milano

Nonostante gli sforzi per raggiungerla e renderla malsana, la natura è ancora ricca di immense risorse benefiche che l’uomo, finalmente, pare deciso a riscoprire. Questo libro raccoglie quel gran numero di consigli pratici di medicina “naturale” che la scienza ha vagliato giudicandoli buoni: erbe, ma anche fanghi, bagni di calore, di mare, di luce; diete e pediluvi, cure idrotermali e respirazione corretta. Tutti gli argomenti sono presentati in forma sintetica, concreta, affabile, ripartiti in quattro grandi sezioni, ciascuna risalente a un grande elemento curativo naturale: l’Acqua, il Fuoco, l’Aria, la Terra. Sono i quattro elementi base della filosofia classica. Un ritorno, dunque, ma arricchito di tutte le nozioni acquisite negli ultimi decenni dallo straordinario sviluppo scientifico. Un manuale di vita quotidiana da tenere sempre a portata di mano.

Heinz Sponsel, nato nel 1913, in Baviera, Sponsel studiò filosofia e teologia. Concentrò poi il suo interesse sulla divulgazione scientifica di cui divenne uno dei più brillanti interpreti europei. Oggi vive e lavora ad Amburgo.

La Via della Perfezione – L’Insegnamento Segreto di un Maestro Curdo in Iran

La Via della Perfezione – L’Insegnamento Segreto di un Maestro Curdo in Iran

Titolo originale: La Voie de la Perfection – L’Enseignement Secret d’un Maître Kurde en Iran

Autore/i: Elahi Bahram

Editore: Ubaldini Editore

avvertimento dell’autore, edizione francese a cura di Jean During, traduzione di Maria Camilla Pallavicini.

pp. 160, 1 foto b/n, Roma

Nel cuore dell’Islam, tra i curdi iraniani, si è mantenuta viva una via spirituale che ingloba tutti gli elementi della mistica musulmana, quella degli Ahl-e Haqq, i “Ferventi di Dio”. Nella loro linea, numerosi maestri perfetti, santi e iniziati, hanno preservato al massimo grado il senso esoterico dell’Islam e delle altre religioni esoteriche.

Dopo la caduta di Adamo, il primo profeta, nel corso dei secoli gli uomini hanno beneficiato della guida degli inviati di Dio. Nella tradizione semitica tali inviati furono i profeti della Bibbia, il Cristo e infine Maometto. In altre tradizioni essi hanno portato altri nomi e molti tra loro sono stati dimenticati. Alcuni non sono stati mai nemmeno conosciuti, ma furono pur sempre degli iniziati, i Vali, i santi amati da Dio e incaricati di una missione spirituale.
I mistici musulmani, i sufi autentici, sanno che questi esseri sono sempre esistiti, sanno che essi sono gli intermediari indispensabili tra Dio e l’uomo, i custodi della verità esoterica. Le loro manifestazioni obbediscono a certe leggi, note agli iniziati come ai veri santi delle religioni rivelate. Questi uomini, i Vali, formano una Chiesa spirituale, un Ordine che talvolta si adegua a un ordine temporale, ma che ignora ogni limitazione storica, spaziale, culturale e confessionale.
La tradizione esoterica dei Vali nasce nel contesto dell’Islam shi’ita, dello Shi’ismo, che si originò quando, dopo la morte di Maometto, i seguaci della gnosi musulmana si riunirono attorno al Vali assoluto, l’Imām ’Ali, genero e primo compagno del Profeta. Dal primo Imām, ’Ali, fino all’ultimo, il Mehdi, la Perfezione assoluta si è manifestata in ciascuno dei dodici Imam che, nel corso dei secoli, insegnarono segretamente la quintessenza della Fede e della Conoscenza, mentre all’esterno gli adepti dei dogmi ufficiali elaboravano la brillante civiltà islamica. Dopo la scomparsa dell’ultimo Imam, però, lo shi’ismo divenne un movimento popolare, fissandosi progressivamente in una setta islamica ortodossa ed esoterica che oggi riunisce, principalmente in Iran, un decimo dei musulmani.
La verità è una fonte inesauribile, ma rimane nascosta e nessuno può attingervi se Dio non vuole. I sufi potevano pure organizzarsi in confraternite e perpetuare le tradizioni religiose, la verità spesso li sfuggiva rifugiandosi in un cuore puro e disinteressato, un essere predestinato, che a volte la portava all’insaputa di tutti.
Nondimeno, in certi ordini molto riservati, le condizioni erano particolarmente favorevoli alla venuta dei Vali. In tali ordini non c’è mai posto per il dubbio o l’esitazione, vi si conoscono i criteri veridici e infallibili, vi si sanno leggere i segni, si coglie l’allusione. Allorché appare un maestro designato da Dio, chi deve conoscere conosce, e chi deve vedere vede.
Il Maestro Elāhi è oggi l’ultimo di tali maestri e questo libro presenta una sintesi delle verità spirituali e dei principi della “Via della Perfezione” così come egli la trasmise e insegnò al suo figlio e discepolo Bahràm Elāhi.

Il Tempo della Meditazione Vipassana è Arrivato

Il Tempo della Meditazione Vipassana è Arrivato

L’Insegnamento e gli Scritti del Maestro con il Commento di S. N. Goenka

Autore/i: Sayagyi U Ba Khin

Editore: Ubaldini Editore

prefazione e cura di Pierluigi Confalonieri.

pp. 184, Roma

Cos’è la felicità? Con tutti i loro successi materiali e scientifici, gli uomini sono davvero più felici? Forse possono ogni tanto sperimentare dei piaceri, ma nel profondo del cuore non sono veramente felici, perché sanno che, pur riuscendo a controllare la materia, non hanno il controllo sulla propria mente.

La Vipassana è una tecnica di meditazione che aiuta a raggiungere il completo controllo sulla mente attraverso l’eliminazione di tutti i condizionamenti e le negatività. Il termine, che deriva dall’antico Pali, significa ‘chiara visione’, cioè vedere la realtà così com’è’.
La pratica non implica rituali, credenze religiose, culti o cieca fede. È una scienza: la scienza dell’osservazione dei propri fenomeni mentali e fisici, e costituisce l’essenza dell’insegnamento del Buddha. Impararla aiuterà ad affrontare con mente equilibrata tutti i problemi e le vicissitudini della vita.
“Il tempo della meditazione vipassana è arrivato… Siamo certi che chi vorrà, con mente aperta e sincera, partecipare a un corso di dieci giorni per imparare, sotto la guida di un maestro competente, questa tecnica di meditazione, otterrà risultati immediati, sicuri e concreti. Imparerà un metodo per affrontare la vita in uno stato di benessere e felicità.
“È giunto per tutti il momento di imparare la meditazione vipassana, per trovare una fonte di quiete nella confusione del mondo che ci circonda. Una mente equilibrata è necessaria per bilanciare le menti non equilibrate degli altri”.
Il più significativo contributo di U Ba Khin sta nell’aver mostrato quanto sia efficace la meditazione applicata alla vita di tutti i giorni. Uno strumento utile per vivere in pace con se stessi e aiutare gli altri ad affrontare con equilibrio tutti i problemi della vita moderna.

Sayagyi U Ba Khin, nato a Rangoon, capitale di Myanmar (ex Birmania), nel 1899, e morto nel 1971, è stato uno straordinario personaggio della sua epoca. I suoi successi in due campi abitualmente incompatibili furono singolari: fu uno studente e un insegnante di meditazione e al tempo stesso un alto funzionario governativo di instancabile devozione e impeccabile condotta. La sua vita ha dimostrato una semplice e potente verità: che un individuo con una mente pura esercita un’influenza positiva e correttiva sulla società. La carriera di U Ba Khin è stata quella di un capofamiglia ideale, che ha saputo combinare un’incrollabile dedizione al Dhamma (la verità, la pratica e l’insegnamento della meditazione) con un instancabile impegno nel servizio pubblico.

Italia Mistica – Profilo Storico della Spiritualità Italiana

Italia Mistica – Profilo Storico della Spiritualità Italiana

Autore/i: Adriani Maurilio

Editore: Biblioteca di Storia Patria

presentazione di Carlo Bo, prefazione e introduzione dell’autore, in sovracoperta: Lorenzetti, Gli anacoreti nella Tebaide (particolare), Galleria degli Uffizi, Firenze.

pp. 344, XLIV tavv. b/n f.t., Roma

Da uno studioso quale è Maurilio Adriani, docente di Storia delle Religioni nell’Università di Firenze, si poteva e si doveva esigere un libro come questo: un saggio lucido e penetrante utile a seguire e raffigurare la traiettoria unitaria ma multiforme dell’esperienza spirituale itaiana. L’«Italia mistica» intende assolvere a questo ufficio.
Non è un caso che l’interesse dell’Autore, specialista in discipline jerologiche, si sia venuto orientando, dall’ambito della fenomenologia religiosa, verso aspetti più propriamente storico-descrittivi dell’epoca antica, medioevale e moderna. Così, accanto alla Storia religiosa d’Italia, comparsa di recente presso la «Biblioteca di Storia Patria», vede ora la luce l’«Italia mistica», che si presenta, pur risultando un lavoro a sé, quale sviluppo e approfondimento dello studio precedente. Quello intendeva piuttosto presentare e commentare lo sviluppo di un’immagine religiosa aperta sul piano pubblico, documentata e valutabile nell’ambito esplicito della vita associata; questo invece pospone o addirittura emargina l’aspetto sia pur altamente «politico», e si volge a far sensibile e viva altra dimensione e altra esperienza, emergente dal «foro interno», che fa tutto uno con le difficili e pur essenziali ragioni dell’anima.
«L’Italia mistica» non è soltanto una descrizione esterna di momenti e di situazioni, o una semplice galleria di tipi, di figure e di esperienze; intende piuttosto presentarsi come discorso in cammino rispondente alla natura e al ritmo d’incremento della spiritualità italica, dalle lontane premesse alto-medioevali agli sviluppi elaborati dei tempi moderni. In questo senso conviene che sia letta e apprezzata la qualità «mistica» della tradizione italica: ricca e complessa orditura di temi e di esigenze, di ricerche e di acquisti, di polemiche aspre e di soluzioni suggestive; tessuto fitto e assiduo di gesti e di movimenti, di profili cangianti e di valori stabili, di parole effuse nella libertà sconfinata dell’ispirazione e di sistemi impiantati sulla solida roccia della fede religiosa.
Il libro – può ben dirsi senza timore di presunzione – vale davvero a colmare una lacuna, se si pensa che il discorso generale sulla «vita spirituale» italiana è oggetto di studi ormai antichi e, se moderni, parziali e settoriali. E il voto della «Biblioteca di storia Patria» – la cui cura sì è manifestata anche nel dotare l’opera di un originale e significativo corredo illustrativo – è anche questo: che le pagine di questa «Italia mistica» valgano a suscitare, magari attraverso il dissenso, interessi ancora latenti, indagini ulteriori, verifiche e contributi nuovi.

Sotto l’Oro del Volto

Sotto l’Oro del Volto

La vita quotidiana, le donne dell’harem, le vergini sovrane, le «grandi spose», le dee: aneddoti e leggende cosmiche, fatti di cronaca e intrighi, in una visione nuova e affascinante dell’antico Egitto

Autore/i: Desroches Noblecourt Christiane

Editore: SugarCo Edizioni

unica edizione, traduzione dal francese di Franca Nappi, titolo originale: La Femme au Temps des Pharaons, in copertina: testa di donna (scultura lignea, del 2000 a.C. circa).

pp. 352, 32 tavv. a colori e b/n f.t., ill. b/n nel testo, Milano

Questo antico Egitto che tanto ci affascina, con i suoi faraoni leggendari, i sarcofagi dorati e le misteriose piramidi, si è formato con o senza le donne? Con le donne, risponde la famosa egittologa Christiane Desroches Noblecourt, al termine di un approfondito e inedito lavoro di ricerca e decrittazione. Nella società civile la donna egizia possedeva pari dignità dell’uomo; come lui, poteva dedicarsi agli studi, ereditare, redigere testamenti o lasciti. In seno alla coppia, le decisioni venivano prese in due. Nell’ambito della famiglia reale, la «grande sposa» trasmetteva il sangue e l’eredità faraonica, affiancava e consigliava il re. E la massima consacrazione fu data dall’ascesa al trono di una donna: non possiamo che restar stupefatti di fronte all’audacia e all’ingegnosità che pervadono la straordinaria storia della regina Hatshepsut, sovrana pacifica, energica, illuminata, nota soprattutto per la spedizione a Punt, per procurare incenso, resine, aromi, ottenuti in cambio di ornamenti di vetro.
Altre donne intrecciavano stretti legami con il potere: quelle che vivevano nel grande harem del faraone, sempre pronte a ordire complotti; e le vergini sovrane di Tebe, spose del dio, che arrivarono a soppiantare i grandi sacerdoti, di cui assunsero l’autorità religiosa e l’importanza, concorrenziale a quella del re.
Quanto al mondo della divinità, che permea tutta la vita quotidiana, vi predomina la figura di Iside, «colei che ha reso il potere delle donne pari a quello degli uomini».
Con i suoi aneddoti inattesi, le storie sorprendenti, i minuti fatti di cronaca, gli intrighi, le leggende cosmiche, questo libro ci offre un quadro inedito della vita quotidiana nell’antico Egitto e ci mostra sotto una luce nuova e più familiare un’epoca della quale finora si erano lette soltanto rappresentazioni grandiose e come congelate nel tempo.

Christiane Desroches Noblecourt, medaglia d’oro del C.N.R.S., ha diretto per molti anni il reparto egizio del Louvre. Il suo insegnamento, i numerosi scritti e in particolare il bestseller su Tutankhamen, tradotto in ventidue paesi, ma soprattutto l’appassionato impegno in difesa dei templi della Nubia, hanno contribuito a diffondere la conoscenza dell’antico Egitto presso un vasto pubblico. Attualmente la Desroches Noblecourt sta proseguendo la sua opera di ricerca nella Valle delle Regine, di cui si vanno restaurando i monumenti.

La Materia di cui sono Fatti i Sogni – I Film di Marcello Mastroianni

La Materia di cui sono Fatti i Sogni – I Film di Marcello Mastroianni

Autore/i: Autori vari

Editore: Marchesi Grafiche

testi e cura di Francesco Tatò, prefazione di Tullio Kezich, realizzato dal Centro Marcello Mastroianni in collaborazione con Cinecittà Holding.

pp. 184, nn. ill. a colori e in b/n, Roma

Dopo il clamoroso successo riscosso in America, la Retrospettiva Mastroianni approda in Italia. Si tratta della prima iniziativa ufficiale promossa dal Centro Marcello Mastroianni, ed è anche il primo frutto dell’accordo di collaborazione che il Centro Marcello Mastroianni ha stipulato con Cinecittà Holding.
Un uomo così non poteva che essere amato come, e forse più, di tanti altri attori della sua generazione: dalla giovane Silvana Mangano, dalla moglie Flora Carabella,  da Catherine Deneuve, da Faye Dunaway e in ultimo, dalla regista Anna Maria Tatò, che lo riprese nel documentario-testamento Mi ricordo, sì io mi ricordo a lui dedicato, che racconta l’anima curiosa e disponibile dell’attore in due frasi capaci di rappresentarlo più di altre: Mi ricordo il desiderio di vedere cosa farà questo mondo, cosa accadrà nel 2000, ed essere li’ e ricordare tutto come un vecchio elefante, sì, perché, mi ricordo, sono sempre stato curioso, così curioso! e A me piace la gente, io amo la vita. E forse per questo sono stato riamato, dalla vita: infatti mi considero un uomo fortunato. Con gli alti e bassi che hanno tutti, ma fortunato.

Fonti: oltre che da conversazioni private, le citazioni di Marcello Mastroianni sono tratte dal suo film-autoritratto Mi ricordo, si, io mi ricordo (1996).
Le citazioni di Federico Fellini sono tratte da Federico Fellini – Intervista sul cinema, a cura di G. Grazzini (1983) e da Viaggio a Tulun, a cura di V. Mollica (1991).
Le testimonianze di Vittorio Gassman, Marco Ferreri, mario Monicelli sono tratte da Positiv, n° 432, febbraio 1997.
Sophia Loren ha scritto la sua per una manifestazione organizzata a Bruxelles nel 1997.
Nikita Michalkov, Giuseppe Rotunno, Ettore Scola, Anna Maria Tatò hanno scritto il loro ricordo di Mastroianni in occasione di questa retrospettiva.

Pasolini Matera

Pasolini Matera

Autore/i: Notarangelo Domenico

Editore: Edizioni Giannatelli

edizione bilingue Italiano-inglese.

pp. 132, nn. ill. in b/n, Matera

Sommario:

  • Radiografia di un film/X-Rays of a movie (Vittorio Fantuzzi)
  • Matera la Gerusalemme del cinema/Matera as a cinematic Jerusalem (Paride Leporace)
  • Matera location dell’anima/Matera location of the soul (Rocco Calandriello)
  • La città delle grotte/The city of the rocks (Domenico Notarangelo)
  • Matera, città democratica/Matera, democratic city (Domenico Notarangelo)
  • L’incontro col Maestro/Meeting the Maestro (Domenico Notarangelo)
  • Il centurione comunista/ The comunist centurion (Domenico Notarangelo)
  • Matera, nuova terra santa/Matera, new holy land (Domenico Notarangelo)

Pugliese di nascita, lucano di adozione, Domenico Notarangelo è stato per molti anni corrispondente de L’Unità, e redattore di emittenti televisive. Collabora con numerosi riviste nazionali e locali. Ha sempre accompagnato l’interesse professionale alla ricerca e allo studio del giornalismo periodico delle regioni meridionali, pubblicando numerosi volumi sulle testate di Puglia e Basilicata. Appassionato di fotografia ha raccolto e documentato testimonianze di costume e di tradizioni popolari e religiose, meritandosi numerosi riconoscimenti, fra cui nel 2001 il Premio Nazionale Valle dei Trulli per il volume “I sentieri della pietà”, e nel 2012 il prestigioso Premio Levi per la saggistica con il volume “Da Carlo Levi a Franco Rosi”. Nel corso di circa mezzo secolo, Notarangelo ha raccolto centinaia di documenti che oggi costituiscono uno dei più importanti archivi privati del Mezzogiorno, meritandosi il riconoscimento da parte del Ministero per i Beni Culturali che lo ha dichiarato di interesse nazionale.

Racconti (di)Versi – Appunti e Spunti sul Leggere Poesia ai Bambini

Racconti (di)Versi – Appunti e Spunti sul Leggere Poesia ai Bambini

Autore/i: Valentino Merletti Rita

Editore: Arnoldo Mondadori Editore

unica edizione, premessa dell’autrice.

pp. 132, Milano

Questo libro è un invito alla lettura di poesia per bambini, con l’ambizione di conquistare gli adulti, gli inevitabili mediatori della proposta. È un invito a cominciare prestissimo, perché nelle ninne nanne, nelle filastrocche e nelle storie in rima sono presenti “tracce” di linguaggio poetico che servono a familiarizzare il bambino con alcuni elementi fondamentali della poesia. Servono insomma a “fargli l’orecchio”, a fargli conoscere il piacere dell’ascolto dei suoni e dei ritmi nascosti dentro le storie. Un’ampia gamma di suggerimenti di lettura di autori italiani e stranieri per aiutare a capire non solo quello che “fa” di una poesia una poesia, ma soprattutto per constatare ciò che la poesia – anche quella per bambini – “fa” alla mente e al cuore di chi accetta di crescere con lei.

Rita Valentino Merletti, studiosa di letteratura per l’infanzia, ha perfezionato la sua preparazione negli Stati Uniti, studiando e lavorando presso il Simmon’s College e la Boston University. Nella collana “Infanzie” della Mondadori ha pubblicato i saggi Leggere ad alta voce (1996) e Raccontar storie (1998). Dal 1999 cura la collana “Infanzie Strumenti” per la quale ha scritto il volume Libri per ragazzi: come valutarli? (1999).

Ho Sognato di Essere un’Oca e Altri 320 Pensieri Notturni di Adolescenti Italiani

Ho Sognato di Essere un’Oca e Altri 320 Pensieri Notturni di Adolescenti Italiani

Autore/i: Liberali Sandro

Editore: Leonardo Editore

unica edizione, prefazione dell’autore.

pp. 144, Milano

Il bello del sogno è che non è mai come ce lo aspetteremmo. Così i ragazzi, su cui gravano da sempre precise aspettative e continui tentativi di inquadrarli, a discapito della creatività, dell’umorismo e perfino della comunicazione.
Ho sognato di essere un’oca dà voce ai giovani, lasciandoli liberi di esprimere tutta la freschezza e la forza dirompente della loro età, senza il filtro di commenti adulti che ci impedirebbero di sognare insieme a loro.
Un arcobaleno di sorprese: andare a letto con Giuliano Ferrara e “sentirne” tutto il peso; venire colti in flagrante adulterio e nella veglia voler strangolare la moglie indiscreta; essere circondato da odalische e scoprire che si tratta di maschioni marocchini; subire le insistenze della madre e mangiare fino a esplodere; trovarsi in mezzo a una folla urlante contro Pillitteri dove l’unico che applaude prende un sacco di botte; sognare di essere un’oca inseguita dai cannibali; fare il più fantastico sogno erotico della propria vita e non riuscire a ricordarlo; vivere felici in una bella casa con giardino e tanti alberi da frutto.
A scuola, per la strada, a letto, al buio, in treno, in ascensore, nel deserto, fra le nuvole o nell’oceano, in vestaglia, con o senza mutande; coraggio, paura, desideri, dolori, urla, pianti, risate, delitti: un mondo sospeso che attraverso il racconto rivela il paradosso della fragilità e della forza dei giovani, questi sconosciuti.

Sandro Liberali, giornalista, è direttore editoriale di riviste specializzate Mondadori, fra cui «Starbene», che è anche stata una trasmissione televisiva di Canale 5. Fiorentino di nascita e milanese di adozione, sposato, con una figlia, si è sempre occupato di psicologia dell’età evolutiva. Fra i suoi libri, il recentissimo “manuale per genitori” I figli: istruzioni per l’uso.

Introduzione all’Astrologia e Decifrazione dello Zodiaco

Introduzione all’Astrologia e Decifrazione dello Zodiaco

Autore/i: Morpurgo Lisa

Editore: Longanesi & C.

seconda edizione riveduta e ampliata, premessa alla seconda edizione, introduzione dell’autrice.

pp. 384, 55 illustrazioni b/n, Milano

L’interesse sempre crescente che l’astrologia sta sollevando in tutto il mondo da parecchi anni ha provocato i commenti più vari da parte di giornalisti, saggisti, studiosi del comportamento umano.
Sembra infatti inverosimile che un’arte divinatoria, e dunque «magica», praticata migliaia di anni fa, possa ancora attirare l’attenzione nel nostro secolo. Che cosa si cela dietro l’astrologia?
Perché lo Zodiaco, a dispetto dell’astronomia moderna, continua a fornire indicazioni sorprendentemente esatte sul carattere e sul destino degli individui? È giusto considerare razionale l’atteggiamento di chi si sbarazza di questi inquietanti quesiti con una risata e una scrollata di spalle? Non sarebbe invece più razionale riesaminare il problema da principio e senza pregiudizi di parte? Partendo da tale presupposto, e seguendo un processo rigorosamente logico, questo libro dimostra come lo Zodiaco sia un prodigioso strumento di conoscenza, un vero e proprio «canale di informazione» a schema binario, impostato su quel sistema dello zero-uno che è la base della matematica universale. All’interno di questo canale, i pianeti, i segni e la loro complessa simbologia sono sistemati secondo una struttura di straordinaria precisione geometrica e rappresentano insomma un codice che si presta a un’attenta e intelligente lettura. Basta possederne la chiave, e è appunto tale chiave che il presente volume vi fornisce con ampia ricchezza di particolari. Il grande successo delle successive edizioni, che hanno fatto del libro una specie di bibbia per gli studiosi e gli appassionati, è una prova della serietà e dell’efficacia del metodo seguito.

Lisa Morpurgo Dordoni è nata a Soncino in provincia di Cremona, si è laureata in lettere all’università di Milano, conosce quattro lingue e cominciò a tradurre giovanissima, soprattutto dall’inglese e dall’americano. Nel 1968 pubblicò il suo primo romanzo, Madame andata e ritorno, che già fa intravedere, sotto una sottile linea di ironia, la capacità di immaginare situazioni al confine tra il quotidiano e il surreale, e soprattutto quell’interesse per la dimensione del tempo che l’ha spinta più tardi ad analizzare lo Zodiaco. La sua Introduzione all’astrologia, giunta ora alla settima edizione aggiornata, è stata tradotta in varie lingue e ha ottenuto in Francia il premio Morin de Villefranche 1974 per la migliore opera dedicata all’argomento. Anche il suo secondo romanzo, Macbarath, è stato pubblicato con successo dalla Longanesi & C.

Astrologia – 2000 Anni di Scienza degli Oroscopi

Astrologia – 2000 Anni di Scienza degli Oroscopi

Autore/i: La Mattina Marina

Editore: Fenice 2000

unica edizione, introduzione dell’autrice.

pp. 160, numerose illustrazioni a colori e b/n, Milano

L’astrologia è una disciplina complessa e antichissima, usata fin dai tempi remoti come strumento di analisi del carattere, delle attitudini, dei punti di forza dell’individuo, nonché nell’interpretazione dei momenti di maggior fortuna di condottieri e imperatori. Col tempo, è divenuta una scienza che si propone di spiegare nel modo più razionale possibile il rapporto tra l’uomo e il cosmo e di prevedere le reazioni dell’individuo agli influssi dei pianeti e delle stelle. Il volume mette in risalto come ogni segno zodiacale abbia sue caratteristiche ben precise, non solo in linea generale ma anche e soprattutto nei suoi rapporti con gli altri. Stabilite queste premesse, il punto di partenza fondamentale è la carta del cielo al momento della nascita, indispensabile strumento per addentrarsi nella compilazione di un oroscopo completo. La guida illustra l’esatto significato e la particolare posizione dei pianeti e delle Case zodiacali che, in quel momento, attribuiscono a ognuno caratteristiche specifiche ed esclusive. Uno sguardo all’astrologia orientale, indiana, cinese e araba, completa la trattazione e istituisce singolari affinità tra culture apparentemente così lontane tra loro.

Marina La Mattina si è da sempre dedicata allo studio della natura umana approfondendo le sue conoscenze in ambito esoterico e in particolar modo nel campo, ormai considerato a tutti gli effetti scientifico, dell’astrologia. Esperta anche di cartomanzia, ha collaborato a un’enciclopedia di larga divulgazione curando la sezione specificamente dedicata all’astrologia. Gran parte del suo interesse è volto allo studio delle influenze astrali sulla psiche umana.

Giacomo Puccini – Biografia Critica

Giacomo Puccini – Biografia Critica

Autore/i: Carner Mosco

Editore: Il Saggiatore

prima edizione, prefazioni dell’autore, traduzione di Luisa Pavolini.

pp. 722, ill. b/n, Milano

Il centenario di Puccini (1958) aveva fatto sperare il libro da cui uscisse, adeguata al gusto e alla musicologia moderna, la spiegazione del Maestro che tutto il mondo spontaneamente ama. Forse questo del Carnet è il solo che abbia risposto all’attesa e possa considerarsi come un’opera base. La parte biografica raccoglie tutto quanto è necessario sapere, in un racconto di eccellente evidenza letteraria e di ineccepibile documentazione. La seconda parte, sulla musica, comprende un lucido esame dei motivi critici essenziali (situazione dell’Opera italiana tra la fine dell’800 e l’inizio del 900, fondamenti psicologici dell’opera pucciniana, drammaturgia e stile musicale del Maestro) e un’analisi di tutte le opere. Conoscenza assoluta della materia, sicurezza di gusto, obiettività di giudizio, assenza di sussiego intellettualistico ne garantiscono l’attendibilità. Dal suo podio di direttore d’orchestra, l’autore ha controllato il respiro di Puccini alla prova di chi sa quante esecuzioni. E adesso, senza soperchierie descrittive, ci chiama a riascoltare quella musica su una persuasiva ribalta critica. Checché si possa pensare del «complesso materno» che il Carnet diagnostica in Puccini, questa ipotesi psicologica rinnova in noi, e delucida, lo struggimento di Mimì, di Butterfly, di Liù e delle altre indimenticabili eroine.

Mosco Garner ha compiuto a Vienna, dove è nato, i suoi studi musicali ed è stato tra i discepoli di Guido Adler, il grande cultore della musicologia come storia dello stile. Direttore del Teatro di Stato di Danzica fino al 1953, si è poi trasferito a Londra, dove ha svolto quell’attività di critico che gli ha dato fama internazionale. Tra i suoi libri più noti, il Saggio sull’armonia del XX secolo e Uomini e Musica, sostanziale contributo alla comprensione di Schubert, Schumann, Mahler, Bartok e Berg. Carnet dirige di frequente l’orchestra di Londra, e consigliere musicale della B.B.C., critico dell’«Evening News» e del settimanale «Time and Tide».

Il Libro Olympus

Il Libro Olympus

Autore/i: Spagnolo Stefano

Editore: Cesco Ciapanna Editore

prima edizione.

pp. 226, riccamente illustrato in b/n, Roma

Il Libro Olympus, completamente riscritto e illustrato, è un manuale che cerca di rispondere in modo esauriente alle esigenze di chi si avvicina per la prima volta ad una macchina fotografica impegnativa come la Olympus. È un libro semplice e discorsivo, ma puntuale all’appuntamento di dire con chiarezza al lettore esperto e a quello alle prime armi come sfruttare i vantaggi e come superare gli eventuali difetti, cosa è utile acquistare e cosa invece è solo uno spreco.

Le Età della Vita – Saper Vivere al Meglio ogni Stagione dell’Esistenza

Le Età della Vita – Saper Vivere al Meglio ogni Stagione dell’Esistenza

Autore/i: Abraham Giorgio

Editore: Arnoldo Mondadori Editore

prima edizione, introduzione dell’autore.

pp. 258, Milano

Secondo lo psicologo e sessuologo Giorgio Abraham, il vecchio conflitto tra le generazioni si è recentemente tramutato in conflitto di età all’interno di ciascuno di noi: adolescenze prolungate, gioventù bruciate, maturità respinte, vecchiaie interminabili hanno sconvolto le nostre esistenze un tempo prevedibili e programmate. Niente più passaggi di età sottolineati da iniziazioni perentorie, niente più modelli di riferimento per il momento presente e quello successivo. Si vivono, con profondo disagio, più età simultaneamente, anticipando e prolungando in continuazione le stagioni tradizionali della vita. Eppure il tempo passa, il corpo si trasforma, le possibilità e le responsabilità del vivere quotidiano si affacciano in modo sempre diverso. L’autore esplora e descrive ogni età nei suoi tratti essenziali, nelle ineliminabili differenze che tutti possiamo riconoscere in noi e in chi ci sta accanto (coetanei, figli, padri e madri), e ci offre una guida efficace, che tuttavia non vuole essere prescrittiva, per gestire le nostre complesse relazioni con gli altri.
Abraham mette in gioco rutti i suoi saperi: la psicoanalisi e la sessuologia, sulle quali si è  formato, ma anche la psicologia di laboratorio, la ricerca sociologica e antropologica e, non ultime, la scienza fisica e biologica, con i loro vertiginosi sconfinamenti nei perché dell’universo, dall’infinitamente piccolo aU’infinitamente grande.
Nel percorso del vivere quotidiano vengono individuati alcuni nodi essenziali su cui l’autore ferma la sua riflessione: il rapporto con il cibo, per esempio, con il sonno e il sogno, con il piacere e il dolore, con l’amore e la morte, con la memoria e la dimenticanza. In questo libro, che ci insegna a comprendere più a fondo ogni stagione della nostra vita, e a goderne, i mutamenti in corso e il ripetersi degli eventi tornano ad assumere dimensioni accettabili dai sentimenti e dalla ragione. Se ne ricava la capacità di vivere dentro alla propria età, in equilibrio tra le leggi della natura e le possibili scelte del libero arbitrio.

Favola d’Amore – Le Trasformazioni di Pictor

Favola d’Amore – Le Trasformazioni di Pictor

Contiene Fac-simile del manoscritto e delle illustrazioni originali di Hermann Hesse.

Autore/i: Hesse Hermann

Editore: Stampa Alternativa – Nuovi Equilibri

terza edizione riveduta e corretta, con le tavole del manoscritto originale illustrato dall’autore, un testo di Volker Michels, a cura di Marcello Baraghini, traduzione di Katja Tenenbaum.

pp. 56, Roma

“Solo in questo consiste per me la vita, nel fluttuare tra due poli, nell’oscillazione tra i due pilastri portanti del mondo. Vorrei con gioia far vedere sempre la beata varietà del mondo e anche sempre ricordare che al fondo di questa varietà vi è un’unità”. Dopo il 1915 gli scritti di Hesse si richiamano spesso ad una delle concezioni più antiche dell’umanità, la filosofia cinese dello yin e yang, forze opposte da cui scaturisce la tensione necessaria alla vita, alla trasformazione. Una fiaba d’amore gaia e luminosa, attinta dalla saggezza del Siddharta, dove parola e disegno si fondono come uomo e donna, come sole e luna, a raccontare il paradiso del perenne rinnovamento.

Paradiso Perduto

Paradiso Perduto

Titolo originale: A Devil in Paradise

Autore/i: Miller Henry

Editore: Arnoldo Mondadori Editore

introduzione Pietro Citati, traduzione Vincenzo Mantovani, collana: Gli Oscar n° 344.

pp. 190, Milano

…Le grottesche avventure di Moricand, astrologo dilettante e parassita professionista. Una delle storie più divertenti dell’autore dei Tropici

A Henry Miller, ritiratosi in una casetta a Big Sur, in California, si rivolge un vecchio amico parigino, Conrad Moricand, strano tipo di astrologo dilettante, che l’ultima guerra ha ridotto agli estremi. Miller gli offre ospitalità fino alla fine dei suoi giorni, raccoglie fondi per il viaggio in aereo, gli procura amici che parlino francese. Ma ben presto Moricand si rivela una presenza inquietante; le sue pretese, le sue diaboliche trovate mettono a dura prova il benefattore che dovrà compiere enormi sforzi di pazienza e di comprensione per sopportarlo finché riuscirà a liberarsene. Una storia punteggiata di episodi grotteschi, fra le più divertenti che l’autore dei Tropici abbia scritto. È il personaggio di Moricand, lugubre, una via di mezzo fra mago e mummia, costituisce, fra gli innumerevoli incontri collezionati da Miller, un ritratto a parte, una prova d’insolita penetrazione psicologica e di classica purezza narrativa.

Il Gioco delle Bocce

Il Gioco delle Bocce

Autore/i: Ciccillo Ubaldo

Editore: Forte Editore

prima edizione, collana: I Manuali Forte.

pp. 128, nn. ill. in b/n, Milano

…Indubbiamente il gioco delle bocce è uno dei più belli e dei più antichi che si conoscano. Si può dire che è nato quasi insieme alla storia dell’umanità, era praticato anche nell’antica Roma, naturalmente non con le regole che vigono oggi, come il bocciare, ma solo cercando di avvicinare il più possibile la boccia ad una specie di pallino. Col passare degli anni il gioco coinvolse persone sempre più importanti, che ne fecero il loro passatempo preferito. Parliamo dei Papi, di Napoleone, delle varie nobildonne francesi del Regno di Luigi XIV. Ma il gioco delle bocce non si è fermato solo alle personalità: è arrivato anche al popolo, agli operai…