Libreria Editrice OssidianeLibreria Editrice Ossidiane

Libri dalla categoria Coscienza

L’Arte di Tacere

L’Arte di Tacere

Titolo originale: L’art de se taire, principalement en matière de religion

Autore/i: Abate Dinouart

Editore: Sellerio Editore

introduzione di Jean-Jacques Courtine e Claudine Haroche, traduzione dal francese di Chiara Bietoletti

pp. 112, Palermo

«Il primo grado della saggezza è sapere tacere; il secondo è saper parlare poco e moderarsi nel discorso ….». L’arte di tacere è paradossalmente arte della parola, «un altro capitolo della retorica».

L’art de se taire fu pubblicato a Parigi nel 1771. Un trattato sulla tematica del silenzio che occupa un notevole spazio «delle opere che dettano il comportamento del corpo e del linguaggio….. Con questo trattato l’abate Dinouart voleva forse concludere la lunga serie di quelle arti della parola che costellano la retorica dell’età classica? O voleva invece fissare definitivamente il concetto stesso di retorica? Niente di tutto ciò. L’arte di tacere è una paradossale arte della parola, un altro capitolo della retorica, della quale ha mantenuto tutte le finalità pratiche».

L’abate Joseph Antoine Tousaint Dinouart (Amiens, 1716-1786) è tra quegli ecclesiastici «mondani» e poligrafi del XVIII secolo. Scrisse sui più svariati argomenti, soprattutto sulle donne – compresi rifacimenti di opere altrui che gli guadagnarono il titolo di «Alessandro dei plagiari» -, e pubblicò nel 1749 un Trionfo del sesso a causa del quale entrò in grave attrito con la sua gerarchia.

Cinque Secoli di Stampa – Tipografia e Caratteri, Libri ed Editoria

Cinque Secoli di Stampa – Tipografia e Caratteri, Libri ed Editoria

Titolo originale: Five Hundred Years of Printing

Autore/i: Steinberg Siegfried Henry

Editore: Giulio Einaudi Editore

introduzione dell’autore, traduzione di Luciano Lovera.

pp. 364, 32 tavole in bianco e nero fuori testo, Torino

Per circa cinquecento anni la stampa è stata il principale e quasi unico mezzo di diffusione delle idee e anche oggi, nonostante la sfida della radio, del cinema e della TV, essa esercita ancora su tutti gli avvenimenti politici, economici e letterari del nostro tempo un’influenza importantissima, La storia di questa influenza e delle intime relazioni fra stampa e civiltà costituisce il filo conduttore di questo libro dell’eminente studioso inglese S. H. Steinberg, La storia del disegno grafico alla luce dei vari movimenti artistici, la parabola della censura in relazione alle concezioni politiche, il sorgere dei diversi tipi di edizioni in base al clima intellettuale del momento; lo sviluppo delle tecniche di stampa dovuto alla crescente richiesta di stampati, l’avvento delle collane popolari: questi alcuni degli argomenti svolti dall’autore parallelamente alla descrizione dell’opera dei grand stampatori, da Gutenberg a Aldo Manuzio, da Froben agli Estienne, dagli Elzevir ai Didot e Bodoni.
Un piccolo, glossario di termini tecnici, dovuto a un giovane tecnico italiano, e scritto appositamente per la presente edizione, spiega le tecniche, le macchine e i sistemi oggi in uso nell’industria grafica.

Nato nel 1899, S. H. Steinberg ha studiato storia, letteratura e storia dell’arte, divenendo lettore all’università di Lipsia. È stato in seguito redattore della Chamber’s Encyclopaedia e direttore della Cassel’s Eneyclopaedia of Literature. Collabora a varie riviste fra cui «History», «The Monotype Recorder», «The Library», e dirige dal 1946 lo «Statesman’s Yearbook». Ha pubblicato fra l’altro una Short History of Germany e un volume di Historical Tables.

Budda Sorride

Budda Sorride

Autore/i: Brandi Cesare

Editore: Editori Riuniti

prefazione di Alberto Arbasino.

pp. 104, Roma

Budda sorride è la cronaca del rapporto di un grande viaggiatore con il Giappone. È un rapporto al quale sono completamente estranee le tentazioni dell’esotismo: tanto più lontano si spinge, tanto più Brandi mette in gioco la tradizione culturale di cui è portatore. Il viaggio diviene così una sfida a comprendere, attraverso la passione per ciò che ci è estraneo, la ricchezza e la peculiarità della propria storia.
«Il cattedratico illustre – scrive Alberto Arbasino nella prefazione del volume – sembra divertirsi come un ragazzo insonne fra templi e sassi e muschi, anche fra le “casupolaie” della “spaventosa” Kyoto. […] E attraversa il frastornato bric-à-brac delle civiltà stilizzate e del turismo charter miniaturizzando le tensioni fra presenza e assenza col tratto infinitesimo della pittura con inchiostro».

Cesare Brandi (Siena 1906-1988) fondò e diresse l’Istituto centrale del restauro; in seguito fu professore di storia dell’arte nelle università di Palermo e di Roma. Scrisse opere di estetica, di storia dell’arte, di teoria del restauro, monografie e libri di viaggio. Gli Editori Riuniti hanno pubblicato tra gli altri suoi Aria di Siena, Città del deserto, Diario cinese, Pellegrino di Puglia – Martina Franca, Persia mirabile, Budda sorride, Viaggi in Oriente, Verde Nilo, Morandi, Celso o della Poesia, Terre d’Italia, Arcadio o della Scultura, Eliante o dell’Architettura, Il restauro. Teoria e pratica, Teoria generale della critica, Il patrimonio insidiato.

Visualizza indice
  • Introito
  • L’architettura giapponese
  • Il giardino di Katsura
  • Una notte in un albergo giapponese
  • Nara
  • Hong Kong
  • Bangkok
  • Ayutthaya
  • Il mercato sull’acqua
  • Congedo
  • Il Giappone di Barthes

I Templari

I Templari

Autore/i: Badellino Enrico

Editore: Xenia Edizioni

pp. 126, illustrazioni in bianco e nero, Milano

L’ascesa e il tragico destino del pit famoso ordine cavalleresco dell’Europa medievale.

  • Il cavaliere templare secondo la visione di san Bernardo di Chiaravalle
  • Verso la Terrasanta, alla conquista del Santo Sepolcro
  • Il re di Francia Filippo il Bello e la persecuzione dei Templari
  • I misteri dell’Ordine, l’enigmatico Bafometto e il templarismo massonico

Lo Zodiaco della Vita – La Polemica sull’Astrologia dal Trecento al Cinquecento

Lo Zodiaco della Vita – La Polemica sull’Astrologia dal Trecento al Cinquecento

Autore/i: Garin Eugenio

Editore: Editori Laterza

introduzione dell’autore, collana: Universale Laterza n° 349.

pp. 176, Bari

Nella discussione sull’astrologia divinatrice, viva fra il secolo XIV e il XVI, vennero a convergere tutti i grandi motivi dell’epoca: dalla rinascita della cultura antica ai problemi della “rivoluzione scientifica”. Se ne esaminano qui, attraverso l’analisi di alcuni testi esemplari, quattro temi: la teoria delle grandi congiunzioni, il nesso fra astrologia e magia, l’ermetismo, la polemica religiosa. Questo al fine di meglio intendere le radici di concezioni, e illusioni, tuttora operanti.

Eugenio Garin dopo aver insegnato alcuni decenni all’Università di Firenze è passato ora alla Scuola Normale Superiore di Pisa. Fra le sue opere di nostra edizione: L’Umanesimo italiano (1952); Cronache di filosofia italiana, 1900-1943 (1955); La cultura italiana tra ’800 e ’900 (1962); Scienza e vita civile nel Rinascimento italiano (1965); Rinascite e rivoluzioni (1975).

Visualizza indice

Introduzione

  • Astrologia e storia: Albumasar e le grandi congiunzioni
  • Astologia e magia: Picatrix
  • Neoplatonismo e ermetismo
  • La critica dell’astrologia e la storia naturale degli oracoli

Note
Indice dei nomi

La Psicosi – Saggio di Interpretazione Analitica e Esistenziale

La Psicosi – Saggio di Interpretazione Analitica e Esistenziale

Titolo originale: La Psychose – Essai d’Interpretation Analytique et Existentiale

Autore/i: De Waelhens Alphonse

Editore: Casa Editrice Astrolabio

prima edizione, premessa dell’autore, traduzione Antonio Di Ciacca, collana: Psiche e Coscienza – Collana di testi e documenti per lo studio della psicologia del profondo.

pp. 184, Roma

…Una riconsiderazione del comportamento chiamato psicosi, dal punto di vista filosofico, fenomenologico e psicoanalitico, che rivela l’inserimento potenziale della follia nel cuore stesso delle strutture costitutive della condizione umana…

Frutto di quasi dieci anni di lavoro, quest’opera è un tentativo di elaborare, alla luce della psichiatria e della psicoanalisi, una concezione della psicosi, e in particolare della schizofrenia, che possa contribuire a una comprensione antropologica della pazzia. Tale concezione, sempre restando fenomenologica, vorrebbe individuare le strutture dei momenti costitutivi della “soggettività” che sono in causa nelle diverse psicosi. A questo scopo l’autore riflette, partendo da un’impostazione fenomenologica e psicoanalitica, su alcune dimensioni di quel comportamento umano che si potrebbe brevemente chiamare “non razionale”: il comportamento psicotico. Egli tenta di comprenderlo illuminandolo con le scoperte delle principali concezioni psichiatriche e con l’interpretazione che ne dà la psicoanalisi quale si esprime nelle opere di Freud e di Lacan. Questo progetto esige una certa esplicitazione del pensiero psicoanalitico e psichiatrico, nella quale è evitata la duplice insidia dell’ignoranza e della ripetizione. Anzi, è proprio l’analisi freudiana e lacaniana della psicosi a costituire uno dei punti di maggiore originalità e ricchezza di questa ricerca. Non si tratta né di un tentativo di ricostruzione e sistematizzazione, di cui son piene le biblioteche, né di una pura e semplice utilizzazione di strumenti appresi. Ogni struttura concettuale è riscoperta nel vissuto umano, e in ciò De Waelhens rivela un’autentica capacità di comprensione che lo pone al livello dei massimi clinici del nostro secolo, una dote che, più che rara, è quasi introvabile in un filosofo.

Alphonse De Waelhens è nato ad Anversa e ha studiato a Lovanio e a Parigi. Insegna antropologia filosofica e fenomenologia all’Università di Lovanio e alle Facultés Universitaires Saint Louis di Bruxelles. Inoltre tiene regolarmente dei seminari per i candidati alla Scuola Belga di Psicoanalisi. Traduttore ufficiale di Heidegger in lingua francese, ha scritto numerose opere, tra cui Existence et Signification (1958) e La Philosophie et les Expériences Naturelles (1961).

Visualizza indice

Premessa

  • Qualche concezione classica della psicosi schizofrenica secondo la psichiatria
  • L’accesso al linguaggio e la rimozione primaria – il loro insuccesso nella psicosi schizofrenica
  • La portata strutturante dell’Edipo – assenza del triangolo edipico nella psicosi
  • L’interpretazione psicoanalitica della psicosi – la metafora paterna e la forclusione
  • Riflessioni conclusive sul problema della psicosi – criteri analitici ed esistenziali della psicosi
  • Delucidazione esistenziale dell’inconscio e della psicosi

Conclusione

I Signori del Corno d’Oro – I Sultani • I loro Harem • Il Declino dell’Impero Ottomano

I Signori del Corno d’Oro – I Sultani • I loro Harem • Il Declino dell’Impero Ottomano

Titolo originale: The Lords of the Golden Horn

Autore/i: Barber Noel

Editore: Arnoldo Mondadori Editore

prima edizione, traduzione Giuseppe Castoldi, collana: Le Scie, in copertina: Sinan Bey, Maometto il Conquistatore (XVI sec.) Istanbul, Topkapi Palace Museum.

pp. 440, 44 illustrazioni e 7 cartine in b/n, Milano

Nella seconda metà del XVI secolo l’Impero ottomano è il massimo presidio dell’Islam, i suoi confini si estendono dalla Persia all’Algeria, dallo Yemen e da Aden fino alle porte di Vienna. Solimano il Magnifico regna su un crogiuolo di popoli e di razze da una capitale favolosa per bellezza e bizzaria, lambita dalle onde del Corno d’Oro: Costantinopoli. Ma all’apogeo di una potenza che in quel periodo non ha rivali, corrisponde l’inizio di un lungo declino. Nel volgere di quattrocento anni l’immensa struttura statale degli Osmanli si disintegra nel caos. È una crisi che si sviluppa con incalzante progressione dai tempi di Solimano il Magnifico fino a Kemal Ataturk, il capo della rivoluzione nazionalista che, deposto nel 1922 Maometto VI, frantuma l’istituto del sultanato. I signori del Corno d’Oro ripercorre i momenti decisivi della decadenza dell’Impero ottomano da un’angolazione del tutto particolare: attraverso la vita e le gesta dei sultani, i complicati rituali della corte, le mutevoli influenze della casta militare, gli usi dell’harem e i talvolta illimitati poteri delle favorite sul governo dell’immenso stato. In uno scenario di fasto megalomane, fra atroci congiure e insensate guerre d’avventura, mentre sul trono di Costantinopoli salgono personaggi di sinistra grandezza, uomini d’eccezione per dispotismo e sregolatezza, ossessionati da manie di persecuzione e da degradanti perversioni, signori e insieme schiavi dell’harem, si compie il lungo tramonto di una dinastia che per garantire la continuità del proprio potere è costretta a recludere i sultani nella dorata “gabbia” del Gran Serraglio e a scegliere la più sfrenata corruzione scavando un incolmabile abisso tra lo stato e i sudditi. Suggestivo profilo di una grande civiltà scomparsa, I signori del Corno d’Oro è un’opera di avvincente narrazione storica, densa di pittoreschi particolari che fanno rivivere in tutta la sua tragica e grottesca atmosfera il naufragio dell’Impero ottomano.

Noel Barber, nato in Inghilterra nel 1909, Noel Barber è uno scrittore specializzato in opere di divulgazione storica. I signori del Corno d’Oro è il risultato di oltre due anni di studi e ricerche compiute in Turchia.

Visualizza indice

Ringraziamenti

La dinastia degli Osmanli

Gli anni del declino

  • Il Gran Serraglio
  • Le incrinature fatali
  • Il regno delle favorite
  • Gli anni della Gabbia
  • I visir al potere

Il malato d’Europa

  • La sultana francese
  • Verso la Crimea
  • Il pazzo di Dolmabache
  • La città degli intrighi
  • L’assedio di Plevna
  • L’assassinio di un patriota
  • Il coraggioso e il maledetto

Gli ultimi vacillanti sovrani

  • Il trio scellerato
  • Il ribelle
  • L’incendio di Smirne
  • Il dittatore

Poscritto
Note per il lettore
Volumi consultati
Documenti
Indice dei nomi
Indice delle illustrazioni
Indice delle cartine

Miti Pellerossa

Miti Pellerossa

Titolo originale: «The Red Swan: Myths and Tales of the American Indians»

Autore/i: Bierhorst John

Editore: Longanesi & C.

introduzione dell’autore, edizione italiana di Franco Meli, collana: Il Cammeo n° 70, in copertina: bambola-feticcio (Kachina) in uso presso gli Hopi.

pp. 290, 16 ill. in b/n, Milano

Un ricchissimo e fecondo patrimonio di miti, leggende, narrazioni sacre e profane illustra i tratti più riposti e peculiari della cultura indiana d’America. La letteratura relativa ai nativi americani è vastissima : storicamente lo sterminio delle nazioni indiane ha comportato anche una mole di trascrizioni attraverso le quali si è inteso registrare fedelmente l’estremo sussulto di un popolo ritenuto in via d’estinzione. Uno studio serio e una conoscenza documentata non possono prescinderebda questo vasto materiale raccolto e ora preservato per sempre: anche John Bierhorst, nell’opera qui presentata, vi fa perlopiù riferimento, consegnando al lettore un ampio spettro delle culture native del continente americano nelle loro molteplici e differenziate componenti. Ultimo vestigio resistito a secoli di violenze e soprusi, nel contesto indiano d’America il mito è da intendersi nel suo stretto valore etimologico, ossia “discorso”, “parola”, quindi “pensiero”, “opinione” e perciò leggenda, saga, narrazione sacra. I testi sono preceduti da un illuminante saggio introduttivo, che si pone quale esemplare lezione critica, e sono seguiti da un impressionante apparato di note che specifica le fonti e fornisce i necessari chiarimenti alla lettura di racconti così poliformi per dati culturali e convenzioni narrative. É un libro nel libro, di estremo aiuto e interesse sia per il cultore della materia sia per il profano, e che, assieme alla precisa e informata bibliografia e al glossario delle nazioni indiane citate, costituisce un solido background storico e culturale.

John Bierhorst, noto e autorevole studioso di letteratura indiana d’America, ha pubblicato: In the Trail of the Wind, Songs of the Chippewa, Four Masterworks of American Indian Literature e Balck Rainbow. Queste opere sono un’affascinante introduzione a un immenso corpo letterario, a una tradizione orale antica e intricata che senz’altro meritano maggiore attenzione e riconoscimento.

Materialismo Dialettico e Metodo Scientifico

Materialismo Dialettico e Metodo Scientifico

Titolo originale: Matérialisme dialectique et méthode scientifique

Autore/i: Apostel Leo

Editore: Giulio Einaudi Editore

seconda edizione, traduzione di David Mezzacapa

pp. 68, Torino

La dialettica in Hegel e in Lenin affronta il problema della costruzione di un divenire irreversibile, eterno e autoesplicativo, la scienza attuale insiste sulle evoluzioni irreversibili, sui sistemi aperti, sugli effetti strutturali e sulle teorie della comunicazione e del feedback. Ispirandosi alle strutture dell’automazione per tentare una più stretta unione tra logica e dialettica materialistica, l’epistemologo e logico Leo Apostel propone un’interpretazione del lavoro umano, in particolare scientifico, e una serie di «approssimazioni» ai modelli del processo dialettico. La concezione dialettica del divenire individua le proprietà di uno sviluppo spontaneo e indipendente, che si spiega e si perpetua da se’ creando novità emergenti che sono tuttavia preparate e spiegate dagli sviluppi precedenti. L’azione d’insieme più generale che sia stata condotta ai nostri giorni per comprendere i caratteri distintivi del vivente è la cibernetica, scienza della regolazione che studia tutti i meccanismi – organici, psichici, sociali – capaci di autodirigersi.
La cibernetica è una teoria delle leggi del movimento, un sistema dialettico che comprende la teoria dell’informazione, dei giochi e dei modelli retroattivi complessi. La logica stessa di Hegel può interpretarsi come una descrizione dello sviluppo, a livelli diversi, di un sistema retroattivo autonomo e totale, la nostra scienza quale un sistema retroattivo complesso, il marxismo come un tentativo di reintegrare la scienza positiva nella dialettica hegeliana e viceversa. L’auspicata unità dell’ingegnere e dello storico dovrà essere il frutto non di una scienza ridotta a tecnica, ma di una teoria del lavoro e dell’organizzazione che costituiranno una vera applicazione pratica del marxismo al metodo scientifico.

Leo Apostel, nato nel 192 5, dottore in filosofia all’Università libera di Bruxelles, ha proseguito gli studi con Rudolf Carnap all’Università di Chicago, ha collaborato al centro d’epistemologia genetica di Jean Piaget a Ginevra, insegna dal 1957 all’Università di Gand. Collaboratore di numerose riviste («Logique et analyse», «Synthèse», ecc.), le sue pubblicazioni principali sono: Logique, langage et théorie de l’information (con B. Mandelbrot e A. Mori), Logique et équilibre (con B. Mandelbrot e J. Piaget), Les liaisons analytiques et syntbe’tiques dans le comportement du sujet (con W. Mays, A. Morf e J. Piaget), Logique, apprentissage et probabilité (con A. R. Jouckheepe e B. Mautalon) e un libro sulla logica e le scienze umane (in fiammingo).

Pastores Dabo Vobis

Pastores Dabo Vobis

Esortazione apostolica post-sinodale di sua santità Giovanni Paolo II circa la formazione dei sacerdoti nelle circostanze attuali

Autore/i: Giovanni Paolo II

Editore: Editrice Elle Di Ci

introduzione dell’autore.

pp. 184, Torino

Giovanni Paolo II riprende il patrimonio delle riflessioni e delle indicazioni che hanno preparato e accompagnato i lavori sinodali. Esamina le sfide della formazione sacerdotale alla fine del secondo millennio, riflette sulla natura e la missione del sacerdozio ministeriale e sulla vita spirituale del sacerdote e delinea degli orientamenti per l’animazione vocazionale e per la formazione dei candidati al sacerdozio, come anche per la formazione permanente dei sacerdoti.

Autobiografia di un Monaco Zen

Autobiografia di un Monaco Zen

Titolo originale: Autobiographie d’un Moine Zen

Autore/i: Deshimaru Taïsen

Editore: Arnoldo Mondadori Editore

traduzione Guido Alberti , collana: Oscar Mondadori – Piccola Biblioteca n° 107.

pp. 192, Milano

…Aprii la porta scorrevole e lo trovai nella postura zazen, immobile, calmo e forte, come un drago pronto a balzare. Rimasi a fissarlo, colmo di stupore…

Attraverso il vivace racconto di una serie di episodi-chiave della propria vita, un monaco Zen giapponese ricostruisce la nascita della propria vocazione e l’evoluzione del suo pensiero spirituale. Mentre la madre gli suggerisce la strada religiosa, il padre lo spinge alla carriera commerciale, ma decisivo è l’incontro con il maestro Kodo Sawaki: nella sua personalità Deshimaru trova una luminosa guida al superamento delle sue interne contraddizioni e una forza straordinaria che gli consentirà di sopportare gravi difficoltà economiche e le vicissitudini della guerra. Sawaki infine premierà la devozione di Deshimaru, facendolo approdare all’ordine monastico e nominandolo suo successore.

Taisen Mokudo Deshimaru (1914-1982), primo patriarca zen d’Occidente, fu discepolo di Kodo Sawaki (considerato il rinnovatore dello Zen in Giappone) che gli conferì lo shiho, la trasmissione del Dharma dello Zen Soto, facendone così il suo diretto successore. Giunti a Parigi nel 1967, Deshimura introdusse in Europa la pratica dello zazen e fondò l’Association Zen Internationale e il primo Gran Tempio Zen d’Occidente, dove si svolgono tutto l’anno grandi sesshin con persone provenienti da ogni parte del mondo.

Visualizza indice
  • In riva al fiume Chiguko
  • Scarabocchi su un Kakemono raffigurante Bodhidharma
  • Il Nembutsu di mia madre
  • Il piccolo generale
  • Mutsugoro e migliarini di palude
  • La teoria dell’aquilone
  • Due monaci Shinshu
  • Il cadavere di mia nonna
  • Il Club dell’Alba
  • E ora, che fare?
  • Il mio primo incontro con il Maestro Sawaki
  • Chicchirichi sulla testa di un monaco
  • Un fascino infinito
  • I miei studi a Tokyo e Yokohama
  • La mia prima sesshin
  • Economia e religione
  • Un cliente difficile
  • Il mio primo impiego
  • Un amore tragico
  • L’abisso della solitudine
  • Il quaderno di appunti del Maestro Sawaki
  • Acquavite in una ciotola
  • I miei inizi a Soji-ji
  • Abe il furbo
  • Seguendo il Maestro
  • Chiedo di prendere gli ordini
  • Il segreto delle arti marziali
  • Zazen in montagna
  • Poso per uno scultore
  • Guerra e matrimonio
  • Zen e Shinshu
  • Il generale Mazaki esce di prigione
  • Il Giappone entra in guerra
  • Trasferimento in Indonesia
  • Zazen sulla dinamite
  • Un’occupazione spietata
  • Chinikon
  • Una persecuzione ingiustificata
  • Zazen in prigione
  • Un amore segreto
  • Addestramento militare
  • Partecipazione al movimento di indipebdenza indonesiano
  • La ricostruzione del Giappone
  • L’addio a Riiran
  • Le cose ritrovate
  • Preludio all’Europa

Conclusione

Storia dei Marrani – L’Odissea degli “Ebrei Invisibili” dall’Inquisizione ai Nostri Giorni

Storia dei Marrani – L’Odissea degli “Ebrei Invisibili” dall’Inquisizione ai Nostri Giorni

Titolo originale: A History of the Marranos

Autore/i: Roth Cecil

Editore: Serra e Riva Editori

prima edizione, prefazione di Herman P. Salomon, premessa e introduzione dell’autore, traduzione Anna Marcella Tedeschi Falco.

pp. 548, Milano

Nel 1492, con la cacciata degli ebrei dalla Spagna a opera dei re cattolici Isabella e Ferdinando, inizia una nuova fase nella storia della penisola iberica. Fuggiaschi e dispersi per mezza Europa (da Amsterdam a Londra, da Livorno a Ferrara) e nel Nuovo Mondo, cambiando identità e spesso esternando apparente devozione cattolica, abbandonando di continuo famiglia, professione e ricchezza: ma in terra libera i marrani gettano la maschera, tornano all’ebraismo, fondano e animano le prime comunità moderne e divengono protagonisti di straordinarie avventure umane e di originali imprese economiche, politiche e intellettuali. Anche per questo la loro vicenda non appartiene solo alla storia ebraica, ma è un’odissea che attraversa l’intera storia della nascita dell’Europa moderna.

Cecil Roth (1899-1970), per molti anni docente di Studi ebraici a Oxford, presidente della Jewish Historical Society of England e direttore della Encyclopedia judaica, è autore di numerosissimi studi di storia ebraica, tra cui Storia del popolo ebraici, Doña Gracia Nasi, Il duca di Nasso, oltre alla Storia dei Marrani (1932), che è ormai un classico.

Visualizza indice

Prefazione
Premessa
Introduzione: I precedenti del criptogiudaismo

  • L’inizio del marranesimo
  • Istituzione dell’Inquisizione
  • La conversione generale in Portogallo
  • L’apogeo dell’Inquisizione
  • La procedura dell’Inquisizione e l’autodafé
  • Santi, eroi e martiri
  • La religione dei marrani
  • La diaspora marranea
  • La Gerusalemme olandese
  • Ritorno in Inghilterra
  • I marrani nel Nuovo Mondo
  • Marrani illustri
  • La letteratura dei marrani
  • Il declino dell’Inquisizione
  • I marrani di oggi

Note
Bibliografia
Indice dei nomi

Aquile e Corone

Aquile e Corone

L’Italia il Montenegro e la Massoneria dalle nozze di Vittorio Emanuele III al governo Mussolini

Autore/i: Pruneti Luigi

Editore: Casa Editrice Le Lettere

introduzione di Aldo Alessandro Mola.

pp. 172, Firenze

Aquile e Corone è un libro nato da un’approfondita ricerca che si è avvalsa non solo di vaste letture ma anche dall’esame di numerosi documenti, spesso inediti, dell’Archivio dello Stato Maggiore dell’esercito e di vari fondi massonici.
Il periodo preso in esame ha inizio con il matrimonio di Vittorio Emanuele III e di Elena di Montenegro. Le vicende della coppia reale, definita da Danis Mack Smith la “più felice dell’età moderna”, è il fil rouge della narrazione che esamina la politica estera italiana e le sue ambizioni egemoniche nello scacchiere adriatico, prima durante e dopo il primo conflitto mondiale. Sullo sfondo di momenti drammatici, di scelte e di non scelte spesso epocali, si proietta sempre l’ombra della massoneria italiana e internazionale capace d’incidere, sul corso della storia di quegli anni. Ne fuoriesce un volume che, pur nella sua sinteticità, formula prospettive di ricerca nuove, ipotesi diverse da quelle comunemente accettate e che, per di più, senza rinunciare alla prova documentata e al valore scientifico della ricerca, si legge come un romanzo.

Luigi Pruneti, giornalista pubblicista, saggista e scrittore, collabora con diversi periodici ed è autore di numerose opere dedicate, soprattutto, alla storia e alle tradizioni della Toscana.  Per la casa editrice “Le Lettere” ha pubblicato: La Toscana dei misteri. Leggende e curiosità su castelli e borghi toscani (2004), Memorie di Atlantide e altri racconti esoterici (2005), Firenze dei misteri. Storie, leggende, curiosità e segreti all’ombra del Cupolone (2006), Stradario magico – insolito di Firenze, scritto insieme a Roberto Pinotti (2008).

Curare la Mente

Curare la Mente

Autore/i: Veggeberg Scott K.

Editore: Arnoldo Mondadori Editore

introduzione di Richard Restak, traduzione di Licia Grazzi.

pp. 144, illustrazioni b/n, Milano

Che cosa sappiamo veramente del cervello? Il Prozac è una cura miracolosa o nasconde un incubo? È lecito alterare la personalità o ”curare” la malattia mentale con i farmaci, l’elettroshock e la neurochirurgia? Nella rigorosa analisi scientifica condotta nelle pagine del presente volume dal professor Scott Veggeberg le risposte a queste e a molte altre domande risultano chiare ed esaurienti. I temi trattati – dal funzionamento del sistema nervoso all’esplorazione delle principali malattie mentali, dall’azione dei farmaci psicotropi al potere autoterapeutico della mente umana – si intersecano e si completano nella considerazione dello stretto rapporto esistente tra disturbi organici e alterazioni psichiche, delineando così con precisione il complesso quadro di una delle patologie più misteriose che la medicina si trova ad affrontare.

Scott K. Veggeberg è un noto scienziato americano. Collabora con l’autorevole rivista «Scientific American» ed è autore di saggi di divulgazione scientifica.

Arcana Mundi – Antologia del Pensiero Astrologico Antico

Arcana Mundi – Antologia del Pensiero Astrologico Antico

2 Volumi

Autore/i: Bezza Giuseppe

Editore: Rizzoli

introduzione dell’autore.

vol. 1 pp. 670, vol. 2 pp. 671-1162, ill. in b/n, Milano

…I segni della terra, come quelli nel cielo, ci danno segnali il cielo e la terra, entrambi, producono omina distintamente, ma non separatamente, poiché cielo e terra sono l’un l’altro connessi: un segno funesto nel cielo è funesto sulla terra un segno funesto sulla terra è funesto nel cielo…

Volume primo
Questo libro non dice come si fa un oroscopo o come si interpreta. Entra, al contrario, nel pensiero astrologico del passato e lo percorre dal suo interno: ne considera la struttura, ne coglie le immagini cui dà vita e le espone in una successione ordinata. I testi qui presentati sono, per la gran parte, inediti e fino ad ora non era possibile leggerli che nella lingua originale. Coprono un arco di quasi due millenni: dal leggendario egiziano Petrosiride al monaco benedettino Placido Titi, che insegnava matematica nello studio pavese alla fine del Seicento. All’interno di questo periodo l’arte astrologica presenta, in certo modo, un suo carattere unitario ed è possibile parlare di una forma classica del linguaggio. Una simile raccolta di fonti non era mai stata tentata prima. Questi testi ci offrono, in merito al come e al perché dell’influsso, teorie e assiomi della filosofia pitagorica e peripatetica. Non solo: tutti i giudizi desumibili dalle stelle, prima di essere eventi in atto, io sono in potenza, l’astrologo li conosce in quanto tali e parla di essi come di immagini. Se i cieli sono incorruttibili ed eterni, il nascere e il morire di ogni cosa mondana procede dai tempi e dai modi dell’emanazione luminosa dei cieli medesimi. Tempi e modi che generano infinite forme, piene di vita, operanti, causative, alle quali l’uomo ha riconosciuto moralità, coscienza e sensazioni umane. Ogni forma ha così assunto una natura terrena e ha ricevuto un nome: l’astrologo la riconosce e giudica secondo essa del passato, del presente e dell’avvenire. È un processo metaforico che legge la realtà e il divenire terreni secondo quelle immagini.

In copertina: Volvelle usata per determinare le date delle eclissi passate e per predire quelle future.

Volume secondo
…Coloro che cercano di comporre predizioni per sommi capi, come gli Arabi, Firmico, Pontano e altri più recenti, fanno come quel tale che, volendo costruire una casa, dispone per ordine tutte le travi in un luogo, in un altro tutte le tavole, in un altro tutta la calce, in un altro tutta la sabbia, in un altro le pietre, in un altro le morse di ferro, in un altro le tegole. Crede di aver fatto una buona cosa, di avere osservato il giusto ordine e tuttavia non ha fatto nulla per costruire la casa. Non diversamente fanno coloro che dicono: Saturno nel tale luogo significa la tal cosa, Giove la tal altra. Ciò è affatto inutile e non giova alla predizione. Occorre invero di ogni cosa conoscere il principio di congiunzione e il tempo, il modo, l’ordine, il luogo. Occorre, in breve, saper unire tra loro i significati singoli. Ad esempio: Saturno in Ariete, all’ascendente, significa talvolta lo stato del corpo, talvolta la condotta dell’animo, talora il tempo di vita, tal altra gli averi, ma ancora può significare gli amici o la condizione della moglie o la dignità o i figli o la qualità della morte o i viaggi, ecc. E se qualcuno dicesse: io ho ordinato fra loro le tavole, i chiodi, le mazze, le pietre e il resto, ma la casa non è costruita; pertanto l’arte di costruire la casa è di nessun conto – non riderebbe forse di lui non solo il costruttore, ma la gente tutta? Allo stesso modo se tu dicessi: i libri degli astrologi mentono ovunque dicono: se Saturno o Giove sono nel tal segno, nella tal casa, nella tale figura, ecc. accadono all’uomo queste o quelle cose. In verità, a volte accadono, a volte no e pertanto l’arte di predire delle stelle è varia – tu saresti allora degno di scherno né più, né meno dell’altro. Ora, tu potresti dire: «Ma questa strada è gravosa assai». Ma di che ti meravigli, mio buon amico? Questo è il libro di Dio ottimo e massimo, questo è il cielo. Ed è come un libro scritto a caratteri minuti… (Gerolamo Cardano).

In copertina: Volvelle che mostra lo zodiaco e testa e coda del dragone (termini astrologici per indicare i nodi ascendenti e discendenti dell’orbita lunare).

Giuseppe Bezza si occupa da vari anni della cultura astronomica e astrologica greca, araba e bizantina. Ha pubblicato Astrologia: storia e metodi (1981), Commento al primo libro della Tetrabiblos di Tolemeo (1991). Ha curato le edizioni di Placido Titi, Tocco di paragone (1992), al-Bīrūnī, L’arte dell’astrologia (1993), Paolo d’Alessandria, Lineamenti introduttivi alla scienza della previsione astronomica (1994). Nel 1986 ha fondato la rivista Schema. Ricerca e documentazione dell’astrologia classica.

Simbologie, Salmi e Benessere – Le Filosofie Orientali come Linee Guida per il Successo

Simbologie, Salmi e Benessere – Le Filosofie Orientali come Linee Guida per il Successo

Autore/i: Eskandar Ashraf; Parancola Stefano

Editore: ABEditore

prima edizione, premessa di Michele Tribuzio, prefazione di Barbara Perini, introduzione di Ashraf Eskandar, postfazione di Alberto Ugo Caddeo, collana: Benessere & Successo.

pp. 344, ill. in b/n e a colori, Milano

…L’obiettivo della spiritualità non è distogliere la nostra attenzione dalla realtà terrena per orientarla esclusivamente al cielo, ma di mostrarcene i riflessi negli splendori del mondo che ci circonda…

Secondo la saggezza orientale il nostro corpo possiede un’importantissima capacità di autoguarigione attraverso differenti tecniche: la meditazione, la preghiera, la visualizzazione, il feng Shui o medicina dell’habitat, lo yoga e le ginnastiche mediche cinesi come il Qi Qong e il Tai Qi, il Reiki, i cinque Tibetani, insomma un’infinità di vie che ognuno sceglie in base anche al proprio “sentire” quella più affine. La visione importante è che tutto il pensiero orientale si basa sulla consapevolezza del sé. Per raggiungere il benessere è fondamentale imparare a conoscersi. La visione olistica appunto, porta a creare un equilibrio tra corpo, mente, spirito in relazione all’ambiente in cui viviamo. Nel libro si fa un percorso di consapevolezza, portando l’attenzione al concetto di benessere e armonia, attraverso la lettura dei Salmi, antiche poesie e canti, che da sempre hanno ispirato i popoli antichi per risvegliare il corpo e la mente dal torpore. Questo libro deve essere considerato come un compagno di strada, sempre pronto ad illuminarci nel nostro cammino di evoluzione e crescita.

Ashraf Eskandar – Nato al Cairo (Egitto), cristiano copto, da 20 anni terapeuta dei salmi, tiene sedute individuali di guarigione psicofisica con ottimi risultati, inoltre partecipa ad incontri, conferenze e organizza seminari per diffondere questa pratica per lo più ancora sconosciuta.

Stefano Parancola – Architetto, designer, docente di progettazione Ambientale dal 2001 al 2006, presso la Facoltà di Architettura di Ferrara e Direttore del Dipartimento di Architettura Feng Shui della Fondazione Matteo Ricci di Bologna. Dirige dal 2003 il primo corso internazionale di Formazione Specialistica in Architettura Feng Shui alla Facoltà di Architettura di Ferrara. Viene riconosciuto ufficialmente come Master Feng Shui dal M° Howard Choy.

Michele Tribuzio “Zio Mike” (Manager; Coach; Trainer; Editore, Studioso di Fisiognomica e di lettura comportamentale).

Alberto Ugo Caddeo (Medico chirurgo, specialista in anestesiologia e rianimazione, agopuntura, medicina tradizionale cinese e omeopatia).

Visualizza indice

Premessa
Prefazione
Postfazione
Introduzione

  • Perché Benessere & Successo
  • Come ottenere il benessere
  • Le filosofie orientali ci possono aiutare attraverso un percorso di vita, un cammino e l’intraprendere nuove strategie e metodi di vita
  • Il Feng Shui ci orienta nella casa e nella vita
  • Simbologie, sigilli e quadrati magici
  • I Salmi: meditazione e preghiera con l’energia degli Angeli
  • Anche tu puoi farlo: se lo vuoi lo puoi
  • L’importanza dei maestri: aforismi per la vita
  • Il sentiero illuminato: storie e preghiere

Adolescenza・Brevi Lezioni di Psicologia

Adolescenza・Brevi Lezioni di Psicologia

Titolo originale: Adolescence: A Very Short Introduction

Autore/i: Smith Peter K.

Editore: Oxford University Press

traduzione di Mauro Formaggio.

pp. 156, Milano

Cos’è l’adolescenza? Quando si verifica? Cosa avviene nella mente degli adolescenti? E quali difficoltà si trovano a festeggiare?

L’adolescenza può essere un periodo turbolento. Passando in rassegna sia le ricerche classiche sia quelle più recenti e adottando una prospettiva multidisciplinare che incorpora contributi da biologia, antropologia, psicologia dello sviluppo e sociologia, l’autore definisce cosa sia l’adolescenza e quando di verifichi, esplora il contesto culturale e storico di questa fase della vita, i cambiamenti che avvengono nel cervello dell’adolescente e le difficoltà – ricerca d’identità, mutamenti nelle relazioni, propensione al rischio e comportamenti antisociali – che l’adolescenza comporta.

Peter K. Smith è professore emerito di psicologia alla Unit for School and Family Studies dell’Università di Londra, dove si dedica in particolare al tema del bullismo. Attualmente è Principal Investigator del progetto Blurred Lives, dedicato acyberbullismo, giovani e svantaggio socioeconomico.

Visualizza indice

L’adolescenza come fase della vita

  • Il corpo e il cervello nella pubertà
  • Pensiero operatorio formale, sviluppo morale e identità
  • Cambiamenti nelle relazioni con i genitori e con i coetanei
  • Cultura giovanile: lo svago e il mondo virtuale
  • Comportamenti rischiosi, antisociali e delinquenziali
  • Disturbi internalizzanti e salute mentale nell’adolescente
  • Sviluppo sessuale e sentimentale, genitori precoci ed eta adulta emergente

Bibliografia e consigli di lettura
Indice analitico

Modellismo Navale – Manuale Pratico

Modellismo Navale – Manuale Pratico

Autore/i: Pagani Marco

Editore: Giovanni De Vecchi Editore

prefazione dell’autore.

pp. 134, nn. ill. in b/n n.t., Milano

Sommario:

Prefazione

Nozioni generali

  • Un pò di storia
  • Il modellismo moderno: sua suddivisione
  • Il modellismo generico non agonistico
  • Il modellismo agonistico
  • Come orientarsi nella scelta: qualche consiglio

La costruzione

  • Gli strumenti di lavoro
  • Il materiale
  • Il legno
  • Il metallo
  • Il disegno
  • Lo scafo
  • Costruzione in legno pieno
  • Costruzione a sezioni sovrapposte
  • Costruzione a fasciame
  • Costruzione in metallo
  • Rifinitura e verniciatura dello scafo
  • Modelli statici
  • Modelli naviganti
  • I motori
  • Motori a scoppio
  • Motori elettrici
  • Accessori per motori
  • Sovrastrutture e attrezzatura
  • La coperta
  • Le alberature
  • Il sartiame
  • Le vele
  • La zavorra
  • Bozzelli, bigotte, cannoni, ecc.
  • Il timone e banderuola
  • Le scatole di montaggio
  • Scatole di montaggio con pezzi in plastica
  • Scatole di premontaggio
  • Scatole di montaggio con pezzi finiti
  • Il radiocomando

Appendice

  • Alcuni piani di costruzione in commercio
  • Regolamento di stazza della classe internazionale velica F.
  • Lunghezza
  • Larghezza
  • Altezza
  • Forma dello scafo
  • Pinna di deriva
  • Superficie velica
  • Misurazione della superficie della randa
  • Misurazione della superficie del fiocco
  • Albero e aste
  • Spinnaker
  • Materiali
  • Certificato di stazza
  • Numero di registrazione
  • Guidone del proprietario
  • Dubbi di interpretazione
  • Regolamento di stazza della classe internazionale velica M.
  • Regola per la lunghezza fuori tutto e per la superficie velica
  • Unità di misura
  • Tipi di attrezzatura
  • Attrezzature in alternativa
  • Altezza dello straglio del fiocco
  • Alberi e aste
  • Misurazione della superficie velica
  • Allunamenti delle vele
  • Limiti delle stecche
  • Tavoletta
  • Spinnaker e tangone dello spinnaker
  • Vele inferite irregolarmente
  • Zavorra interna
  • Attrezzatura del timone
  • Attrezzatura per timone a banderuola
  • Radio controllo
  • Validità dei certificati
  • Calcolo della superficie velica
  • Misurazione della randa triangolare
  • Misurazione di fiocco o di vela di prua
  • Superficie data dalla curva d’inferitura della vela
  • Vele limitate da orli curvi
  • Regolamento di gara per modelli a motore radiocomandati (classe F)
  • Caratteristiche costruttive
  • Condizioni generali
  • Registrazione e ammissione dei modelli
  • Regole generali di gara
  • Regolamento di gara
  • Regolamento per la classe F1
  • Regolamento per la classe F2
  • Regolamento per la classe F3
  • Regolamento per la classe F4
  • Regolamento per la classe F5
  • Regolamento per la classe F6
  • Regolamento per la classe F6
  • Regolamento per la classe F7
  • Classifiche per le classi F6 e F7

Autoanalisi

Autoanalisi

Una via per scoprire se stessi e affrontare positivamente la vita

Autore/i: Cavaliere Raffaele

Editore: Edizioni San Paolo

pp. 200, Cinisello Balsamo (Milano)

Molte persone sperimentano la vita come un peso, sentendosi vittime delle circostanze; altre invece plasmano la propria esistenza secondo i loro desideri e i loro progetti.
La piena realizzazione di se stessi è possibile quando si conoscono bene tutti i processi che determinano il proprio comportamento. L’autoanalisi quotidiana diventa allora uno strumento indispensabile per passare da uno stato di non conoscenza (autoesplorazione) alla consapevolezza di sé (autocomprensione). Dopo aver sviluppato la capacità di scelta, si impara a orientare le proprie azioni verso mete autodeterminate (autorealizzazione), attuando così il proprio progetto di vita.
Il volume è uno strumento utile per tutti coloro che avvertono la necessità di crescere, di progredire, di muoversi verso una vita più gratificante, e anche una guida per i giovani, che molto spesso fanno fatica a mettere a fuoco la propria personalità e le proprie mete.

Raffaele Cavaliere, psicologo-psicoterapeuta, dal 1985 esercita la libera professione a Ladispoli. La sua attività professionale si articola su tre livelli: il lavoro clinico, l’insegnamento e la formazione di adulti, la collaborazione con organizzazioni di vario genere. La sua fama internazionale l’ha conquistata tenendo convegni conferenze e seminari in Italia e all’estero, pubblicando numerosi articoli scientifici, sociali e politici, nonché di cultura generale. Attualmente collabora con diverse testate locali e con le riviste Il Giornale dei Misteri e Lux Terrae.

L’Entità

L’Entità

La clamorosa scoperta del servizio segreto vaticano: intrighi, omicidi, complotti degli ultimi cinquecento anni

Autore/i: Frattini Eric

Editore: Fazi Editore

nota dell’editore, nota e introduzione dell’autore, traduzione dallo spagnolo di Simona Noce.

pp. 534, nn. tavv. b/n f.t., Roma

Il papato, una delle istituzioni più antiche del mondo, ha da sempre un doppio ruolo: autorità spirituale e religiosa e attore fondamentale della scena politica internazionale. E proprio per rafforzare il suo potere, nel 1566 venne fondato il servizio di intelligence pontificio: da allora fino ai giorni nostri, l’Entità e il suo controspionaggio, il Sodalitium Pianum, hanno secondo l’autore – assassinato re, capi di Stato ed esponenti dell’alta economia come Enrico IV di Francia o Roberto Calvi; preso parte a rivoluzioni, finanziato dittatori e appoggiato golpe; creato società segrete al cui interno sono stati pianificati ed eseguiti omicidi politici e traffici d’armi internazionali; organizzato la fuga di criminali di guerra nazisti e provocato crack finanziari. Tutto in nome di Dio e della fede cattolica e dietro mandato del sommo pontefice, secondo il motto “per la croce e con la spada”. Questo libro racconta cinque secoli di operazioni segrete dell’Entità, da Pio V a Benedetto XVI, soffermandosi in particolare sulle pagine ancora oscure della storia vaticana degli ultimi decenni (l’improvvisa e misteriosa morte di papa Luciani, l’attentato a Wojtyla, la gestione di Marcinkus dello IOR e il suo coinvolgimento nel fallimento del Banco Ambrosiano).
Un saggio sconvolgente e molto documentato, che svela episodi inediti e getta una nuova luce sulle vicende dello Stato della Chiesa, ma anche dell’Italia e delle maggiori potenze politiche mondiali.

Eric Frattini Nato a Lima nel ’63, è stato inviato di guerra a Beirut, Nicosia e Gerusalemme. Attualmente insegna giornalismo all’Università «di Madrid e interviene periodicamente come esperto di politica estera alla TV spagnola. E autore di diversi saggi, già tradotti in Francia, Portogallo, Russia, Polonia, Bulgaria, Romania, Brasile, Colombia, Messico. L’Entità è il suo primo libro pubblicato in Italia.