Libreria Editrice OssidianeLibreria Editrice Ossidiane

Libri dalla categoria Magna Grecia

Il Ventre Materno – Le Porte del Sogno • 1

Il Ventre Materno – Le Porte del Sogno • 1

Sonno e sogni – I sogni degli schizofrenici – I sogni dei primitivi – L’animismo – Sognatori e sciamani

Autore/i: Róheim Géza

Editore: Guaraldi Editore

introduzione di Glauco Carloni, introduzione dell’autore.

pp. 442, Rimini

L’ipotesi del sonno come temporaneo ritorno nel ventre materno e quella dell’esistenza di un sogno tipico, di un «prototipo» di sogno, del cosiddetto «sogno fondamentale» (in cui il sognatore raffigura se stesso «fallicizzato», cioè trasformato simbolicamente in un pene, nell’atto di penetrare in una rappresentazione egualmente simbolica dell’utero), l’ipotesi, vale a dire, del sogno come regressione alla madre e, insieme, come coito con la stessa, sono le fondamenta. in cui Róheim, il maggior esponente dell’antropologia psicoanalitica, innalza il suo edificio teorico volto a dimostrare che alla base della «cultura» (in senso antropologico), di ogni cultura, sta il tenace legame del figlio con la propria madre: un rapporto di dipendenza che, biologicamente determinato dalla prolungata infanzia dell’essere umano, ne condiziona l’intera esistenza e in qualche modo gli sottrae sempre il raggiungimento della piena maturità. Sostenitore convinto dell’origine onirica dei miti (da lui colti allo stato nascente fra gli aborigeni australiani), delle favole, di molte credenze popolari, delle manifestazioni religiose primitive (animismo), dei riti magici, ecc., Róheim compie qui un larghissimo giro d’orizzonte per dimostrare che anch’essi, al pari dei sogni costituiscono altrettante raffigurazioni simboliche e altrettanti tentativi di rientrare nel ventre materno.
All’originalità della tesi di fondo, che sposta decisamente l’antropologia psicoanalitica dal piano «paterno» del Freud di Totem e tabù a quello «materno», si accompagna la scrittura distesa, documentatissima e spesso affascinante dell’ultimo Róheim (Le porte del sogno è la sua opera conclusiva e vorremmo dire definitiva), che mette a disposizione del lettore i risultati di trent’anni di ricerche «sul campo», oltre ad un imponente materiale etnologico e folklorico: è un «lungo viaggio» nei cinque continenti attraverso i miti (da quelli mesopotamici ed egiziani a quelli «classici» greci e romani, a quelli eschimesi ed australiani), le tradizioni popolari, le fiabe, le leggende, i cerimoniali religiosi, tutte le elaborazioni fantastiche – insomma – fatte dall’uomo per attenuare la paura e l’angoscia della separazione dalla madre.

Sulle Scogliere di Marmo

Sulle Scogliere di Marmo

Romanzo

Autore/i: Jünger Ernst

Editore: Rusconi

traduzione dal tedesco di Alessandro Pellegrini.

pp. 144, Milano

Un paese estraneo alla nostra storia e alla nostra geografia, ma costruito con frammenti del nostro mondo e della nostra cultura; Una serena regione, la Marina, dove pescatori, artigiani e poeti vivono intensamente una civiltà equilibrata e saggia. Un eremo colmo di libri e di erbari, nel quale cavalieri immersi nello studio e nella meditazione“ ricordano una passata esistenza di lotte, di rischi e di errori. Verso questo mondo comincia a strisciare, dalle tenebre dei boschi circostanti, l’insidia di un essere malefico, il Forestaro, il cui potere si fonda soprattutto sulla paura.
Come una pestilenza, malvagità e astuzia prima fermentano ai margini della vita ordinata e giusta, poi brulicano all’interno e la intaccano. Assalitori notturni, squartatori, incendiari gettano il paese nel terrore, in un crescendo agghiacciante di barbare atrocità. Ma la catastrofe riunisce i migliori, sempre più radi ma sempre più riconoscibili gli uni agli altri per coraggio e saggezza; alla fine, la tragedia si converte per loro in una definitiva illuminazione.
Sulle scogliere di marmo, del 1939, qui presentato nella classica versione di Alessandro Pellegrini integrata sulla base di recenti aggiunte dell’autore, è il primo grande romanzo di Ernst Jünger, uno dei pochi scrittori del Novecento che sappiano sottrarre il racconto al monologo interiore, alla dimensione“ individuale, ritrovando la capacità d’invenzione tipica delle più felici epoche della narrativa.
Questo romanzo non è soltanto epico e tragico; è anche un’allegoria del bene e del male, e come tutte le allegorie (o profezie?) veramente vitali possiede più di un significato nascosto. Quando uscì, molti lo lessero come un’allusione al nazismo; ma è possibile, oggi, intuirvi alcune fra le più cupe prospettive del nostro tempo.

Ernst Jünger è nato a Heidelberg nel 1895, e vive a Wilflingen, nel Württemberg. Fra le sue opere tradotte in italiano ricordiamo il grande romanzo Heliopolis, i romanzi brevi Ludi “africani e Le api di vetro, e i libri di saggi Tempeste d’acciaio, Giardini e strade, Al muro del tempo, Diario.

Menachem Mendel

Menachem Mendel

Autore/i: Sholem Aleichem

Editore: Casa Editrice Marietti

prima edizione, traduzione, introduzione e note a cura di Daniela Leoni, prefazione dell’autore, in copertina: Marc Chagall, Il vecchio (particolare).

pp. XVIII-174, Casale Monferrato (AL)

Tra Menachem Mendel e sua moglie Sheine-Sheindl si intreccia un fitto epistolario. Meriachem è sempre lontano da casa, dalla sperduta shtetl in cui lo attende impaziente e irritata la moglie. Sheine non sembra capire i grandi traguardi, le certezze di ricchezza e di onore che suo marito insegue tanto ostinatamente quanto invano, abbagliato da una realtà nuova e così diversa da quella del villaggio natio. Menachem si imbarca nelle più disparate operazioni finanziarie e imprenditoriali, dal gioco in borsa alla lavorazione dei legnami, all’edilizia; ogni volta gioiosamente persuaso del grande affare, sopporta poi senza batter ciglio le inevitabili perdite e i rimbrotti esasperati della consorte.
Nei due personaggi principali di questo tenero ed esilarante romanzo epistolare, Sholem Aleichem ha disegnato i due grandi, contrapposti tratti del profilo dell’ebreo nell’est d’Europa alle soglie del Novecento: da una parte, l’attaccamento alla tradizione, il rifugio nel passato piccolo e protettivo della shtetl, della comunità antica, guardata con nostalgia e con affetto; dall’altra, l’eterno miraggio della novità, l’inquietudine dei viaggi, l’anima dei commerci, l’ansia di emancipazione, il desiderio di fuga, di una migliore sistemazione economica, di una diversa identità sociale.
Nel Menachem Mendel, però, questo dissidio etnico e epocale è presentato, come sempre in Sholem Aleichem, il più straordinario cantore dell’opera jiddisch, con levità di toni, dolcezza di scrittura e, al tempo stesso, irresistibile comicità. Le avventure di Menachem sono, nel loro svolgimento insieme scontato e sconcertante, fonte di sempre rinnovato divertimento, non meno delle ripetute recriminazioni di Sheine-Sheindl. Intorno ai due protagonisti si animano, in modo ironico e realistico, il popolo degli avventurieri, dei trafficanti, degli imbroglioni e perditempo e il coro lamentoso e pettegolo, curioso e compassato della vecchia shtetl.
Romanzo di profonda sensibilità e di amabile leggerezza, Menachem Mendel è uno dei capolavori della letteratura jiddisch e il ritratto più vero e sottile dell’ebreo orientale prima della crisi della vecchia Europa.

Shalom Rabinovitz nacque il 2 marzo 1859 a Perejslav e cominciò a scrivere nel 1883 in jiddisch sotto lo pseudonimo di Sholem Aleichem, «la pace sia su di voi». Nel 1892 iniziò il Menachem Mendel, che completò solo molti anni dopo. Del 1894 è il suo romanzo più noto La storia di Tewje il lattivendolo. Dopo i pogrom del 1905, emigrò dalla Russia negli Stati Uniti, dove rimase fino al 1907, quando tornò in Europa e fu celebre ovunque per le sue recite e racconti: Marienbad (1910), Motti, il figlio del cantore (1909 ss.). Ritornato a New York, nel 1916 morì mentre attendeva a un romanzo autobiografico rimasto incompleto: Al ritorno dalla fiera.

Il Libro del Domino

Il Libro del Domino

Il gioco, i solitari e 136 puzzles per abbinamento o aritmetici

Autore/i: Berndt Fredrick

Editore: Longanesi & C.

prefazione e introduzione dell’autore, traduzione di Licia Brustolin Guadalupi.

pp. 252, 300 illustrazioni b/n, Milano

Scoprire il domino potrebbe diventare una parola d’ordine! Le piccole doppie tessere nere o bianche, recanti dei puntini in numero da uno a sei, sono certamente note a tutti, sin da bambini. Ma molto spesso il gioco che ne deriva resta appunto relegato alla fase degli svaghi infantili. Grande errore e grande peccato. Non soltanto perché il domino è un gioco antichissimo, conosciuto in tutto il mondo e apprezzato presso i popoli più diversi. Non soltanto perché è un gioco in cui tutti possono cimentarsi, assolutamente economico (una serie completa costa poche centinaia di lire) e – a volontà dei partecipanti – estremamente rilassante o estremamente impegnativo. Ma soprattutto perché non esiste una sola forma di gioco del domino, come pure credono quasi tutte le persone che già lo praticano. I giochi, in realtà, sono infiniti, e questo libro tratta di tutti quelli conosciuti, compresi molti creati dall’autore e qui spiegati per la prima volta. Così i classici giochi per più persone non sono uno solo ma almeno venti, con tutte le loro possibili varianti; esistono, proprio come con le carte, i solitari, e l’autore ne illustra una decina di sua invenzione; esistono infine i puzzles, cioè i solitari basati non sulla fortuna bensì sulla pazienza e sull’abilità, e ve ne sono – con le rispettive soluzioni – ben 136: per abbinamento (quelli in cui le tessere devono essere disposte in un certo modo) o aritmetici (quelli che richiedono qualche operazione matematica). Il domino – ve ne accorgerete – è proprio un mondo tutto da scoprire!

Illusioni d’Amore

Illusioni d’Amore

Le motivazioni inconsce nella scelta del partner

Autore/i: Baldaro Verde Jole

Editore: Raffaello Cortina Editore

nuova edizione.

pp. XI-292, Milano

Il libro è dedicato a quanti desiderano avventurarsi nel labirinto delle motivazioni inconsce per cercare di capire che cosa li ha spinti verso un determinato partner. Perché si ritrovano sempre con lo stesso tipo di partner, perché la loro sessualità, con tutti i partner, con uno solo, a volte oppure ogni volta, è bloccata, perché si innamorano sempre di persone sbagliate, perché non riescono a innamorarsi e così via.
In questa nuova edizione di Illusioni d’amore Jole Baldaro Verde torna a indagare sulla natura della relazione, sotto la spinta delle nuove abitudini sessuali e dei cambiamenti nel costume intervenuti negli ultimi anni. Il divorzio, per esempio, consente di iniziare una relazione già con la possibilità di chiuderla: si sceglie il partner una prima, una seconda, una terza volta, e questa ricerca può rispondere a bisogni sempre diversi oppure spingere verso una coazione a ripetere.
Il nostro “destino sentimentale” affonda le sue radici nell’infanzia. Sulla linea dello sviluppo psicosessuale esistono dei punti critici in cui emergono bisogni fondamentali che devono essere soddisfatti dalla relazione genitore-bambino. In questi punti, veri e propri nodi nel percorso che permette di giungere a una sessualità adulta o genitale, possono essere provocate deviazioni o fermate che porteranno a scegliere un partner sulla base di un bisogno infantile insoddisfatto. La sessualità assume quindi l’importanza di un segnale privilegiato che permette di capire se il rapporto comprende un progetto di vita o deve essere considerato un’Illusione d’amore”.

Jole Baldaro Verde, laureato in medicina e chirurgia, specializzata in pediatria e psicologia dell’età evolutiva, è docente di Teorie della personalità alla facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Genova. In questa stessa collana ha pubblicato la prima edizione di Illusioni d’amore (con Gian Franco Pallanca), Donna, Maschere e Ombre e Lo Spazio dell’Illusione.

Le Lezioni della Vita

Le Lezioni della Vita

Un principe siriano e le Crociate

Autore/i: Usāma ibn Munqiḏ

Editore: Edizioni Ariele

traduzione dall’arabo, introduzione, note e cura di Mirella Cassarino, in copertina: Scena di caccia (particolare), Miniatura dal ’Diwân’ di Alishir Nevai (1534) – Istambul, Museo del Topkapi.

pp. 228, Milano

Il Libro delle lezioni della vita del principe e letterato Usāma ibn Munqiḏ (m. nel 1188) è un vivace e appassionante affresco della società araba siriana del XII secolo. Vi si riflettono, infatti, non solo alcuni importanti eventi storici legati agli scontri-incontri fra Musulmani e Crociati, ma anche diversi aspetti della vita concreta, del costume e delle relazioni umane. Narrando gli episodi relativi alle vicissitudini della propria vita e innestando in essi una serie di appassionanti e curiose storie di argomento vario (dal coraggio delle donne in battaglia alle prodezze di falconi e cani da caccia, dalla medicina dei Franchi alle cure prodigiose praticate da medici arabi), Usāma ibn Munqiḏ ci ha lasciato uno scritto senza pari nella storia della letteratura araba, nel quale ha raggiunto un livello assai alto di originalità e d’arte.

Mirella Cassarino, dottore di ricerca dell’istituto Universitario Orientale di Napoli, .è attualmente professore a contratto di Lingua e letteratura araba presso l’Università di Catania. Fra i suoi lavori ricordiamo la versione italiana del Libro di Kalila e Dimna (in collaborazione con A. Borruso), Roma, Salerno, 1991 e il saggio Traduzioni e traduttori arabi dall’VIII all’XI secolo, Roma, Salerno, 1998.

L’Arte della Respirazione

L’Arte della Respirazione

Il metodo della respirazione profonda: trenta esercizi per canalizzare l’energia, per rilassarsi e controllarsi, per migliorare coordinazione e prestazioni.

Autore/i: Zi Nancy

Editore: Red Edizioni

traduzione dall’originale americano di Francesca Speciani.

pp. 176, nn. illustrazione b/n, Como

Insonnia… mal d’auto… indolenzimenti… stress… tensioni… sono solo alcuni problemi a cui la respirazione cosciente può dare una soluzione efficace e duratura.
Questa tecnica ci permette infatti di trasformare l’aria inspirata in energia, migliorando sensibilmente ogni nostra prestazione, sviluppando la coordinazione tra corpo e mente, donandoci nuove sensazioni di forza, equilibrio e vitalità.

Il metodo della respirazione profonda è centrale in tutte le antiche pratiche mentali e corporee, dallo yoga alle arti marziali alla meditazione. Rifacendosi a questa tradizione millenaria, l’autrice ci offre un programma completo di educazione al respiro con esercizi e tecniche di visualizzazione. Potremo così arrivare gradualmente a un controllo consapevole della nostra respirazione per migliorare la salute e per ritrovare una serena armonia psicofisica.

Nancy Zi cantante lirica americana cresciuta in Cina, ha ideato una tecnica respiratoria chiamata qi yi, arte della respirazione.

Identità nel Tempo

Identità nel Tempo

Saggi di antropologia della parentela

Autore/i: Palumbo Berardino

Editore: Argo

introduzione dell’autore.

pp. 300, Lecce

Tra i tanti e diversi modi di identificare e classificare gli altri – che nello stesso tempo hanno la funzione di identificare e qualificare noi stessi -, la parentela sembra costituire un discorso ovvio, se non “naturale” per il suo essere fondato su meccanismi biologici. L’antropologia contemporanea ha da tempo esplicitato come l’idea di parentela, ancorata a una griglia elementare di legami biologici, sia una costruzione fortemente simbolica e ideologica: è attraverso queste due dimensioni prioritarie che, in questo volume, si indaga la parentela, vista come uno dei linguaggi attraverso cui esprimere forme, livelli molteplici e compresenti di identità. L’analisi teorica è continuamente confrontata con casi etnografici dove si analizzano gli aspetti, più o meno noti, della concettualizzazione di quei vincoli sociali a cui si dà il nome di parentela: dai meccanismi di attribuzione dei nomi alla produzione, dalle storie locali alle costruzioni narrative riguardanti la riproduzione, il sesso, il corpo e la persona, alle concezioni della morte e della storia. La parentela appare dunque come un discorso intorno all’identità e alla differenza, attraverso il quale comprendere, modellare e rendere manipolabile il gioco delle identità nel tempo.

Berardino Palumbo, ricercatore di Antropologia culturale nell’Università di Messina, ha svolto ricerche etnografiche in Italia (Sannio, Beneventano) e in Africa (Ghana). Da alcuni anni conduce uno studio sui rapporti tra religione, potere e storia nella Sicilia sud-orientale.
Tra le sue pubblicazioni, Madre-madrina. Rituale, parentela e identità in un paese del Sannio, Milano 1991; Come Venere in cielo. Paradigmi di identità nzema, in «Luoghi d’Africa», Roma 1995 e Prove, Finzioni, testimonianze. Forme di validità in antropologia e storia, Roma 1995.

Antologia della Letteratura Cristiana Antica Greca e Latina – 2 Volumi

Antologia della Letteratura Cristiana Antica Greca e Latina – 2 Volumi

Volume I : Da Paolo all’età costantiniana – Volume II : Dal concilio di Nicea agli inizi del Medioevo

Autore/i: Moreschini Claudio; Norelli Enrico

Editore: Morcelliana

introduzione degli autori.

vol. 1 pp. 440, vol. 2 pp. 560, Brescia

L’Antologia di testi di Letteratura cristiana antica che qui presentiamo si accompagna ai due volumi della storia letteraria, pubblicati dalla Morcelliana nel 1995 e 1996, e di proposito riprende i criteri interpretativi fondamentali che allora ci avevano guidato nel descrivere la graduale e non sempre facile elaborazione dei nuovi e dirompenti contenuti recati dalla dottrina cristiana in seno al mondo di lingua greca e latina.
Ma una storia letteraria non è completa se non supportata dalla documentazione offerta dai testi, qualora non si forniscano gli strumenti atti a coglierne gli aspetti caratterizzanti, a scorgerne le pagine di poesia o a comprenderne la profondità dottrinale. Di qui il senso dell’Antologia: un contributo alla comprensione della letteratura cristiana antica greca e latina mediante una paziente illustrazione, che non ha voluto accumulare materiale erudito, bensì guidare il lettore alla lettura di testi spesso insoliti, ma tutti capaci di comunicare un messaggio nuovo, sia sul piano formale sia contenutistico e dottrinale. La nostra Antologia non è la prima nel suo genere, ma, nel contesto della letteratura cristiana, non sono molti gli strumenti di cui si può servire un lettore interessato a conoscere in modo diretto il cristianesimo dei primi secoli. Sorretti, come sono, da un’adeguata esegesi, noi crediamo che i testi qui presentati possano manifestare appieno quella ricchezza spirituale, culturale, letteraria di cui il cristianesimo dei primi secoli (e non solo dei primi secoli) è stato il portatore.
(dall’introduzione)

Claudio Moreschini (ordinario di Letteratura Latina nell’Università di Pisa) ed Enrico Norelli (professore di Letteratura Cristiana Apocrifa nella Facoltà di teologia dell’Università di Ginevra) dirigono presso la Morcelliana la collana di Letteratura cristiana antica, in cui è stata pubblicata la Storia della letteratura cristiana antica greca e latina, in corso di traduzione in varie lingue estere.

La Tristezza Inutile

La Tristezza Inutile

Autore/i: Balestro Piero

Editore: Edizioni Paoline

presentazione dell’autore.

pp. 168, Cinisello Balsamo (Milano)

Del tanto dolore che ci intride, la gran parte si potrebbe evitare imparando a vivere diversamente; e il dolore «inevitabile» potrebbe essere meno sconsolato.
Cos’è la «tristezza inutile»? come evitarla? come appropriarsi liberatoriamente del proprio destino? Ma qual è il proprio destino?
E, ancora: come atteggiarsi davanti al dolore inevitabile? come lenirlo? come farlo diventare addirittura «utile»?
Come si vede, si tratta di un autentico programma, che nel libro viene analiticamente svolto con la calda umanità dell’autore, il quale notoriamente associa alla vasta conoscenza teorica la quotidiana frequentazione psicoterapeutica del dolore, sistematicamente affrontato nella convinzione che si può e si deve «far qualcosa» per superarlo.

Piero Balestro, dopo gli studi in teologia, si è laureato in filosofia e poi in psicologia, specializzandosi in psicopedagogia.
Scrittore e giornalista, alterna la ricerca (fa parte del Comitato scientifico dell’Istituto di bioetica di Torino) a pubblicazioni divulgative. Già assistente presso l’Università Cattolica di Milano, docente di filosofia morale alla Facoltà teologica di Torino, ordinario di filosofia in un liceo statale, attualmente esercita I’attività psicoterapeutica in Torino.
Dei suoi libri ricordiamo: Sesso e persona (Bompiani, Milano 1967), Dialogo o ideologia? (Borla, Torino 1972), Continente adolescenza (de, Leuman-Torino 1974), Legge e libertà sessuale (Rusconi, Milano 1982), Il complesso del primogenito (Sei, Torino 1982), Liberarsi dell’angoscia (Sei, Torino 1986), L’uomo e le sue stagioni (Esperienze, Fossano 1988).

La Scienza della Agopuntura – Manuale Pratico Illustrato di una Tecnica Millenaria

La Scienza della Agopuntura – Manuale Pratico Illustrato di una Tecnica Millenaria

Le enormi possibilità dell’Agopuntura e le sue tecniche di applicazione. L’antica scienza medica cinese grande alleata della medicina moderna

Autore/i: Fisch Guido

Editore: Edizioni Accademia

prefazione di Nguyen Van Nghi, traduzione di Roberto Macchetta.

pp. 176, nn. fotografie e illustrazioni b/n, Milano

Per molti occidentali l’agopuntura rappresenta una specie di scienza occulta, data la sua origine cinese. Poiché le notizie su questa scienza giungevano attraverso commercianti e missionari, gli scienziati occidentali videro nelle guarigioni solo delle semplici conseguenze di nozioni empiriche sulle quali i cinesi, «il popolo superstizioso per eccellenza», avevano costruito delle teorie mistiche. La realtà è completamente diversa e la diffidenza e l’ostilità derivano da una insufficiente conoscenza della mentalità orientale. Col suo simbolismo, la medicina cinese fornisce all’Occidente una differente interpretazione della vita e dell’uomo e con ciò nuove possibilità terapeutiche. La tradizione cinese ci insegna a rispettare l’unità organica dell’uomo ed i suoi rapporti verso il mondo che lo circonda, liberando l’occidente dalle proprie concezioni materialistiche; per contro, la medicina occidentale offre al simbolismo cinese una base materiale per una terapia efficace e più semplice. Nessuna delle due scienze mediche dovrebbe escludere l’altra.

Shen Shu – Oracolo delle Monete e Libro di Saggezza dell’Antica Cina

Shen Shu – Oracolo delle Monete e Libro di Saggezza dell’Antica Cina

Autore/i: Liang Zhuge

Editore: Edizioni Il Punto d’Incontro

a cura di Stefan Kappstein, introduzione dell’autore, traduzione di Daniele Doglioli.

pp. 272, solo libro senza le 10 monete cinesi, Vicenza

In Cina, la consultazione dell’oracolo vanta origini molto antiche. Ciononostante, a differenza di altri popoli, i responsi non venivano pronunciati da profeti o sibille, bensì da persone erudite esperte nell’arte della scrittura. Proprio dal pennello di uno di questi saggi, Zhuge Liang, nasce lo Shen Shu, ossia l’oracolo dei numeri sacri, che trae la propria ispirazione dalle credenze popolari, dalla mitologia e dalla sapienza cinese. Grazie alla sua profonda saggezza, da oltre duemila anni quest’oracolo delle monete dell’antica Cina è assai noto in Oriente e ha ispirato generazioni di grandi personaggi e artisti.
Questo testo, mai tradotto in precedenza, viene ora presentato al mondo occidentale. Esso svela una saggezza millenaria, una conoscenza pluridimensionale che si rivela attraverso risposte la cui interpretazione allegorica conduce a una presa di coscienza del sé e della propria vita, liberando nel contempo da ogni dubbio. Il testo, che è caratterizzato da una piacevolissima vena poetica, permette di spaziare con gli interrogativi in un vastissimo campo d’indagine, da questioni prettamente quotidiane a domande di carattere spirituale.
Consultando lo Shen Shu, è possibile dunque rivolgere domande di ogni genere, ricevendo risposte chiare, incisive ed esaurienti, che rappresentato in primo luogo consigli di natura etica e morale. I responsi, forniti in versi, sono seguiti da una profonda e dettagliata analisi che permette di applicare l’oracolo a qualunque quesito. È questo un punto estremamente importante, perché ricorrere allo Shen Shu significa attingere alla sapienza spirituale cinese, che nella nostra epoca costituisce un prezioso e valido aiuto per illuminare il cammino della vita di ogni uomo.

Nascita del Pitagorismo nell’antica Kroton

Nascita del Pitagorismo nell’antica Kroton

Autore/i: Barbera Giuseppe

Editore: Associazione Tradizionale Pietas

premessa e introduzione dell’autore.

pp. 90, illustrazioni b/n, Roma

Il testo è una prima introduzione al Pitagorismo per renderne più chiaro l’approccio e offrire una panoramica agli argomenti che si andranno ad approfondire in questa collana. Questo saggio esamina il fenomeno sociale della pietas crotoniate attraverso i templi e i reperti archeologici dell’antica Kroton. Si leggeranno le notizie e le fonti storiche su Pitagora, fondatore della scuola matematica magnogreca, ripercorrendo i momenti storici salienti della città e della comunità pitagorica. Si presenterà il mito dell’eroe e la funzione sociale degli dèi, la concezione della donna secondo i pitagorici, la matematica con le sue interpretazioni esoteriche, la concezione dell’anima e della reincarnazione e, nei vari ambiti, le applicazioni e le innovazioni che la scuola pitagorica è riuscita ad apportare nel pensiero occidentale.

Giuseppe Maria Domenico Barbera è archeologo e presidente dell’Associazione Tradizionale Pietas. Profondo studioso del Pitagorismo (tra i migliori in Europa) ha organizzato e diretto convegni nazionali ed internazionali sulla filosofia pitagorica presso l’Università di Roma e Crotone. Annualmente tiene corsi di matematica pitagorica presso le sedi dell’Associazione Tradizionale Pietas.

Cochise

Cochise

Apache Chiricahua

Autore/i: Sweeney Edwin R.

Editore: U. Mursia Editore

introduzione dell’autore, traduzione dall’americano di Fulvio Bernardinis.

pp. 480, 1 cartina b/n, Milano

«… una biografia essenziale che sarà una fonte importante per tutti coloro che vorranno scrivere ancora su Cochise.».

Quando presero possesso dell’Arizona e del New Mexico, gli Stati Uniti ereditarono il territorio di un popolo che era stato una spina nel fianco per il Messico sin dal 1821 e ancora prima per la Spagna. Gli indiani di quel territorio, conosciuti collettivamente come Apache, vivevano in gruppi sparsi e con varie denominazioni: Mescaleros, Chiricahua, Jicarilla… Molto è già stato scritto su di loro e sui loro capi, ma nessuno ha mai raccontato in modo approfondito la vita del loro capo più grande: Cochise. Ora però Edwin R. Sweeney ha colmato questa lacuna con una completa biografia.
Cochise, un Chiricahua, era definito il più abile, il più brutale e il più temuto degli Apache: con i suoi guerrieri faceva razzie sia in Messico, sia negli Stati Uniti. Una volta sola venne catturato e imprigionato e quando fu liberato giurò che non sarebbe mai più stato preso.
Nel 1861, quando suo fratello fu impiccato dagli americani ad Apache Pass, Cochise dichiarò guerra. Combatté strenuamente per dieci anni, e solo quando fu davanti a forze militari soverchianti accettò la pace e la riserva. Da allora, sebbene venisse incolpato praticamente di ogni razzia che veniva compiuta in Arizona e in New Mexico, mantenne fedelmente la sua parola e la pace fino alla morte, nel 1874.

Prassi e Teoria della Psicologia Individuale

Prassi e Teoria della Psicologia Individuale

Autore/i: Adler Alfred

Editore: Newton Compton Editori

saggio introduttivo di Francesco Parenti, introduzione dell’autore, traduzione di Mauro Cervini.

pp. 368, Roma

Alfred Adler in Prassi e teoria della psicologia individuale e comparata mantiene l’impronta generale, di uno stile e di contenuto, tipica di Adler, ma possiede una sua particolare caratterizzazione, che le deriva dal ruolo importante di trattato, di manifesto didattico e programmatico della dottrina adleriana. Pur nella sua stesura nitida e fluente, nella sua fondamentale accessibilità alle diverse categorie di lettori, l’opera si presenta dunque come un testo d’insegnamento, di cui ribadisce i rigori e l’incisiva definizione concettuale in ogni pagina. Così le affermazioni di maggior rilievo appaiono in essa scandita con frequenza in categorie riassuntive, contrassegnate da un numero, tali da facilitare il processo mnemonico di apprendimento da parte di chi legge. Molti capitoli, che affrontano e d esauriscono con autonomia un argomento, sono delle piccole monografie che favoriscono la consultazione specifica del volume. Dovunque, assume grande rilievo l’illustrazione dei casi, rendendo concreta ad esemplificativa la trattazione di ogni tema.

L’immagine della personalità unitaria come variante delle singole espressioni vitali e forme espressive.

La Scienza e i Miracoli

La Scienza e i Miracoli

Conversazioni sui rapporti tra scienza e fede

Autore/i: Stannard Russell

Editore: TEA – Tascabili degli Editori Associati

prologo dell’autore, traduzione di Isabella C. Blum.

pp. 270, Milano

La scienza moderna sembra avanzare senza soste: sono sempre più numerosi i fenomeni a cui riesce a dare spiegazioni esaustive, non potrebbe un giorno arrivare a spiegare proprio tutto? La teoria del Big Bang implica o esclude l’intervento di un Dio creatore? È possibile credere contemporaneamente a Darwin e alla Bibbia? È davvero inevitabile il contrasto tra Dio e Natura? Sono queste le domande che Russell Stannard ha posto a trentasette personaggi di spicco del mondo scientifico e umanistico. Il risultato è un dibattito a più voci dal quale si evince come la via del confronto e della collaborazione, imboccata dalla maggior parte degli scienziati e dei teologi, sia l’unica possibile per un autentico progresso da parte dell’uomo.

Russell Stannard è docente di Fisica alla Open University di Milton Keynes. Ha viaggiato molto in Europa e negli Stati Uniti, effettuando ricerche nel campo della fisica nucleare. È famoso per i suoi libri di divulgazione scientifica per ragazzi incentrati su Albert Einstein e pubblicati in Italia da Salani.

I Principi della Matematica

I Principi della Matematica

Autore/i: Russell Bertrand

Editore: Newton Compton Editori

introduzione di Bruno Widmar, traduzione di Enrico Carone e Maurizio Destro.

pp. 800, Roma

I principi della matematica insieme al Principia mathematica costituiscono la Summa del pensiero logico-matematico di B. Russell. La data di composizione dell’opera, il 1903, è estremamente utile per la sua comprensione e per una corretta collocazione storica. È il momento di inizio delle grandi rivoluzioni scientifiche, della soluzione dei grandiosi problemi posti dalla revisione critica del complesso edificio costruito dagli scienziati del settecento e dell’ottocento. Nel 1905 Einstein scriveva le sue famose Memorie sulla relatività ristretta. La matematica ha scoperto il «paradiso di Cantor» e deve affrontare il problema qualitativamente nuovo dei suoi principi, della sua logica. L’opera di Russell ha così un profondo valore storico, ed anche perciò un grande valore attuale, il quale consiste appunto nella capacità di indicare e rivelare una realtà diversa sottesa dal nostro discorso, dal nostro pensare. Ed in Russell la capacità di partecipare una scoperta è inoltre caratteristicamente potenziata da un uso non eccessivo del simbolismo matematico.

Un’opera che appartiene alla storia della logica, della matematica e della filosofia, dunque, ma con un potenziale intatto di novità, profondità e coscienza.

Vita Segreta dei Delfini

Vita Segreta dei Delfini

Autore/i: Smolker Rachel

Editore: Arnoldo Mondadori Editore

prologo ed epilogo dell’autrice, traduzione di Pietro Spinelli.

pp. 282, nn. fotografie a colori f.t., Milano

“L’emozionante avventura di una donna tra le creature più intelligenti del mare. Un libro che merita un posto tra i più importanti studi degli animali e che è stato paragonato al grande classico di Jane Goodall L’ombra dell’uomo

La Shark Bay sulla costa occidentale dell’Australia è un’incredibile distesa d’acqua che si getta nell’oceano Indiano. Nel 1982, l’americana Rachel Smolker, allora studentessa di biologia, si trasferì in una delle sue remote spiagge, Mokey Mia, per studiare i delfini, che pur vivendo in quella baia allo stato selvaggio, interagiscono con l’uomo, mangiano dalle sue mani, giocano con lui, si spingono a pochi metri dalla riva. Durante i 15 anni che seguirono, la Smolker ha esplorato la vita di questi cetacei, li ha conosciuti a uno a uno, ha dato loro un nome, ha analizzato le loro caratteristiche fisiche e psicologiche, ha cercato di comprenderne la personalità. Da un incontro così emozionante è nato questo libro che, unendo passione e rigore scientifico, esamina le complesse, spesso violente divergenze tra i sessi, la natura del legame tra madre e cucciolo e il vasto repertorio di suoni usato per comunicare dalle più intelligenti creature del mare. Scritto con grande trasporto, Vita Segreta dei Delfini è insieme un ritratto inedito di questi affascinanti animali e la toccante storia personale di una donna che ha dedicato loro la vita.
«Cosa vediamo quando fissiamo negli occhi un delfini? Uno sguardo non ossessivamente speranzoso e condiscendente come quello di un cane, né distaccato e concentrato su di sé come quello di un gatto, né timorosamente perplesso come quello di un uccello. Uno sguardo che sembra familiare: che valuta, si riserva il giudizio, pondera e considera, deduce e comprende. Il delfino può inventare strategie, provare empatia e, soprattutto, riconoscere un altro essere similmente complicato e senziente come l’uomo.»

Rachel Smolker, biologa americana, nel 1982 ha fondato con altri scienziati il Monkey Mia Dolphin Reserch Project. Ha partecipato a importanti studi sui delfini e balene in diverse parti del mondo e sulla vita dei primati in America centrale, nel Sudest asiatico e nel madagascar. Ricercatrice all’università del Vermont, collabora con il museo di zoologia dell’università del Michigan, dove ha conseguito il dottorato.

La Macrobiotica e la Sua Filosofia e Altre Opere

La Macrobiotica e la Sua Filosofia e Altre Opere

Autore/i: Ohsawa Georges

Editore: Arcana Editrice

introduzione di Ferro Ledvinka, traduzione di Ferruccio Ledvinka Alberto della Chiostra e Franco Galli.

pp. 430, Milano

Sommario:

Introduzione

Introduzione alla scienza della macrobiotica
・IL PRINCIPIO UNICO DELLA FILOSOFIA E DELLA SCIENZA DELL’ESTREMO ORIENTE

La macrobiotica e la sua filosofia
・LA FILOSOFIA DELLA MEDICINA DELL’ESTREMO ORIENTE. IL LIBRO DEL GIUDIZIO SUPREMO

La vita macrobiotica
・CON UN METODO DI EDUCAZIONE

Cancro e macrobiotica
・IL CANCRO E LA FILOSOFIA DELL’ESTREMO ORIENTE

L’agopuntura e la medicina macrobiotica

Gli Oli Vegetali per la Nostra Salute

Gli Oli Vegetali per la Nostra Salute

Proprietà e indicazioni d’uso – Ricette salutistiche – Consigli cosmetici

Autore/i: Cousin Nathalie

Editore: Macro Edizioni

prefazione di Pierre Pénichon, premessa dell’autrice, traduzione di Maria Luisa Quintavalle.

pp. 144, Cesena (FC)

Scopri le qualità benefiche degli oli vegetali. Ricchi di acidi grassi come gli omega 3, omega 6 e omega 9, questi utilissimi oli hanno straordinari poteri curativi per il benessere del nostro corpo. In questa guida pratica sono presentate tantissime tipologie di oli: dai più noti come l’olio di girasole o di oliva, di sesamo o di mais ad altri più originali come quello di semi di lino, quello di cartamo, di germe di grano, di noci, di semi di vinaccioli, di cumino nero, di canapa o il pregiato olio di argan, oggi ampiamente utilizzato anche in cosmesi. Per ogni tipo di olio troverete una scheda di approfondimento con indicati: quali elementi lo costituiscono e in che quantità; le proprietà; le indicazioni d’uso; le patologie per cui si ritiene sia appropriato e terapeutico. Utilizzando gli oli vegetali è possibile curare, ad esempio, malattie cardiovascolari, osteoporosi, allergie, asma, calcoli, cattiva circolazione, costipazione, ipercolesterolemia, insonnia, ecc. Questo manuale contiene anche sfiziose ricette salutistiche che prevedono l’utilizzo dei diversi oli e una sezione ricca di consigli per il loro uso cosmetico.

Esperta di salute naturale e giornalista, Nathalie Cousin è naturopata diplomatasi presso il Collegio Cenatho a Parigi di naturopatia tradizionale olistica. È già autrice di diversi libri di successo in materia di benessere e alimentazione naturale.

Visualizza indice

Indice
Prefazione
Premessa

Capitolo 1- Interesse degli oli vegetali per la salute

Definizioni
Le grandi funzioni dei lipidi nel corpo
Gli acidi grassi saturi
Gli acidi grassi insaturi
Gli acidi grassi monoinsaturi
Gli acidi grassi polinsaturi od omega
Famiglia degli omega-6
Famiglia degli omega-3

Capitolo 2 – Come scegliere un olio vegetale

Che cosa significa “olio vegetale”?
Piccolo riepilogo esemplificativo sulla produzione degli oli
Le margarine, veri “falsi amici”
Cis o trans?

Capitolo 3 – Proprietà dei diversi oli per uso alimentare

Olio di arachidi
Olio di cartamo
Olio di colza
Olio di germe di grano
Olio di mais
Olio di nocciola
Olio di noci
Olio di oliva
Olio di palma
Olio di vinaccioli
Olio di ricino
Olio di sesamo
Olio di soia
Olio di girasole

Capitolo 4 – Gli oli rari

Olio di argan (o di argania)
Olio di borragine
Olio di tamanù
Olio di camelina
Olio di semi di ribes nero
Olio di canapa
Olio di cardo mariano
Olio di carolo (Cynara cardunculus)
Olio di semi di zucca
Olio di cumino nero
Olio di papavero mediterraneo
Olio di lino, il campione degli omega-3
Olio di perilla, il nuovo fiore all’occhiello degli omega-3
Olio di onagra
Olio di pinoli
Olio di rosa mosqueta del Cile, ultrarigenerante per la pelle

Capitolo 5 – Le miscele di oli

L’”olio integrale”

Capitolo 6 – Consumare gli oli in modo appropriato

L’ossidazione: il nemico numero uno
Conservare gli oli in modo adeguato: al fresco e all’ombra
Acidi con protezione antiossidante

Capitolo 7 – Per un buon impiego degli oli in cucina

Per cucinare
Le fritture: da riservare a momenti rari
Il migliore degli oli: è crudo!
Qualche ricetta per sfruttare al meglio gli oli vegetali

Capitolo 8 – Oli di oliva aromatizzati prodotti in casa

Per le salse
Per quanto riguarda i dolci

Capitolo 9 – Gli oli vegetali per la cura del corpo

Olio di mandorle dolci
Olio di avocado
Olio di argan
Olio di borragine
Olio di tamanù
Olio di germe di grano
Olio di jojoba
Burro di karité
Olio di macadamia
Olio di nocciola
Olio di noci di cocco
Olio di nocciolo di albicocca
Olio di oliva
Olio di onagra
Olio di rosa mosqueta del Cile
Olio di ricino
Olio di sisimbrio
Olio di bardana
Ricette cosmetiche da sperimentare in casa

Appendici
Classificazione degli oli per indicazione terapeutica
Classificazione degli oli per malattia