Libreria Editrice OssidianeLibreria Editrice Ossidiane

Libri dalla categoria Bonsai

Vita Quotidiana degli Egizi

Vita Quotidiana degli Egizi

Autore/i: Cimmino Franco

Editore: Tattilo Editrice

prefazione dell’autore.

pp. 352, nn. tavv. b/n f.t., Roma

Uno straordinario insieme di scienza e magia, di splendore e burocrazia in una società razionale consacrata alla definizione dell’irrazionale.

Il Libro Completo dei Tarocchi

Il Libro Completo dei Tarocchi

Autore/i: Carassiti Maurizio; Meldi Diego

Editore: Fratelli Melita Editori

prologo e premessa degli autori.

pp. 680, riccamente illustrato b/n, Genova

Questo non è il solito libro sui Tarocchi, noi vogliamo che possiate comprenderne chiaramente il meccanismo. Ma non è per questo un libro semplice, anzi può diventare un libro scomodo se si eliminano gli aspetti folcloristici che hanno fatto la fortuna di parecchi cartomanti! Noi vogliamo che con il nostro libro, Voi impariate a leggere il Vostro destino. Abbiamo scelto un mazzo di carte semplici e chiare con un simbolismo essenziale per poter cogliere il valore profondo di questa esperienza interiore ed è per questo che abbiamo considerato secondario sia la storia dei Tarocchi, sia i rapporti con l’Astrologia, la Cabala e la Magia che sono stati volontariamente sintetizzati, proprio perché tutto ciò dovrà essere il coronamento all’arte della “Divinazione”.

Manuale dei Tarocchi

Manuale dei Tarocchi

Una guida indispensabile e pratica per chiunque intenda conoscere e imparare ad usare le carte che, per tradizione, vengono considerate le più idonee all’interpretazione del futuro

Autore/i: Peach Emily

Editore: Newton Compton Editori

traduzione di David Mezzacapa.

pp. 256, nn. ill. b/n, Roma

Avendo investito del denaro in questo libro, è naturale che vogliate trarne il massimo vantaggio. Il modo migliore per ottenere questo scopo è quello di usarlo così come è stato concepito, cioè seguendo gli stessi criteri che stanno all’origine della sua progettazione: procedere per tutto il libro capitolo per capitolo, seguendo fino in fondo la progressione numerica dei singoli capitoli senza mai saltarne alcuno, e senza mai fare digressioni o andare a ’ curiosare avanti per vedere cosa viene dopo.
Il libro è stato progettato in modo da insegnare a leggere correttamente i tarocchi nel più breve tempo umanamente possibile. Ciascun capitolo di esso consiste di un insieme organico di informazioni, cui fa seguito un test, o esercizio pratico, che metterà in grado di controllare fino a che punto quelle informazioni saranno state acquisite.
Il modo più semplice per imparare qualcosa consiste in quello stesso procedimento che abbiamo tutti seguito quando andavamo a scuola: guardare, ascoltare e prendere appunti. Ma studiare da soli non è mai una cosa facile, perciò se avete amici abbastanza interessati a voler apprendere insieme con voi, potrete fare di ciascuno di questi capitoli un’occasione per un incontro quasi sociale. Bisogna però assicurarsi che questi amici siano veramente intenzionati a imparare. Non si può costringere nessuno a gettarsi a capofitto nel mare delle scienze occulte senza provocare proteste.
In questo libro tutti i significati sono stati semplificati al massimo ma sono esposti nel modo più completo. Quando si siano appresi tutti così bene che non c’è più alcun bisogno di andarne a cercare uno nel libro per rinfrescarsi la memoria, quando cioè ciascuno di essi torna spontaneamente e senza sforzo alla mente solo col dare un’occhiata alla carta relativa, si potrà andare a cercare in altre pubblicazioni, per impararli, tutti i significati che si vuole.
Ma fino a quel giorno sarà bene non cominciare questo studio fuori programma, perché potrebbe derivarne soltanto confusione.

Il Futuro con i Tarocchi

Il Futuro con i Tarocchi

Le carte, i significati e i metodi per conoscere il futuro con i tarocchi

Autore/i: Simon Sylvie

Editore: Vallardi I. G.

premessa di Maurice Magre, traduzione di Giuliana Lomazzi.

pp. 96, nn. ill. b/n, Lainate (Milano)

Settantotto carte magiche, dalle origini misteriose, dal simbolo infinito, dalle virtù divinatorie, dal nome poetico di “Arcani”: il Bagatto, la Papessa, l’Eremita, l’Arcano senza Nome…

In questa guida pratica, l’autore non si perde in spiegazioni trascendenti, ma semplicemente descrive i vari metodi per leggere i tarocchi e per meglio interpretarli alla luce delle carte che li accompagnano.

Ogni Arcano le viene presentato con la sua storia, il suo significato e le simbologie collegate a quella carta.

Leggere i tarocchi è sicuramente prescienza del futuro, ma anche conoscenza del presente, esplorazione dell’inconscio, chiarimento di potenzialità insospettate, di congiunture che ancora devono nascere… per guidarci a scoprire il medium che è in noi.

 

Tensegrità

Tensegrità

I movimenti magici per entrare in possesso dell’antica magia degli sciamani messicani

Autore/i: Castaneda Carlos

Editore: Rizzoli

introduzione dell’autore, traduzione di Alessandra De Vizzi.

pp. 304, nn. ill. b/n, Milano

Con la parola «tensegrità», in cui si fondono i concetti di tensione e integrità, Carlos Castaneda, l’uomo che ha svelato al mondo l’antica sapienza degli sciamani messicani, definisce il complesso di quei «movimenti magici» per mezzo dei quali gli sciamani riescono a entrare immediatamente in contatto con la segreta energia dell’universo e a sfruttarla per il benessere dell’uomo. E proprio questo aspetto «pratico» il tratto essenziale del loro itinerario spirituale, quello che hanno voluto trasmettere ai loro rari discepoli. Con questo libro, per la prima volta, Castaneda mette a disposizione di tutti la magia millenaria della tensegrità: un complesso di tecniche sciamaniche organizzate in un insieme chiaro, coerente e accessibile, minuziosamente illustrato. Ognuno di noi avrà così l’opportunità di raggiungere quello stato di accresciuta consapevolezza che, solo, è capace di modificare la nostra percezione dell’universo e dell’uomo. Grazie a Tensegrità, non solo i lettori che da trent’anni seguono con passione l’itinerario di «esploratore spirituale» di Castaneda, ma tutti coloro che intendono aumentare il proprio benessere fisico e mentale praticando vie diverse rispetto alla tradizione occidentale, diverranno a loro volta esploratori, veggenti e sciamani.

Carlos Castaneda, scrittore di culto e maestro spirituale, è nato in America Latina e ha studiato etnologia negli Stati Uniti. Tra i suoi libri, continuamente ristampati da Rizzoli, ricordiamo Il secondo anello del potere (1978), Il dono dell’Aquila (1983), Il fuoco dal profondo (1985), L’arte di Sognare (1993).

Il Secondo Anello del Potere

Il Secondo Anello del Potere

Una nuova tappa dello straordinario viaggio iniziatico nel leggendario mondo del potere magico

Autore/i: Castaneda Carlos

Editore: Rizzoli

prefazione dell’autore, traduzione di Pier Francesco Paolini.

pp. 304, Milano

Dopo aver appreso le arti magiche che introducono nel labirinto del «mondo del potere e ella conoscenza» (così distante dal razionale modo di pensare dell’Occidente), Castaneda esperimenta le facoltà acquisite in uno straordinario viaggio nell’universo della stregoneria applicata. E la prova del fuoco che anche lui è uno stregone e un « guerriero », quindi è in grado di affrontare e vincere fenomeni extranormali e terrificanti. Figura centrale del libro è un formidabile personaggio: doña Soledad, magica e terribile antagonista di Castaneda e, nello stesso tempo, espressione di quanto vi è di più profondo e misterioso nel concetto di femminilità. Straordinario come tutti i libri di Castaneda, «il secondo anello del potere» offre qualcosa di più: la visione concreta di una dimensione oscura, al di la della ragione eppure reale, quella dell’esercizio pratico della magia nella vita quotidiana, dell’ascesa iniziatica verso la perfezione e la libertà che svincolano dai limiti culturali e di comportamento tipici di chi crede e vive solo nel nostro modello di civiltà.

Carlos Castaneda (Carlos César Arana Castaneda) è nato a Cajamarca (Perù) nel 1925. Dopo studi di pittura e scultura a . Lima, ha frequentato la University of California a Los Angeles, dedicandosi in particolare all’etnologia. Ha poi compiuto ripetuti soggiorni nel Messico centrale, entrando in contatto con «indios» depositari delle antiche tradizioni esoteriche. Tra i suoi libri ricordiamo: «A scuola dallo stregone» (1968), «Il fuoco dal profondo» (1985), «L’isola del tonal» (1975), «Il dono dell’aquila» (1983), «Il potere del silenzio» (1988).

La Biopatia del Cancro

La Biopatia del Cancro

(La scoperta dell’orgone)

Autore/i: Reich Wilhelm

Editore: SugarCo Edizioni

premessa di Chester M. Raphael, prefazione dell’autore, traduzione dal tedesco di Adriano Caiani.

pp. 468, nn. tavv. e figure f.t. b/n, Carnago (Varese)

 

La biopatia del cancro costituisce la seconda parte de “La scoperta dell’orgone”.

La prima parte è La funzione dell’orgasmo. In questa indagine scientifica Reich giunge alla conclusione che il «cancro è l’espressione somatica più significativa dell’effetto biofisiologico della stasi sessuale».
Se così fosse, esiste una possibilità molto più grande per la prevenzione del cancro che non per il suo trattamento.

Wilhelm Reich (1897-1957), nato in Austria, studiò medicina a Vienna dove in seguito diresse il Seminario di terapia analitica. Con l’avvento del nazismo fu costretto a fuggire dal proprio paese e si trasferì negli USA, fondando a New York l’Orgone Institute. Denunciato peri suoi esperimenti, venne rinchiuso nel penitenziario di Lewisburg dove morì.

 

L’Impero degli Incas

L’Impero degli Incas

I tesori nascosti delle mitiche civiltà peruviane

Autore/i: von Hagen Victor W.

Editore: Newton Compton Editori

traduzione di Pietro Negri, illustrazioni di Alberto Beltrán.

pp. 224, 26 tavv. b/n f.t., nn. ill. b/n, Roma

La storia estremamente ricca di interrogativi e problemi degli Incas è qui affrontata nelle sue enigmatiche sfaccettature archeologiche da uno dei maggiori esploratori dell’antico mondo latino—americano. Il fatto che non si abbiano tracce storiche delle culture pre-incaiche, oltre a quelle recentemente svelate dall’archeologia stratigrafica, va infatti attribuito agli stessi Incas, che nel corso delle loro conquiste manipolarono selettivamente ogni traccia dei Chavin, dei Mochica, dei Paracas, dei Nazca, dei Tiahuanaco, dei Chimù, riorganizzando non soltanto la terra e le popolazioni ma persino le «memorie». Di qui il duplice fascino di questa ricerca che procede nell’esplorazione del territorio andino sui due binari della ricostruzione e della documentazione, poiché è ormai certo che duemila anni prima degli Incas v’era già nel Perù un articolato sviluppo culturale.

Agopressione

Agopressione

Eliminare i dolori e curare i disturbi con la semplice pressione di un dito – L’antico metodo cinese di «agopuntura senza aghi» è oggi alla portata di tutti

Autore/i: Rosenberg Colorni Maurizio

Editore: Red Edizioni

introduzione dell’autore.

180, nn. ill. b/n, Como

L’agopressione è un metodo di cura che si basa sugli stessi principi (in gran parte tuttora sconosciuti) dell’agopuntura cinese. La differenza fondamentale è che l’inserzione dell’ago è sostituita dalla semplice pressione di un dito.
L’agopressione può quindi venire facilmente praticata da chiunque, anche prescindendo dalle complesse conoscenze richieste dall’agopuntura.
Nella Cina d’oggi l’agopressione è largamente in uso ed anche in altri Paesi va sempre più diffondendosi come terapia familiare e d’urgenza.
I risultati sorprendenti e rapidi che ciascuno può ottenere nell’eliminare moltissimi dolori (dal mal di testa al mal di denti, dalla lombaggine al torcicollo) e nel curare moltissimi disturbi (dal mal di mare all’insonnia, dall’impotenza al,raffreddore) ci dimostrano, tra l’altro, come sia spesso possibile fare a meno di ricorrere in continuazione all’uso di medicinali di cui spesso incerta e l’efficacia e certa invece la tossicità.

I Segreti Sessuali dell’Oriente

I Segreti Sessuali dell’Oriente

L’alchimia dell’estasi – Le millenarie tecniche erotiche che affondano le radici nelle antiche culture indiana e cinese

Autore/i: Douglas Nik; Slinger Penny

Editore: Newton Compton Editori

introduzione dell’autore, traduzione di Claudio Corvino.

pp. 384, riccamente illustrato b/n, Roma

Nell’uomo e nella donna si trovano tutti i materiali e le esperienze del mondo.
Uniti, questi materiali e queste esperienze, possono essere distillati ed armonizzati in una visione dell’unità dinamica che sottende il reale. Per secoli questa è stata oscurata da individui e istituzioni che promuovevano uno scisma fra corpo e mente, fra sentimento religioso e sessualità. La paura del misticismo è stata sorpassata solo dalla paura del potere liberatorio inerente alla sessualità dell’uomo. La repressione del misticismo, come della sessualità, in Occidente, riflette la loro segreta unione. Perché è nell’unione sessuale che l’esperienza estatica ed elevante del misticismo viene ad incontrarsi con tutti coloro che amano. Questa esperienza estatica nutre una consapevolezza spirituale spontanea che annulla le convenzioni e rende lo spirito libero di ricercare la sua origine.
Questo libro è uno studio completo sul sesso e sul misticismo. Non è mai apparso sull’argomento un lavoro di tale entità, lavoro che rappresenta un valido e vitale contributo alla comprensione della sessualità. Esplora il sentiero dell’amore e del misticismo basandosi sull’eredità e sulla saggezza delle grandi culture dell’Oriente. Creato da una coppia (scrittore ed artista), è destinato ad essere sperimentato quanto ad essere letto. L’opera si basa su più di duemila anni di autorevoli testi di medicina, filosofia e pratiche sessuali, molti dei quali mai visti o tradotti in Occidente.

Nik Douglas ha studiato arte, filosofia e medicina orientale e le relative pratiche sessuali Vivendo per otto anni sull’Himalaya. Ha studiato con dottori indiani, adepti del Tantra e lama Tibetani ed al tempo stesso ha imparato la lingua sanscrita e tibetana. Ha organizzato numerose mostre di arte orientale ed è stato utilizzato da importanti musei e collezioni private ad autenticare opere d’arte e scritture orientali.

Penny Slinger ha disegnato più di seicento illustrazioni per facilitare la comprensione del testo. Presentato in tutta Europa, il suo lavoro è stato accolto come «erotismo dinamico, moderno, un’esplorazione della sessualità femminile». Sono illustrate più di duecento posizioni erotiche, prese dalle collezioni più belle di tutto il mondo. Vi sono compresi anche un Kama Sutra illustrato completo, l’Ananga Ranga ed i principali trattati erotici taoisti, nuovamente tradotti dall’originale. L’illustratore ha attinto anche dagli esempi più belli dell’arte erotica Tantrica, peraltro mai pubblicati in precedenza.

La Fonte della Giovinezza

La Fonte della Giovinezza

Melatonina: abbiamo in noi l’ormone che ci impedirà di invecchiare?

Autore/i: Pierpaoli Walter; Regelson William; Colman Carol

Editore: Euroclub

nota di Daniele Razzoli, traduzione di Brunello Lotti e Francesco Campana; per le appendici di Isabella Blum.

pp. 288, ill. b/n, Milano

Fin da giovani venivamo educati a credere che l’orologio della vita abbia un unico senso di marcia, e che le sue lancette non possano che scandire ossessivamente l’avvicinarsi di un’età di disagi, malattie, rimpianti e nostalgia: la Vecchiaia.
Come reagiremmo se le lancette improvvisamente impazzite incominciassero a girare in senso antiorario, e se il nostro organismo seguendo un proprio orologio biologico ringiovanisse? Una domanda a cui presto dovremo rispondere perché due brillanti scienziati, Walter Pierpaoli e William Regel, sono arrivati alla sorprendente conclusione, qui per la prima volta esposta a un pubblico di non specialisti, che la vecchiaia è una malattia che si può prevenire, o curare. Trent’anni di ricerche nei laboratori di mezzo mondo hanno portato i due ricercatori su una strada rivoluzionaria: nel cervello è posta una ghiandola della dimensione di un pisello che rappresenta un vero e proprio orologio dell’invecchiamento dell’uomo, e che esercita la sua funzione attraverso un ormone, la melatonina, prodotta durante il nostro sonno. Con l’avanzare dell’età la pineale, questo il nome della ghiandola, rallenta la produzione di melatonina e alcuni esperimenti hanno dimostrato che il nostro organismo interpreta questo calo come un ordine di invecchiare. Ristabilire i valori giovanili della produzione di melatonina può, sotto controllo medico,  può non soltanto impedire l’invecchiamento e perfino farlo regredire, ma anche aumentare la resistenza alle malattie e allungare la durata della vita sessuale. Questo libro straordinario, semplice e convincente, già travolgente bestseller negli Stati Uniti, ci costringe a pensare alla nostra vita in modo del tutto nuovo. Abbeverarsi alla Fonte della giovinezza oggi è possibile per tutti? Anche se la ricerca ha ancora molto da apprendere dallo studio di questo ormone, Walter Pierpaoli e William Regelson ci invitano a conoscerlo e a sfatare gli odiosi tabù che la nostra società ancora associa alla vecchiaia.

Walter Pierpaoli, milanese, è medico e scienziato di fama mondiale.
Ha svolto la sua attività scientifica in diversi ambiti, che comprendono l’immunologia, l’endocrinologia e l’invecchiamento. E’ direttore del laboratorio della Fondazione Biancalana-Masera per l’Anziano Operato di Ancona e organizzatore dei congressi di Stromboli su Invecchiamento e Cancro (1987,1990, 1993).

William Regelson è docente al Medical College of Virginia, Virginia Commonwealth University di Richmond. Oncologo, microbiologo, esperto di ingegneria biomedica è oggi un’autorità, con oltre vent’anni di ricerca alle spalle, nel campo dell’invecchiamento.

Carol Colman è scrittrice specializzata in campo medico e coautrice di numerosi libri di successo.

Il Koka Shastra Illustrato

Il Koka Shastra Illustrato

Ovvero il Ratirahasya di Kokkoka ed altri testi medievali sull’amore

Autore/i: Autori vari

Editore: Gremese Editore

introduzione e cura di Alex Comfort, prefazione di W. G. Archer, traduzione dall’inglese di Ombretta Nicodemo.

pp. 128, riccamente e magnificamente illustrato con dipinti erotici indiani a colori, contiene illustrazioni e dipinti mai pubblicati, Roma

Dal Kama Sutra, la più ampia raccolta di istruzioni e consigli sulle più raffinate tecniche amorose orientali.

Il Koka Shastra e gli altri testi presenti nel volume sono per la letteratura indiana medievale ciò che il Kama Sutra è per la letteratura antica: una ricchissima raccolta di istruzioni e consigli sulle tecniche amorose e sulla caleidoscopica natura della sessualità umana.
Questa raccolta di opere erotiche indiane comprende e mette a contronto il testo completo del Koka Shastra e del Ratimanjari, insieme a minuziose citazioni tratte dall’Ananga Ranga, dal Pañchasaiyaka e da altri significativi testi consacrati all’arte amatoria.
Sono testimonianze uniche sia da un punto di vista squisitamente letterario che per quanto riguarda i contenuti. La letteratura erotica indiana si è rivelata intatti un’importante fonte (di conoscenza per studiosi, critici e psicologi, ma è altrettanto interessante per i comuni lettori, grazie allo spaccato che oltre ad una società che ha inteso la sessualità come un bene concreto, ne ha considerato i più diversi risvolti come altrettanti aspetti di una vita sana ed equilibrata.

Magnificamente illustrata in ogni sua parte con una preziosa serie di dipinti ad alto contenuto erotico prodotti in india nel corso di diversi secoli di suggestiva produzione artistica, quest’opera è una celebrazione unica di alcuni tra i migliori esempi di letteratura erotica orientale.

Questi testi si basano infatti su quella che è nota come la più originale opera classica sull’erotismo. L’originale versione di Alex Comfort sessuologo di fama internazionale ha saputo coniugare l’antica saggezza orientale con la moderna sensibilità occidentale, rendendo comprensibile ed attuale il testo medievale, senza perderne la delicata poesia.

Alex Comtort è un sessuologo, autore del best seller “La gioia del sesso”, ha scritto diverse opere letterarie, scientifiche e mediche. Comfort è considerato l’inventore del moderno manuale sulla sessualità, ed è particolarmente noto per la chiarezza e sincerità dei suoi scritti. Nella sua versione del Koka Shastra, Comfort è riuscito a trasporre tutta la poetica delicatezza e la profondità della cultura erotica indiana in un linguaggio comprensibile e ricco di sfumature, anche per il lettore occidentale.

 

La Religione del Corano

La Religione del Corano

Autore/i: Rahman Fazlur

Editore: Il Saggiatore

prima edizione, prefazione e introduzione dell’autore, traduzione di Quirino Maffi.

pp. 464, 56 tavv. a colori e b/n, Milano

L’Islam raccoglie intorno a sé un settimo della popolazione del mondo e si estende su una vasta fascia geografica che, dalle coste atlantiche dell’Africa, si spinge fino alla Cina. Una fede, quella musulmana, che ancor oggi influisce profondamente sulla vita individuale e collettiva, e che diede luogo a uno dei fenomeni più sorprendenti dell’intera storia dell’umanità: la trasformazione pressoché istantanea di un’oscura tribù di Arabi semianalfabeti nella casta dominante, possente e illuminata, di un impero che nel giro di un secolo portò i suoi confini fino a Samarcanda e a Toledo travolgendo eserciti e istituzioni, assimilando e insieme trasformando popoli e culture; generando, insomma, una nuova civiltà, una civiltà in cui l’elemento religioso e quello civile, lo spirituale e il temporale si compenetrano vicendevolmente in modo particolarmente accentuato. Per comprendere quindi i trionfi e i tracolli di tale civiltà, per valutare le condizioni presenti e le prospettive del mondo arabo, occorre rifarsi al suo fondamento religioso, a quella rivelazione di Maometto, contenuta nel Corano, che rende tutti i fedeli, costituiti in comunità, portatori della volontà di Dio, obbligati ad accettarla individualmente e collettivamente, come impegno etico e insieme civile, politico. La presente opera darà al lettore una visione chiara e approfondita della religione musulmana, e perciò della civiltà islamica. L’autore, studioso di chiara fama e musulmano egli stesso, compie un’analisi di impareggiabile acutezza dei molteplici aspetti dell’islamismo, considerandolo su vari piani, dal teologico all’etico al sociale, e attraverso le sue fasi storiche, dalla predicazione di Maometto agli attuali tentativi di modernizzazione e di adeguamento al mondo contemporaneo.

Fazlur Rahman è nato nel Pakistan nordoccidentale nel 1919. Nel 1942 si è laureato all’Università del Punjab. Ottenuto ad Oxford il titoio di dottore in filosofia, nel 1950, è stato per alcuni anni docente all’Università di Durham, quindi all’Istituto degli Studi Islamici all’Università McGill di Montreal. Attualmente è direttore dell’Istituto di Ricerche Islamiche di Karachi organizzate dal Governo del Pakistan, e membro del Comitato Consultivo dell’Ideologia Islamica, sempre del Governo del Pakistan. Rahman ha viaggiato ripetutamente in tutti i paesi musulmani ed ha scritto sui vari aspetti sia dell’islamismo classico sia dei moderni sviluppi riformistlici del mondo musulmano.

 

Le Grandi Date dell’Islam

Le Grandi Date dell’Islam

Autore/i: Autori vari

Editore: Edizioni Paoline

a cura di Robert Mantran, edizione italiana a cura di Claudio Balzaretti.

pp. 404, ill. a colori, Cinisello Balsamo (MI)

Il mondo musulmano occupa un posto decisivo nel nostro universo.
Un miliardo di uomini – tanti appartengono all’Islam – rappresentano una percentuale rilevante della popolazione planetaria, destinata ad aumentare sotto la spinta dell’incremento demografico e dell’espansione della religione musulmana. All’origine di questo fenomeno vi è una storia complessa, ricca di tradizioni e di cultura, d’arte e di costumi che hanno formato una grande civiltà, non adeguatamente conosciuta in Occidente. Il presente volume, nella veste di una cronologia dell’Islam, offre un quadro completo e preciso di tale civiltà nella sua evoluzione storica.
Mancava al pubblico italiano un’opera di rapida consultazione così ricca di informazioni da poter vantare la pretesa di essere una piccola enciclopedia, necessaria per comprendere tante altre pubblicazioni sul mondo islamico. Sia lo specialista che lo studente possono accostarsi ai vari aspetti della civiltà islamica: politica e società (stati e popoli), religione, cultura, economia.
Il volume è arricchito da schede biografiche degli uomini che hanno segnato le diverse epoche della storia dell’Islam e da una bibliografia aggiornata ed esauriente.
La consultazione è inoltre agevolata da sussidi di sicura utilità:
– glossario
– tavole dinastiche
– cartine illustrate
– indice dei nomi

I Regni dei Celti

I Regni dei Celti

Autore/i: Dillon Myles; Chadwick Nora

Editore: Il Saggiatore

prima edizione, prefazione degli autori, traduzione di Michele Lo Buono.

pp. 574, 56 tavv. a colori e b/n, Milano

Inizialmente insediati nell’Europa centromeridionale, fin dall’età del bronzo, e forse già nel 2000 a.C., i popoli celtici finirono per espandersi in un territorio vastissimo, che andava dai Carpazi alle Isole Britanniche: entro il IV secolo erano il gruppo etnico più diffuso e potente d’Europa. L’unità di lingua, di costumi, dell’arte e di un temperamento tipico dei Celti appare dalle testimonianze che se ne sono trovate – opere di scultura a sbalzo su metallo, ceramiche policrome, figure intagliate nella pietra – e da quanto dissero le più autorevoli fonti storiche dell’età classica. L’impegno che Cesare mise nel conquistare il territorio gallico e nel lasciarne memoria, indica quanto importante fosse giudicata l’impresa: «Gallia omnis divisa est in partes tres … » Erano i primi, veri, e i più temibili barbari con i quali la civiltà romana veniva a misurarsi. Erano grandi, biondi, incredibilmente coraggiosi e pronti alla guerra; le loro donne li seguivano nella battaglia, e li incitavano, dai carri, a lottare fino all’ultimo sangue: un nemico, degno del grande condottiero romano. Dalla conquista latina, i Celti trassero una nuova lingua nella quale lasciare testimonianze scritte di sé. E con la diffusione del cristianesimo un’anima nuova si sposò a quella originaria dei Celti, dando luogo a una ricchissima fioritura letteraria. La loro sensibilità e attenzione alla natura, raffigurata in termini di decorazione fantastica, il loro temperamento generoso e passionale, produsse, a contatto dello spirito evangelico, un movimento definibile come una sorta di proto-romanticismo. Il tema dell’Amore tragico vi prevaleva: Tristano e Isolda, come mito, sono di origine celtica. In Britannia e in Irlanda, dopo il V secolo d.C., si configura una nuova tappa della civiltà celtica, con caratteristiche ormai chiaramente delineate in tutti i loro aspetti: poeti e filosofi sono alla ribalta, nelle corti e nei monasteri, veri centri di cultura e di meditazione fruttuosa, ormai non più solo per l’area specificamente indigena, ma per l’Europa intera. Si formano le saghe, i poemi, i cicli di « canzoni» che preludono al grande ciclo di re Artu’. Fino alla conquista normanna – fino, cioè, a quando si può parlare di una vera civiltà celtica, autonoma, anche se arricchita da influssi stranieri – si estende la disanima contenuta in questo libro; che, nella sua ampia rassegna, rende conto di ogni aspetto e di ogni età di tale storia e cultura, valendosi, per la ricostruzione degli eventi e per la documentazione, di tutte le fonti più importanti, antiche e recenti, sull’argomento, ad opera di due eminenti studiosi.

Dei due autori di quest’opera, Myles Dillon è titolare della cattedra al Dublin Institute degli Advanced Studies. Precedentemente aveva insegnato celtico all’università di Wisconsin, celtico e linguistica all’università di Chicago, e celtico all’università di Edimburgo. Gli si devono altre opere fondamentali sull’argomento, quali: ù Cycles of the Kings, Early Irish Literature, The Book of Rights. Nora Chadwick è membro onorario a vita del Newnham College di Cambridge; in passato è stata lettrice di Early History and Culture of the British Isles all’università di Cambridge e di Studies in Anglo-Saxon and Celtic subjects nei colleges di Newnham e di Girton. Tra le sue opere specialistiche, citiamo: Celtic Britain, The Age of the Saints in the Early Celtic Church e Poetry and Letters in Early Christian Gaul.

 

Religioni Africane

Religioni Africane

Autore/i: Dammann Ernst

Editore: Il Saggiatore

prima edizione, prefazione e introduzione dell’autore, traduzione di Claudia Diversi Caprino.

pp. 464, 56 tavv. a colori e b/n, Milano

Nella cultura di tutte le società africane a sud del Sahara domina, sia pure in forme assai diverse, la componente religiosa. L’autore di questo libro la esamina in una vasta accezione, assai simile a quella già suggerita da van der Leeuw: quale rapporto, cioè, con una «potenza» sovrastante e tuttavia piu spesso immanente che trascendente. In tutta l’Africa nera, l’uomo fa un’esperienza quotidiana di questa forza a lui superiore; quasi mai però la subisce con passiva rassegnazione e cerca, piuttosto, di conoscerne le leggi segrete e di ottenerne così, almeno parzialmente, il controllo. I rituali più diversi, le procedure magiche non meno delle forme arcaiche di scienza, trovano una loro possibile giustificazione unitaria in questo sforzo, cui neppure l’arte è estranea. L’interesse del libro di Ernst Dammann è dovuto soprattutto alla sua completezza, dato che vi appare ampiamente descritto e interpretato ogni singolo fenomeno della religiosità africana: il «dinamismo» presente nei concetti di forza vitale, di anima, di «sosia interiore» (ma anche nei poteri pratici attribuiti ai guaritori, ai maghi, ai profeti); il mito e i suoi protagonisti, come l’Eroe culturale, l’Uomo celeste, il Demiurgo (e sopra tutti l’Essere supremo, quasi un primo approccio «razionale» al monoteismo); i sottili rapporti tra uomo e mondo animale (totemismo clanico, totemismo individuale); i riti di passaggio (cerimonie natali, nuziali e funebri; iniziazioni alla pubertà, alle società segrete, a speciali funzioni); gli influssi, infine, della religione sull’arte, la narrativa e la poesia, sull’economia, sul linguaggio e in genere su ogni aspetto del comportamento. Gli ultimi capitoli, poi, sono di rara attualità dato che introducono una visione storico-dinamica in un contesto che fu quasi sempre giudicato immobile: riguardano infatti il proselitismo delle religioni straniere (ebraismo, cristianesimo e soprattutto islamismo), la presenza di nuovi fattori laici e politici, le trasformazioni più o meno recenti della cultura spirituale negro-africana. L’opera, nella presente edizione italiana, è stata integrata da una ricca serie di illustrazioni: scorci di paesaggio e rappresentazioni tipiche dell’Africa di sempre. Tali immagini, scelte con cura, acquistano particolare valore proprio perché l’illuminante testo fa si che il lettore ne colga ogni valore e significato con occhi nuovi, con comprensione piena.

Ernst Dammann, nato a Pinneberg il 6 maggio 1904, è un quotatissimo africanista. Docente di storia delle religioni, ha insegnato ad Amburgo (1940), all’università Humboldt di Berlino (1957), a Marburgo (1962). Fra le sue pubblicazioni principali, una raccolta di testi poetici in un dialetto Suaheli (1940), una grammatica Kwangali, con relativo sommario (1957), e il presente saggio. Articoli numerosi, inoltre, in molte riviste specializzate.

 

La Nascita del Mondo Moderno in Asia Orientale

La Nascita del Mondo Moderno in Asia Orientale

la penetrazione europea e la crisi delle società tradizionali in india, cina e giappone

Autore/i: Borsa Giorgio

Editore: Rizzoli

prima edizione, prefazione dell’autore.

pp. 608, Milano

«Ancor più significativi delle strutture profonde della vita – scrive Fernand Braudel, uno degli storici che ha maggiormente contribuito al rinnovamento delle scienze umane nell’età contemporanea – sono i loro punti di rottura, il loro rapido deterioramento ad opera di pressioni costanti. » Giorgio Borsa studia qui uno di questi momenti di rottura, di queste grandi svolte storiche : la crisi cioè che ha investito le società tradizionali dell’India, della Cina e del Giappone per effetto della penetrazione occidentale e la fase iniziale del processo di trasformazione che il confronto o più spesso lo scontro con l’occidente hanno messo in moto nei tre paesi. In ciascuno il processo di modernizzazione ha avuto origine come risposta ad un medesimo stimolo, la pressione imperialista, ma si è poi sviluppato in modo autonomo perché condizionato da un diverso ambiente storico, socioeconomico e culturale; esso viene perciò studiato dal Borsa separatamente per ciascun paese ma in un contesto unitario, attraverso l’analisi delle strutture tradizionali fusa armonicamente con la narrazione degli avvenimenti e non separatamente da questi com’è uso prevalente nella storiografia strutturalista. Con l’opera del Borsa, destinata a segnare un momento importante nella produzione storica degli ultimi anni, la storiografia italiana partecipa al dibattito su uno dei grandi temi della storia mondiale in discussione tra gli studiosi europei, americani ed asiatici; e vi partecipa autorevolmente, proponendo un modello interpretativo che si rivela ogni giorno più fecondo. Anche avvenimenti recenti, come le crisi in atto in Cina ed in India, appaiono il risultato dello scontro fra i fautori di una modernizzazione secondo il modello occidentale e quanti si preoccupano di adattare tale modello alla specificità delle situazioni cinese ed indiana. Per essere pienamente compresi, tali avvenimenti vanno considerati sullo sfondo del processo storico analizzato dal Borsa, poiché, come avvertiva il Michelet più di un secolo fa «colui che vorrà limitarsi al presente, all’attuale, non comprenderà l’attuale medesimo».

L’Universo Sconosciuto

L’Universo Sconosciuto

Autore/i: Charon Jean E.

Editore: Edizioni Dellavalle

prefazione di Charles-Noël Martin, traduzione di Angelo Safina.

pp. 290, ill. b/n, Torino

Dalla Prefazione:
Fra tutte le ragioni che l’uomo ha di sognare ad occhi aperti – e non sono poi così numerose, in fondo -, lo spettacolo della volta stellata è probabilmente la più bella.
Il cittadino della nostra civiltà moderna non sa più che impressione sbalorditiva e maestosa si provi quando, in una bella serata d’estate, in campagna, si alzano gli occhi verso il pallido lucore della Via Lattea. Da quella luce difficile da localizzare esattamente, si diffonde un’impressione di calma, ma in essa è anche contenuto un mistero. E si comprende benissimo come gli Antichi, incapaci di spiegare, abbiano associato agli oggetti celesti un valore magico a base di adorazione.
È stato detto della matematica che era la regina delle scienze. Si può allora affermare che l’astronomia è la scienza delle scienze poiché essa ora le contiene tutte, dalla geometria alla fisica nucleare, dalla fisica teorica sino all’ottica passando per la meccanica, la radiotecnica, l’analisi degli elementi per spettroscopia, la chimica, la relatività, i quanta. Così, dopo essere stata la sorgente di un mistero per l’occhio, l’astronomia oggi serve da inesauribile sorgente per i misteri intellettivi accumulati dalla fisica moderna, sperimentale e teorica. Il bel libro di Jean Charon affronta l’astronomia sotto questo aspetto dei problemi non ancora risolti. Esso mette in modo particolare l’accento sui grandi misteri quasi metafisici delle lontanissime strutture scoperte recentemente.

Il Gesuita Proibito

Il Gesuita Proibito

Vita e opere di P. Teilhard De Chardin

Autore/i: Vigorelli Giancarlo

Editore: Il Saggiatore

seconda edizione.

pp. 400, Milano

«Ho scritto questo libro su Pierre Teilhard de Chardin per rompere finalmente il silenzio, che in Italia dura oramai da troppi anni, intorno al suo nome, sopratutto sulle sue idee, già deformate prima d’essere conosciute. Se si escludono le interessanti ma diversive Lettere di viaggio, o qualche rara pagina sparsa, niente è stato tradotto da noi; la pubblicazione di tutte le sue opere scientifiche, religiose, filosofiche, sociali è ancora proibita. Per infrangere questa proibizione, oltre al racconto scheggiato della sua vita ed alla illustrazione integrale del suo pensiero, il lettore troverà qui, perciò, una trascrizione intensa delle sue pagine più strutturali, più anticipatrici, più polemiche. Questo libro, se ha un merito, è di avere voluto essere, al di là di qualsiasi censura, l’ideario fedele e completo di Teilhard; ed io, spesso, ho ridotto ogni commento, per lasciare che egli parlasse da sé, con la sua viva voce, preferendo farmene, più che l’interprete, l’introduttore e l’intermediario.[…]»

Il Santo Graal

Il Santo Graal

Una catena di misteri lunga duemila anni

Autore/i: Baigent Michael; Leigh Richard; Lincoln Henry

Editore: Mondadori

introduzione di Henry Lincoln, traduzione di Roberta Rambelli.

pp. 484, ill. b/n, Milano

La leggenda inquietante che da duemila anni accompagna la storia del Cristianesimo.

Se tutto ciò che è scritto in questo libro corrisponde al vero, l’intera storia religiosa e politica dell’Occidente è molto diversa da come è stata sempre raccontata. Prendendo avvio da alcuni incredibili indizi ritrovati a Carcassonne, centro della Francia meridionale, Michael Baigent, Richard Leigh e Henry Lincoln danno vita a un’inchiesta storica da cui emerge un quadro quanto mai sconvolgente: Gesù non morì sulla croce, sposò Maria Maddalena da cui ebbe alcuni figli e, con la famiglia, si rifugiò in Francia presso una comunità ebraica. I suoi discendenti regnarono con il nome di Merovingi, creando successivamente il Sacro Romano Impero, maestoso disegno di un’Europa finalmente unita. Fallito sul piano politico, questo progetto avrebbe invece continuato a vivere grazie a sette religioso-esoteriche come i Templari, gli Albigesi, i Cavalieri Teutonici, e a società facenti capo a un’organizzazione ancora più misteriosa, il «Priorato di Sion», alla quale sono stati collegati, nel corso dei secoli, alcuni fra i nomi più prestigiosi dell’arte, della scienza e persino della Chiesa cattolica.
Insolito e imprevedibile reportage su duemila anni di storia, Il Santo Graal trascina il lettore in un gioco affascinante di fatti, ipotesi, analisi, interpretazioni e strabilianti coincidenze, facendo rivivere il mistero di una grande leggenda.

Michael Baigent (1948), giornalista e fotoreporter, ha dedicato anni a ricerche approfondite sui Cavalieri Templari.

Richard Leigh (1943), romanziere e studioso di letterature comparate, storia, filosofia, psicologia ed esoterismo, è autore, insieme a Michael Baigent, di Il mistero del Mar Morto (1997), L’elisir e la pietra (1998) e I segreti della Germania nazista. I retroscena più sconvolgenti e le verità mai rivelate sul Terzo Reich durante la seconda guerra mondiale (2000).

Henry Lincoln (1930), studioso di storia e cultura francese, è un egittologo di fama. Fra i suoi libri ricordiamo: Il codice segreto della croce (2000), con Richard Leigh e Michael Baigent L’eredità messianica (1996) e, insieme a Erling Haagensen, L’isola segreta dei Templari. Alla ricerca del tesoro perduto (2002).