Libreria Editrice OssidianeLibreria Editrice Ossidiane

Vertigini in Carne Viva

Vertigini in Carne Viva

Sciamanesimo, estasi e follia in Himalaya

Autore/i: Nicoletti Martino

Editore: L’Ancora del Mediterraneo

fotografie dell’autore.

pp. 184, num. ill. b/n e colore, Napoli

Un viaggio ai confini estremi del mondo, sulle tracce dello sciamanesimo dei kulunge rai del Nepal: religione nomade e paradossale, che abita uno spazio doppio, in cui la piatta trama della realtà è intessuta di scorci visionari. Arricchito da immagini inedite, un resoconto straordinario e “dal vivo” dei principali luoghi dell’esperienza sciamanica: la “chiamata” a opera degli spiriti della foresta; i sogni, le visioni e le malattie iniziatiche; il “viaggio magico” attraverso le differenti regioni dei cosmo. E poi il significato della corporeità all’interno dell’universo coreutico-musicale del rito: corpo come tempio e simulacro per un’epifania divina; corpo vocale e sonoro capace di mettere in moto la grande macchina sciamanica.

Le Opere dei Padri del Taoismo

Le Opere dei Padri del Taoismo

Lao-tzu, Lieh-tzu, Chuang-tzu – 3 Volumi

Autore/i: Lao Tzu; Lieh Tzu; Chuang Tzu

Editore: Mondadori

con cofanetto, traduzione dal cinese al francese di Léon Wieger, cura e traduzione dal francese all’italiano di Pietro Nutrizio.

1 volume pp. 156, 2 volume pp. 138, 3 volume pp. 320, Milano

Tre tesori di sapienza, tre capolavori della letteratura e della filosofia cinese, per meditare, oggi come nella Cina di duemilacinquecento anni fa, sui grandi temi dell’esistenza.

  •     volume 1 – Tao Te Ching di Lao-tzu
  •     volume 2 – C’Iung-Hü-Cienn Ching di Lieh-tzu
  •     volume 3 – Nan-Hoà-Cienn Ching di Chuang-tzu

Conoscere gli altri è saggezza;
ma conoscere se stessi è saggezza superiore.
Imporre la propria volontà agli altri, è forza;
ma imporla a se stessi, è forza superiore.
Esser sufficienti per se stessi è la vera ricchezza;
governare se stessi è il vero carattere.
(Lao-tzu)

Ciunn domandò a Cieng:
«Può il Principio (Tao) essere posseduto?»
«Ma se non possiedi nemmeno il tuo corpo» rispose Cieng “come vuoi fare a possedere il Principio?»
«Se non possiedo il mio corpo» sbottò Ciunn sorpreso “allora di chi è?»
«Del cielo, della terra, di cui è una particella» rispose Cieng. «La tua vita è una porzione infinitesimale dell’armonia cosmica. La tua natura e il tuo destino sono una porzione infinitesimale dell’accordo universale. I tuoi figli e i tuoi nipoti non sono tuoi, ma del gran Tutto, di cui sono germogli. Tu cammini senza sapere quel che ti spinge, ti fermi senza sapere quel che ti fa arrestare, mangi senza sapere come fai ad assimilare. Tutto quello che sei è un effetto dell’irresistibile manifestarsi cosmico. Allora, che possiedi?»
(Lieh-tzu)

Avere nella testa idee incrostate e un’elevata opinione dei propri particolari costumi; rompere con il mondo e fare partito a sé; parlare difficile e criticare gli altri ( … ); ecco come fanno quelli che vivono da eremiti sulle montagne e nelle valli ( … ).
Dissertare sulla bontà e l’equità, la lealtà e la fedeltà; praticare il rispetto degli altri, la semplicità, la modestia ( … ), reprimersi in tutti i modi; ecco come fanno quelli che hanno la pretesa di portare la pace nel mondo. Esaltare i propri meriti, agitarsi per farsi un nome ( … ), voler dar regole a tutto, ecco come fanno ( … ) i politici alla ricerca di un padrone da servire ( … ).
Ritirarsi sulla riva dei corsi d’acqua o nei siti solitari, pescare alla lenza o non far nulla, ecco il modo di essere degli amanti della natura e della vita tranquilla.
E adesso parliamo degli uomini seri.
(Chuang-tzu)

 

L’Oro degli Etruschi

L’Oro degli Etruschi

Autore/i: Autori vari

Editore: Istituto Geografico De Agostini

a cura di Mauro Cristofani e Marina Martelli, appendice tecnica di Edilberto Formigli.

pp. 344, nn. ill. a colori, Novara

L’interesse per le oreficerie antiche si è concretato, negli Anni Cinquanta, in alcune opere di sintesi pubblicate quasi contemporaneamente: quella di Giovanni Becatti (1955), quella di Etienne Coche de la Ferté (1956) e quella di Reynold Higgins (1961). Base comune di questi manuali erano i cataloghi di grandi musei usciti precedentemente, ai quali si è aggiunto da poco quello relativo all’Antikenabteilung di Berlino pubblicato da Adolf Greifenhagen (1970, 1975). In queste opere l’oreficeria etrusca costituisce un capitolo obbligato: il disegno unitario o l’approccio catalogico hanno però finora impedito una trattazione autonoma del ricco materiale, che affrontasse i problemi tenendo presenti le associazioni archeologiche o il significato che l’esibizione dell’oro ha assunto nel mondo etrusco, anche nei confronti della storia economica.
Il libro intende colmare questa lacuna. La parte iniziale è dedicata ai problemi del ’lusso’ (di quella raffinatezza e di quell’opulenza per la quale gli Etruschi erano rinomati presso gli scrittori greci) e ai problemi di stile e di attribuzione delle oreficerie conservate nei maggiori musei del mondo. Segue quindi il catalogo, diviso per epoche: poiché gran parte del materiale è privo dei contesti di rinvenimento, si è ritenuto opportuno far precedere alle diverse categorie di oggetti, ordinate per uso e per tipo, una sezione dedicata ai complessi di oreficerie di cui si conosce con certezza l’associazione.
L’opera rappresenta in questo modo il primo vero libro sull’oreficeria degli Etruschi e raccoglie circa 300 esemplari, fra gioielli e vasi preziosi, conservati nei più importanti musei d’Italia e del mondo, tutti riprodotti a colori. Dal Museo di Villa Giulia a Roma e ai Musei Archeologici di Firenze e Napoli, dal Vaticano al Louvre, dal British Museum di Londra al Metropolitan Museum di New York, dalle Antikensammlungen di Berlino e di Monaco di Baviera fino alle raccolte minori di musei italiani come Perugia, Volterra, Tarquinia, Lucca e cosi via.
Coordinata da Mauro Cristofani, direttore del Centro di studio per l’archeologia etrusco-italica del Consiglio Nazionale delle Ricerche, e da Marina Martelli, professore associato di etruscologia e archeologia italica nell’Università di Urbino, l’opera si avvale della collaborazione scientifica di Maria Antonietta Rizzo e Gabriele Cateni. Edilberto Formigli ha curato il glossario tecnologico.

Visualizza indice

Presentazione
Introduzione
L’ETA DEL FERRO
L’ORIENTALIZZANTE
L’ARCAISMO
L’ETA CLASSICA ED ELLENISTICA
L’ETA DEL FERRO
L’ORIENTALIZZANTE
I complessi tombali
La tomba Bernardini di Palestrina La tomba Barberini di Palestrina Cerveteri: la tomba Regolini-Galassi Le oreficerie di Marsiliana d’Albegna Vetulonia: la tomba del Littore Volterra: la tomba di Gesseri Bologna: la tomba Aureli Gli ornamenti personali Il vasellame prezioso
L’ARCAISMO
I complessi tombali
Veio: tomba a incinerazione Vulci: il complesso di oreficerie di Amburgo Vulci: il complesso di oreficerie del Metropolitan Museum Bientina (Lucca): tomba a incinerazione Gli ornamenti personali Rivestimenti di arredi
L’ETA CLASSICA ED ELLENISTICA
I complessi tombali
Le oreficerie dell’Etruria padana Tarquinia: tomba del British Museum Vulci: tomba del Museo Etrusco Gregoriano Todi: necropoli della Peschiera, tomba 1 Gli ornamenti personali Il vasellame prezioso
APPENDICE TECNICA
Bibliografia
Indice dei Musei
Indice delle provenienze

Storia dei Costumi Sessuali

Storia dei Costumi Sessuali

Autore/i: Lewinsohn Richard

Editore: Sugar Editore

traduzione di Ruth Cantoni Dessì.

pp. 518, nn. tavv. b/n, Milano

Il sesso, sebbene sia una delle parole più brevi in tutte le lingue, è forse stato oggetto di maggiori discussioni che non tutti gli altri aspetti del comportamento umano. Ma Richard Lewinsohn (già noto al pubblico italiano sotto lo pseudonimo di Morus) non si è avvicinato a questo affascinante argomento nelle maniere già divenute altrimenti abbastanza familiari. La sua ricerca non è statistica, e neppure psicoanalitica. E. storica. Egli traccia, con una approfondita documentazione e con l’obbiettività propria dello studioso, la storia della vita sessuale dell’umanità in relazione alle arti, agli ordinamenti sociali, alla legge, alla medicina, alla superstizione, e in generale al mutamento dei costumi nello scorrere dei secoli.
Fin dall’alba della storia, secondo quanto riporta Richard Lewinsohn, l’uomo ha praticato contemporaneamente l’ascetismo e le più estreme forme di curiosità sessuale; ha punito con la morte il tradimento della fedeltà matrimoniale ed è passato attraverso periodi, nei quali era considerato ridicolo, se non addirittura pazzesco, per una donna amare suo marito. A Babilonia, le donne erano offerte agli dei dei templi come prostitute, e in Egitto era largamente praticata nella famiglia regnante l’usanza incestuosa del matrimonio fra fratelli. La donna è stata di volta in volta divinità, oracolo e strumento del demonio. Ma la vita sessuale degli esseri umani non si limita ai suoi aspetti esteriori; e la parte più interessante di questo libro è quella che si riferisce alle sotterranee aberrazioni, alle attitudini più inconfessabili, che spesso tanto profondamente hanno inciso sullo sviluppo della civiltà.

Visualizza indice

I – IN PRINCIPIO ERA LA DONNA

  • Eva sorge dalla terra
  • Il culto della donna
  • Semi e frutti
  • Diritto matrilineare e patria potestà

II – L’UOMO È IL TUO SIGNORE E PADRONE

  • Morale di classe
  • L’incesto in Egitto
  • La legge di Hammurabi
  • La prostituzione nel tempio
  • Onanismo e circoncisione
  • La cremazione delle vedove e l’arte di amare

III – LA RELIGIONE DELLA BELLEZZA Le Amazzoni

  • Estetica e sesso
  • Politica demografica
  • Il fondamento del matrimonio: la dote
  • L’emancipazione delle donne ateniesi
  • Aristotele proclama l’inferiorità della donna
  • Leggenda e verità sulle etère
  • Pederastia
  • Amore platonico e amore saffico

IV – LA PSEUDO·FAMIGLIA

  • Il paese dei divorzi
  • Lucrezia e le Sabine
  • Figli senza madre
  • I misteri di Pompei
  • Ovidio predica il libero amore
  • La tragedia sessuale dell’imperatore Augusto
  • Le avventure di Messalina

V – LA CARNE PECCAMINOSA

  • Il nuovo dogma matrimoniale
  • Adulterio e mancanza di prole
  • La posizione della donna
  • Maria Maddalena
  • Gula et libido
  • L’epoca dell’ascetismo

VI – LA POLIGAMIA

  • Il cammello di Aisha
  • Come si dominano le mogli recalcitranti
  • I limiti della poligamia
  • Matrimonio temporaneo e bigamia
  • La professione di eunuco
  • La gerarchia dell’harem
  • L’astinenza sessuale
  • Le Mille e Una Notte ovvero l’arte di abbindolare il marito

VII – L’ARTE DELLA DISSIMULAZIONE

  • La lotta per il celibato
  • La castrazione di Abelardo
  • I rapporti col Diavolo
  • Il martello delle streghe
  • Morale cavalleresca: l’adulterio virtuoso
  • La rivolta sessuale dei trovatori
  • Corte d’amore e cintura di castità
  • La prostituzione accasermata
  • Case e bagni

VIII – LA SCOPERTA DEL CORPO

  • La donna nuda
  • I sonetti del divino Aretino
  • Natura e convenzione
  • La potenza virile
  • I figli illegittimi
  • Una nuova epidemia: la sifilide

IX – LA RIFORMA

  • Il diritto matrimoniale protestante
  • Il divorzio di Enrico VII
  • L’azione epuratrice del Concilio di Trento
  • Michelangelo e «Il Braghettone»
  • La figura di don Giovanni
  • Perversità della società di Corte

X – L’ETA DELLE SCOPERTE

  • La dottrina dell’uovo
  • La scoperta degli spermatozoi
  • Il segreto della fecondazione
  • Telegonia
  • Aritmetica politica

XI – L’EPOCA DELLA GALANTERIA

  • Nobiltà di letto
  • Travestiti e castrati
  • La donna conquista la scena
  • Un Maresciallo consiglia un matrimonio temporaneo
  • L’ordine dei sodomiti
  • Parrucche e crinoline
  • L’enigma di Casanova

XII – RITORNO ALLA NATURA

  • Le ragazze cadute
  • La morale sessuale di Rousseau
  • Brefotrofio e infanticidio
  • La Rivoluzione è antifemminista
  • Matrimonio civile e diritto al divorzio
  • La tariffa delle prostitute

XIII – LA VOLUTT A DEL POTERE

  • Notre-Dame-de-Thermidor
  • La malattia: Sexa
  • La cantaride
  • I romanzi del marchese de Sade
  • Strategia amorosa di Napoleone
  • La conquista di un’imperatrice

XIV – STATO DI POLIZIA E ROMANTICISMO

  • Spionaggio nel «boudoir»
  • Il più grande mercato d’amore dell’Europa
  • La gioia di soffrire
  • Il sex-appeal dello spirito
  • George Sand: la donna tra i due sessi
  • Presentazione individuale e collettiva dei fidanzati
  • Un ballo scandaloso: il walzer
  • Un precursore di Kinsey

XV – PRUDERIE E DEMI-MONDE

  • Il fabbro di Gretna Green
  • Shakespeare viene espurgato
  • Le donne non hanno gambe
  • Un erotomane sul trono imperiale
  • Diplomazia sessuale
  • Una tempesta iconoclasta sui boulevards
  • Due categorie di demi-monde
  • La scala d’onice della Païva

XVI – IL CONTROLLO DELLE NASCITE

  • Malthus, la lepre e la tartaruga
  • Neo-malthusianesimo e eugenetica
  • Annie Besant suona la diana
  • Un rimedio contro la povertà
  • Matematica del concepimento
  • Uomini sotto chiave
  • Tecnica preventiva per le donne

XVII – EROS TRAVIATO

  • Le pallottole di Mayerling
  • La scoperta del masochismo
  • Pelliccia e frusta
  • Verlaine e Rimbaud
  • La tragedia di Oscar Wilde
  • Urningi imperiali
  • Il processo Eulenburg
  • Erotismo visivo

XVIII – LE VITTORIE DELLA SCIENZA

  • Le vittime delle malattie veneree
  • Albert Neisser scopre il gonococco
  • Il «606» di Ehrlich-Hata
  • La vita sessuale del bambino
  • Il complesso d’Edipo
  • Avversari e discepoli di Freud

XIX – L’EMACIPAZIONE DELLA DONNA

  • La donna turca senza velo
  • Il matrimonio nella Russia sovietica
  • Aborto sotto il controllo dello Stato
  • La battaglia per il parto obbligatorio
  • Il controllo delle nascite
  • Sterilizzazione volontaria e obbligatoria
  • Ringiovanimento e cambiamento di sesso

XX – LA FINE DI UNA ILLUSIONE

  • Erotismo di guerra
  • Le rivelazioni di Kinsey
  • La fabbrica dei divorzi nel Nevada
  • L’arte del «old-diggering»
  • Il principio sessuale del matrimonio
  • Fecondazione artificiale
  • L’eccedenza di donne
  • Istinto sessuale e riproduzione

Note bibliografiche
Indice

Popoli Primitivi e Manifestazioni Paranormali

Popoli Primitivi e Manifestazioni Paranormali

I primitivi e il telegrafo senza fili – Comunicazione da un tamburo parlante – La magia nera – Le pratiche degli incantesimi – Il culto dei feticci – L’uomo-iena – I medici-stregoni – I bastoncini danzanti – Il mistero dei fuochi fatui – L‘apparizione di un fantasma vivente

Autore/i: Bozzano Ernesto

Editore: Armenia Editore

prefazione di Gastone De Boni, introduzione dell’autore.

pp. 268, Milano

Le Scoperte degli ultimi cinquant’anni hanno dimostrato in modo definitivo come già nell’epoca del mammouth l’uomo praticasse riti funebri, possedesse feticci e idoli, credesse cioè alla sopravvivenza dello spirito alla morte del corpo. L’autore di questo libro mette in evidenza, inoltre, come le manifestazioni paranormali tra i popoli primitivi siano le stesse (apporti, asporti, levitazioni, materializzazioni, chiaroveggenza, comunicazioni medianiche coi defunti ecc. ecc.) che si riscontrano tra i popoli civili e addirittura come certe facoltà, quali quelle relative alla trasmissione del pensiero, siano maggiormente sviluppate per il fatto che i popoli primitivi hanno empiricamente coltivato per secoli tali facoltà. A sostegno e a convalida di queste considerazioni, Ernesto Bozzano riporta una imponente serie di fatti strani, meravigliosi e affascinanti che avvincono il lettore fin dalle prime pagine, trasportandolo in un mondo magico e misterioso.

Ernesto Bozzano nacque a Genova il 9 gennaio 1862 e morì in quella città il 24 giugno 1943. Visse sempre solo e si dedicò con grande passione allo studio della parapsicologia di cui indagò ogni ramo, senza limitazioni di sorta, pubblicando una cinquantina di monografie sui più vari temi ed argomenti. Fu collaboratore di tutte le più importanti riviste estere e di LUCE e OMBRA in particolare, pubblicando in essa 3700 pagine. Nel corso di 25 anni riuscì ad assimilare una quantità enorme di materiale utile, divenendo uno dei più grandi eruditi nel campo della parapsicologia e il maggiore studioso italiano di spiritismo.

 

Visualizza indice

Prefazione
Introduzione

I – Colpi e tonfi – Movimenti di oggetti a distanza (telecinesi) – Levitazioni umane
II – Lettura del pensiero, telepatia propriamente detta, e chiaroveggenza telepatica
III – Chiaroveggenza nel presente, nel passato e nel futuro
IV – Fenomeni d’infestazione
V – Apporti ed aspetti
VI – Fascinazione ipnotica
VII – Magia nera e sortilegi
VIII – Licantropia
IX – La «Prova del fuoco»
X – Stregoni-medici e loro sistemi di cura
XI – Corpo astrale, sdoppiamento, bilocazione
XII – Sedute medianiche con “telecinesi, voci dirette, xenoglassia, materializzazioni spiritiche

Conclusioni
Appendice
Notevoli intuizioni filosofiche e scientifiche tra i selvaggi africani

La Maschera del Tempo

La Maschera del Tempo

Che cos’è il tempo? – Perchè il passato si mescola talora con il presente? – Una legge temporale sconosciuta regola i fenomeni parapsicologici? – Siamo già vissuti? – Possiamo conoscere il futuro?

Autore/i: Forman Joan

Editore: Siad Edizioni

introduzione dell’autore, traduzione di Ugo Dèttore.

pp. 280, Milano

L’idea prevalente del tempo è di una progressione; eppure di quando in quando avvengono interruzioni inesplicabili di questo corso lineare, ad esempio in esperienze di precognizione o di percezione o, ancora, di reincarnazione. Quando avvengono queste «anomalie» l’intera natura del tempo cronologico sembra sfidata. È un tempo «vero» quello che viene mostrato dall’orologio? Oppure è una differente faccia dell’intero tempo, una faccia che racchiude il tempo dei sogni, delle scelte e delle possibilità e l’area curiosa dove passato, presente e futuro appaiono mescolati e possono intercambiare le loro realtà? È la storia solo una registrazione progressiva del tempo «fatto» dall’uomo, e dei suoi eventi? È il sovrannaturale — infestazioni, esperienze extracorporee, telepatia, chiaroveggenza, psicocinesi — composto da fenomeni soggettivi o si tratta di suggestione?

Questo è un libro che esamina brillantemente un soggetto di fascino perpetuo e vede le varie manifestazioni paranormali non come fenomeni sovrannaturali ma come eventi naturali soggetti a interpretazioni razionali.

 

Arte e Tantra Yoga

Arte e Tantra Yoga

Le immagini sacre dell’India

Autore/i: Zimmer Heinrich

Editore: Red Edizioni

traduzione di Verena Hefti.

pp. 320, nn. ill. a colori e b/n f.t., Como

Heinrich Zimmer (1890-1943), il maggiore studioso europeo dell’India, autore di testi fondamentali sulla mitologia e il pensiero religioso, è stato il primo, con questo suo libro, a individuare e spiegare la radicale diversità tra l’universo creativo dell’uomo occidentale e quello dell’uomo orientale: affasciato dal mistero del bello il primo, dal mistero dello spirito il secondo.
Con rara sensibilità stilistica e interpretativa Zimmer riesce a portarci nel cuore dell’artista indiano che, proprio per essere tale, è anzitutto un devoto, un pio, un iniziato allo yoga, Non lo yoga inteso come ginnastica del corpo ma, secondo l’etimologia stessa della parola (yuj, congiungo), come autodisciplina per unirsi col divino, Ne consegue che statue, monumenti, yantra e mandala sono strumenti per contemplare l’Uno, sono supporti visivi che hanno un solo scopo: portare l’uomo a riassorbirsi consapevolmente nel suo principio originario.
Persino le ardite rappresentazioni sessuali, tipiche del Tantra, secondo il rivoluzionario approccio indicato per la prima volta all’Occidente da Zimmer, altro non sono che simboli spirituali che parlano dell’unica meta: il ritorno della goccia all’oceano perché sia contemporaneamente oceano e goccia, in un inesprimibile unità duale.

Di Heinrich Zimmer red ha già pubblicata Racconti dall’India nella collana ’Spazio interiore’, mentre ha in preparazione la biografia di Ramana Maharshi e la raccolta dei suoi interventi alle Conferenze Eranos di Ascona. Presso Adelphi sono usciti Il re e il cadavere e Miti e simboli dell’India.

 

Visualizza indice

L’immagine sacra indiana e l’arte classica

YOGA E FORME FIGURATIVE CULTUALI

  • La meditazione con l’immagine sacra figurativa (pratimā)
  • Vista esterna e visione interiore

YOGA E IMMAGINE CULTUALE LINEARE
(YANTRA E MANDALA)

  • Osservazioni generali
  • Yantra lineari configure (mandala tibetani)
  • Borobudur: un mandala architettonico
  • Lo yantra puramente lineare
  • Linguaggio dei simboli e proporzioni nel canone
  • dell’arte indiana
  • Luogo dell’immagine cultuale nel mondo
  • del devoto
  • Conclusione

Nota dell’autore alle illustrazioni
Illustrazioni
Fonti delle illustrazioni
Nota biografica
Indice analitico

Gli Egiziani del Nuovo Regno

Gli Egiziani del Nuovo Regno

Autore/i: Montet Pierre

Editore: Il Saggiatore

introduzione dell’autore, traduzione di Maria Castellani D’Este.

pp. 452, 44 fotografie e 2 carte geografiche b/n, Milano

Nella solitudine della Valle dei Re sopravvivono le memorie di un impero che vide i suoi confini estendersi dall’Etiopia alla Palestina; immerse in un sole accecante s’alzano le colonne dei templi funerari dei grandi faraoni del passato; nelle gole delle rupi s’aprono gli ipogei dove i ladri, per trenta secoli, sfidando le maledizioni, rubarono gioielli e ori alle mummie. Sulle due rive del Nilo, a Luxor, a Karnak, a Medinet Habu, a Deir el-Bahari, generazioni di archeologi hanno scavato e scoperto, sostituiti, a campagne terminate, da eserciti di chiromanti e indovini, di trafugatori e «maghi» che pretendevano di trovare l’introvabile. Faraoni senza storia divennero famosi, come Tutankhamon; faraoni celebrati vennero rintracciati per caso, come Seti I, il cui tesoro a tutt’oggi risulta introvabile. Ma sempre, da tutte queste ricerche, quelle ufficiali e quelle di frodo, è uscito un elemento utile alla ricomposizione di quell’ampio mosaico di notizie e di documenti che solo può darci un quadro il più possibile completo della vita quotidiana al tempo del Nuovo Regno. Dopo l’affronto della conquista straniera, dopo il governo degli Hyksos, re-pastori non meglio identificati, e prima del nuovo affronto della conquista del potere da parte dei Libici e dei re-sacerdoti, l’Egitto visse un’epoca d’oro, in cui grandi furono le arti, magnifiche l’architettura e la letteratura, splendidi i sovrani. Il popolo conobbe prosperità, più che in qualsiasi altro periodo della sua lunghissima storia travagliata: la vera vita del cittadino esce dalle pagine di questo libro, scritto con mano abile da un grande archeologo come il Montet che ha contribuito in maniera decisiva allo studio dell’Egitto antico, anche con un’impresa che a nessun altro era riuscita: la scoperta della tomba del faraone Psusennes, di cui si ignorava praticamente tutto, e che inizia la XXI, dinastia, proprio alla fine del Nuovo Regno, dopo la grande dinastia dei Ramessidi.

Pierre Montet, egittologo assai noto, Montet nacque a Ville franche nel 1885; fu professore nell’Università di Strasburgo dal 1919 al 1948, poi al Collège de France. Condusse numerose campagne di scavo in Fenicia e in Egitto” contribuendo in maniera decisiva al progresso dell’egittologia. Fra le sue più importanti scoperte sono da annoverarsi quella della tomba del faraone Psusennes a Tanis e quella delle tombe dei re di Biblo che comprendevano anche numerose iscrizioni. Egli è praticamente l’unico archeologo che abbia ritrovato una sepoltura regale inviolata e l’abbia completamente descritta nelle sue pubblicazioni. Con le sue ricerche ha notevolmente contribuito, perciò, ad arricchire il Museo del Cairo con oreficerie, maschere d’oro, vasellame sacro, sarcofaghi di valore inestimabile. Grande la sua attività di divulgatore, che si aggiunge a quella di insigne assertore del metodo scientifico in archeologia.

 

Visualizza indice

INTRODUZIONE
I L’ABITAZIONE
II IL TEMPO
III LA FAMIGLIA
IV LE OCCUPAZIONI DOMESTICHE
v LA VITA DEI CAMPI
VI ARTI E MESTIERI
VII I VIAGGI
VIII IL FARAONE
IX L’ESERCITO E LA GUERRA
X GLI SCRIBI E I GIUDICI
XI LA VITA NEI TEMPLI
XII I FUNERALI
LE TAVOLE
NOTE ALLE TAVOLE
INDICE ANALITICO

La Rete della Vita

La Rete della Vita

Perché l’altruismo è alla base dell’evoluzione

Autore/i: Capra Fritjof

Editore: Rizzoli

prefazione dell’autore, traduzione di Carlo Capararo.

pp. 368, nn. ill. b/n, Milano

Che cos’è la vita? Partendo da questo interrogativo fondamentale il grande fisico Fritjof Capra delinea in questo libro una prospettiva rivoluzionaria sugli ecosistemi naturali e sugli esseri viventi, portando alla luce l’incredibile rapporto di interdipendenza tra il singolo individuo e il sistema di relazioni in cui è immerso. La somma di queste relazioni, che legano gli universi della psiche, della biologia e della cultura, è una rete: la rete della vita. Per vincere le sfide che l’impegnano, e che discendono dallo sfruttamento selvaggio delle risorse e dalla nevrosi ormai strutturale del nostro vivere, l’umanità dovrà studiare e comprendere i meccanismi della trama di relazioni che la circonda, e rendersi infine conto che “la nostra sopravvivenza dipenderà dal nostro grado di competenza ecologica, dalla nostra capacità di comprendere i principi dell’ecologia e di vivere in conformità con essi”.

Il Santo Graal

Il Santo Graal

Una catena di misteri lunga duemila anni

Autore/i: Baigent Michael; Leigh Richard; Lincoln Henry

Editore: Mondadori

introduzione di Henry Lincoln, traduzione di Roberta Rambelli.

pp. 492, Milano

Sconcertante, misterioso, imprevedibile, Il Santo Graal prende avvio da alcuni indizi ritrovati a Carcassone, nella Francia meridionale, che fannebbero emergere una serie di interrogativi quanto mai sconvolgenti: Gesù morì davvero sulla croce? Sposò Maria Maddalena, avendo da lei alcuni figli per rifugiarsi poi con la famiglia in Francia dove i suoi discendenti regnarono con il nome di Merovingi, creando successivamente il Sacro Romano Impero?
Da qui derivò infine il progetto di un’Europa unita, alimentato da sette religioso-esoteriche come i Templari e da società segrete come il “Priorato di Sion”, al quale sono stati collegati alcuni fra i nomi più prestigiosi dell’arte, della scienza e del cattolicesimo…
Michael Baigent autore di fama internazionale, ha all’attivo numerose pubblicazioni di successo. Tra esse ricordiamo: L’eredità messianica-, Il Santo Graal; L’inquisizione. Persecuzioni, ideologia e potere; L’elisir e la pietra. La grande storia della magia; Il mistero del Mar Morto.
Richard Leig autore di fama internazionale, ha all’attivo numerose pubblicazioni di successo. Tra esse ricordiamo: L’eredità messianica-, Il Santo Graal; L’inquisizione. Persecuzioni, ideologia e potere; L’elisir e la pietra. La grande storia della magia; Il mistero del Mar Morto.