Libreria Editrice OssidianeLibreria Editrice Ossidiane

Libri dalla categoria Psichiatria

Popoli Primitivi e Manifestazioni Paranormali

Popoli Primitivi e Manifestazioni Paranormali

I primitivi e il telegrafo senza fili – Comunicazione da un tamburo parlante – La magia nera – Le pratiche degli incantesimi – Il culto dei feticci – L’uomo-iena – I medici-stregoni – I bastoncini danzanti – Il mistero dei fuochi fatui – L‘apparizione di un fantasma vivente

Autore/i: Bozzano Ernesto

Editore: Armenia Editore

prefazione di Gastone De Boni, introduzione dell’autore.

pp. 268, Milano

Le Scoperte degli ultimi cinquant’anni hanno dimostrato in modo definitivo come già nell’epoca del mammouth l’uomo praticasse riti funebri, possedesse feticci e idoli, credesse cioè alla sopravvivenza dello spirito alla morte del corpo. L’autore di questo libro mette in evidenza, inoltre, come le manifestazioni paranormali tra i popoli primitivi siano le stesse (apporti, asporti, levitazioni, materializzazioni, chiaroveggenza, comunicazioni medianiche coi defunti ecc. ecc.) che si riscontrano tra i popoli civili e addirittura come certe facoltà, quali quelle relative alla trasmissione del pensiero, siano maggiormente sviluppate per il fatto che i popoli primitivi hanno empiricamente coltivato per secoli tali facoltà. A sostegno e a convalida di queste considerazioni, Ernesto Bozzano riporta una imponente serie di fatti strani, meravigliosi e affascinanti che avvincono il lettore fin dalle prime pagine, trasportandolo in un mondo magico e misterioso.

Ernesto Bozzano nacque a Genova il 9 gennaio 1862 e morì in quella città il 24 giugno 1943. Visse sempre solo e si dedicò con grande passione allo studio della parapsicologia di cui indagò ogni ramo, senza limitazioni di sorta, pubblicando una cinquantina di monografie sui più vari temi ed argomenti. Fu collaboratore di tutte le più importanti riviste estere e di LUCE e OMBRA in particolare, pubblicando in essa 3700 pagine. Nel corso di 25 anni riuscì ad assimilare una quantità enorme di materiale utile, divenendo uno dei più grandi eruditi nel campo della parapsicologia e il maggiore studioso italiano di spiritismo.

 

Visualizza indice

Prefazione
Introduzione

I – Colpi e tonfi – Movimenti di oggetti a distanza (telecinesi) – Levitazioni umane
II – Lettura del pensiero, telepatia propriamente detta, e chiaroveggenza telepatica
III – Chiaroveggenza nel presente, nel passato e nel futuro
IV – Fenomeni d’infestazione
V – Apporti ed aspetti
VI – Fascinazione ipnotica
VII – Magia nera e sortilegi
VIII – Licantropia
IX – La «Prova del fuoco»
X – Stregoni-medici e loro sistemi di cura
XI – Corpo astrale, sdoppiamento, bilocazione
XII – Sedute medianiche con “telecinesi, voci dirette, xenoglassia, materializzazioni spiritiche

Conclusioni
Appendice
Notevoli intuizioni filosofiche e scientifiche tra i selvaggi africani

La Maschera del Tempo

La Maschera del Tempo

Che cos’è il tempo? – Perchè il passato si mescola talora con il presente? – Una legge temporale sconosciuta regola i fenomeni parapsicologici? – Siamo già vissuti? – Possiamo conoscere il futuro?

Autore/i: Forman Joan

Editore: Siad Edizioni

introduzione dell’autore, traduzione di Ugo Dèttore.

pp. 280, Milano

L’idea prevalente del tempo è di una progressione; eppure di quando in quando avvengono interruzioni inesplicabili di questo corso lineare, ad esempio in esperienze di precognizione o di percezione o, ancora, di reincarnazione. Quando avvengono queste «anomalie» l’intera natura del tempo cronologico sembra sfidata. È un tempo «vero» quello che viene mostrato dall’orologio? Oppure è una differente faccia dell’intero tempo, una faccia che racchiude il tempo dei sogni, delle scelte e delle possibilità e l’area curiosa dove passato, presente e futuro appaiono mescolati e possono intercambiare le loro realtà? È la storia solo una registrazione progressiva del tempo «fatto» dall’uomo, e dei suoi eventi? È il sovrannaturale — infestazioni, esperienze extracorporee, telepatia, chiaroveggenza, psicocinesi — composto da fenomeni soggettivi o si tratta di suggestione?

Questo è un libro che esamina brillantemente un soggetto di fascino perpetuo e vede le varie manifestazioni paranormali non come fenomeni sovrannaturali ma come eventi naturali soggetti a interpretazioni razionali.

 

Arte e Tantra Yoga

Arte e Tantra Yoga

Le immagini sacre dell’India

Autore/i: Zimmer Heinrich

Editore: Red Edizioni

traduzione di Verena Hefti.

pp. 320, nn. ill. a colori e b/n f.t., Como

Heinrich Zimmer (1890-1943), il maggiore studioso europeo dell’India, autore di testi fondamentali sulla mitologia e il pensiero religioso, è stato il primo, con questo suo libro, a individuare e spiegare la radicale diversità tra l’universo creativo dell’uomo occidentale e quello dell’uomo orientale: affasciato dal mistero del bello il primo, dal mistero dello spirito il secondo.
Con rara sensibilità stilistica e interpretativa Zimmer riesce a portarci nel cuore dell’artista indiano che, proprio per essere tale, è anzitutto un devoto, un pio, un iniziato allo yoga, Non lo yoga inteso come ginnastica del corpo ma, secondo l’etimologia stessa della parola (yuj, congiungo), come autodisciplina per unirsi col divino, Ne consegue che statue, monumenti, yantra e mandala sono strumenti per contemplare l’Uno, sono supporti visivi che hanno un solo scopo: portare l’uomo a riassorbirsi consapevolmente nel suo principio originario.
Persino le ardite rappresentazioni sessuali, tipiche del Tantra, secondo il rivoluzionario approccio indicato per la prima volta all’Occidente da Zimmer, altro non sono che simboli spirituali che parlano dell’unica meta: il ritorno della goccia all’oceano perché sia contemporaneamente oceano e goccia, in un inesprimibile unità duale.

Di Heinrich Zimmer red ha già pubblicata Racconti dall’India nella collana ’Spazio interiore’, mentre ha in preparazione la biografia di Ramana Maharshi e la raccolta dei suoi interventi alle Conferenze Eranos di Ascona. Presso Adelphi sono usciti Il re e il cadavere e Miti e simboli dell’India.

 

Visualizza indice

L’immagine sacra indiana e l’arte classica

YOGA E FORME FIGURATIVE CULTUALI

  • La meditazione con l’immagine sacra figurativa (pratimā)
  • Vista esterna e visione interiore

YOGA E IMMAGINE CULTUALE LINEARE
(YANTRA E MANDALA)

  • Osservazioni generali
  • Yantra lineari configure (mandala tibetani)
  • Borobudur: un mandala architettonico
  • Lo yantra puramente lineare
  • Linguaggio dei simboli e proporzioni nel canone
  • dell’arte indiana
  • Luogo dell’immagine cultuale nel mondo
  • del devoto
  • Conclusione

Nota dell’autore alle illustrazioni
Illustrazioni
Fonti delle illustrazioni
Nota biografica
Indice analitico

Gli Egiziani del Nuovo Regno

Gli Egiziani del Nuovo Regno

Autore/i: Montet Pierre

Editore: Il Saggiatore

introduzione dell’autore, traduzione di Maria Castellani D’Este.

pp. 452, 44 fotografie e 2 carte geografiche b/n, Milano

Nella solitudine della Valle dei Re sopravvivono le memorie di un impero che vide i suoi confini estendersi dall’Etiopia alla Palestina; immerse in un sole accecante s’alzano le colonne dei templi funerari dei grandi faraoni del passato; nelle gole delle rupi s’aprono gli ipogei dove i ladri, per trenta secoli, sfidando le maledizioni, rubarono gioielli e ori alle mummie. Sulle due rive del Nilo, a Luxor, a Karnak, a Medinet Habu, a Deir el-Bahari, generazioni di archeologi hanno scavato e scoperto, sostituiti, a campagne terminate, da eserciti di chiromanti e indovini, di trafugatori e «maghi» che pretendevano di trovare l’introvabile. Faraoni senza storia divennero famosi, come Tutankhamon; faraoni celebrati vennero rintracciati per caso, come Seti I, il cui tesoro a tutt’oggi risulta introvabile. Ma sempre, da tutte queste ricerche, quelle ufficiali e quelle di frodo, è uscito un elemento utile alla ricomposizione di quell’ampio mosaico di notizie e di documenti che solo può darci un quadro il più possibile completo della vita quotidiana al tempo del Nuovo Regno. Dopo l’affronto della conquista straniera, dopo il governo degli Hyksos, re-pastori non meglio identificati, e prima del nuovo affronto della conquista del potere da parte dei Libici e dei re-sacerdoti, l’Egitto visse un’epoca d’oro, in cui grandi furono le arti, magnifiche l’architettura e la letteratura, splendidi i sovrani. Il popolo conobbe prosperità, più che in qualsiasi altro periodo della sua lunghissima storia travagliata: la vera vita del cittadino esce dalle pagine di questo libro, scritto con mano abile da un grande archeologo come il Montet che ha contribuito in maniera decisiva allo studio dell’Egitto antico, anche con un’impresa che a nessun altro era riuscita: la scoperta della tomba del faraone Psusennes, di cui si ignorava praticamente tutto, e che inizia la XXI, dinastia, proprio alla fine del Nuovo Regno, dopo la grande dinastia dei Ramessidi.

Pierre Montet, egittologo assai noto, Montet nacque a Ville franche nel 1885; fu professore nell’Università di Strasburgo dal 1919 al 1948, poi al Collège de France. Condusse numerose campagne di scavo in Fenicia e in Egitto” contribuendo in maniera decisiva al progresso dell’egittologia. Fra le sue più importanti scoperte sono da annoverarsi quella della tomba del faraone Psusennes a Tanis e quella delle tombe dei re di Biblo che comprendevano anche numerose iscrizioni. Egli è praticamente l’unico archeologo che abbia ritrovato una sepoltura regale inviolata e l’abbia completamente descritta nelle sue pubblicazioni. Con le sue ricerche ha notevolmente contribuito, perciò, ad arricchire il Museo del Cairo con oreficerie, maschere d’oro, vasellame sacro, sarcofaghi di valore inestimabile. Grande la sua attività di divulgatore, che si aggiunge a quella di insigne assertore del metodo scientifico in archeologia.

 

Visualizza indice

INTRODUZIONE
I L’ABITAZIONE
II IL TEMPO
III LA FAMIGLIA
IV LE OCCUPAZIONI DOMESTICHE
v LA VITA DEI CAMPI
VI ARTI E MESTIERI
VII I VIAGGI
VIII IL FARAONE
IX L’ESERCITO E LA GUERRA
X GLI SCRIBI E I GIUDICI
XI LA VITA NEI TEMPLI
XII I FUNERALI
LE TAVOLE
NOTE ALLE TAVOLE
INDICE ANALITICO

La Rete della Vita

La Rete della Vita

Perché l’altruismo è alla base dell’evoluzione

Autore/i: Capra Fritjof

Editore: Rizzoli

prefazione dell’autore, traduzione di Carlo Capararo.

pp. 368, nn. ill. b/n, Milano

Che cos’è la vita? Partendo da questo interrogativo fondamentale il grande fisico Fritjof Capra delinea in questo libro una prospettiva rivoluzionaria sugli ecosistemi naturali e sugli esseri viventi, portando alla luce l’incredibile rapporto di interdipendenza tra il singolo individuo e il sistema di relazioni in cui è immerso. La somma di queste relazioni, che legano gli universi della psiche, della biologia e della cultura, è una rete: la rete della vita. Per vincere le sfide che l’impegnano, e che discendono dallo sfruttamento selvaggio delle risorse e dalla nevrosi ormai strutturale del nostro vivere, l’umanità dovrà studiare e comprendere i meccanismi della trama di relazioni che la circonda, e rendersi infine conto che “la nostra sopravvivenza dipenderà dal nostro grado di competenza ecologica, dalla nostra capacità di comprendere i principi dell’ecologia e di vivere in conformità con essi”.

Il Santo Graal

Il Santo Graal

Una catena di misteri lunga duemila anni

Autore/i: Baigent Michael; Leigh Richard; Lincoln Henry

Editore: Mondadori

introduzione di Henry Lincoln, traduzione di Roberta Rambelli.

pp. 492, Milano

Sconcertante, misterioso, imprevedibile, Il Santo Graal prende avvio da alcuni indizi ritrovati a Carcassone, nella Francia meridionale, che fannebbero emergere una serie di interrogativi quanto mai sconvolgenti: Gesù morì davvero sulla croce? Sposò Maria Maddalena, avendo da lei alcuni figli per rifugiarsi poi con la famiglia in Francia dove i suoi discendenti regnarono con il nome di Merovingi, creando successivamente il Sacro Romano Impero?
Da qui derivò infine il progetto di un’Europa unita, alimentato da sette religioso-esoteriche come i Templari e da società segrete come il “Priorato di Sion”, al quale sono stati collegati alcuni fra i nomi più prestigiosi dell’arte, della scienza e del cattolicesimo…
Michael Baigent autore di fama internazionale, ha all’attivo numerose pubblicazioni di successo. Tra esse ricordiamo: L’eredità messianica-, Il Santo Graal; L’inquisizione. Persecuzioni, ideologia e potere; L’elisir e la pietra. La grande storia della magia; Il mistero del Mar Morto.
Richard Leig autore di fama internazionale, ha all’attivo numerose pubblicazioni di successo. Tra esse ricordiamo: L’eredità messianica-, Il Santo Graal; L’inquisizione. Persecuzioni, ideologia e potere; L’elisir e la pietra. La grande storia della magia; Il mistero del Mar Morto.